Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Terapie
  4. Mastoplastica Additiva

Mastoplastica additiva

Mastoplastica additiva
Curatore scientifico
Dr. Riccardo Gazzola
Specialità del contenuto
Chirurgia plastica

Che cos'è la mastoplastica additiva?

La mastoplastica additiva è una procedura chirurgica per aumentare le dimensioni del seno. Durante la mastoplastica additiva, protesi mammarie vengono poste sotto il tessuto ghiandolare o sotto il muscolo grande pettorale. Per le donne l'aumento del seno è:

  • un modo per aumentare l'autostima e la fiducia in se stesse
  • un modo per ricostruire un seno dopo un intervento chirurgico per cancro al seno o altre patologie che coinvolgono il seno

Se state pensando ad un intervento di mastoplastica additiva, consultare un chirurgo plastico. E' importante capire quali rischi e complicanze comporta l'intervento.

Perché una donna sceglie di aumentare il seno?

L'aumento del seno può aiutare a:

  • migliorare l'aspetto del seno se si pensa che i seni sono troppo piccoli o che un seno è più piccolo rispetto all'altro
  • a ridurre le dimensioni del seno dopo la gravidanza

L’intervento non serve solo per aumentare le dimensioni del seno, ma anche per correggerne piccoli difetti di forma, asimmetrie o anche una lieve ptosi.

L'importante è discutere i propri obiettivi con il chirurgo in modo da poter sviluppare una prospettiva realistica di ciò che l'aumento del seno è in grado di fornire.

Quali sono i rischi della mastoplastica additiva?

La mastoplastica additiva comporta diversi rischi, tra cui:

  • infezione
  • dolore al seno
  • cambiamenti potenzialmente permanenti del capezzolo e della sua sensibilità
  • tessuto cicatriziale può provocare dolore distorsione della forma della protesi mammaria (contrattura capsulare)
  • perdita o rottura

La correzione di una qualsiasi di queste complicanze può richiedere un ulteriore intervento chirurgico per rimuovere o sostituire gli impianti.

Come si prepara la mastoplastica additiva?

Inizialmente, si consulta con un chirurgo plastico per discutere su:

  • preferenze per quanto riguarda l'aspetto
  • dimensioni
  • sensazione complessiva del seno

Il chirurgo descriverà specifiche tipologie di impianti e forme, come:

  • seno liscio
  • seno strutturato
  • seno rotondo
  • sagomato come una lacrima

Prima di decidere di andare avanti con la chirurgia è importante considerare alcuni fattori importanti circa l'aumento del seno, come:

  • rimozione o sostituzione periodica delle protesi mammarie
  • necessità di un ulteriore intervento chirurgico dopo la rimozione delle protesi mammarie. Se le protesi mammarie vengono rimosse per qualsiasi ragione, si possono verificare inaccettabili modifiche estetiche

Durante la visita va effettuato un esame obiettivo completo del seno e che è necessario eseguire ecografia / mammografia a seconda dell’età della paziente per valutare la struttura delle mammelle ed escludere eventuali patologie mammarie.

Le protesi mammarie non impediscono al seno di cedere. Per correggere il seno cadente, alcune donne hanno bisogno di prendere in considerazione un lifting del seno oltre alla mastoplastica additiva. Inoltre, a seconda di come è fatto, l'aumento del seno può rendere l'allattamento al seno più impegnativo.La mammografia può essere più complicata. Mammografie di routine spesso richiedono ulteriori, visite specializzate. La qualità della mammografia dipenderà dalla esperienza e dalla competenza del tecnico e della struttura selezionata.

Cosa ci si può aspettare dopo una mastoplastica additiva?

L'aumento del seno può essere realizzato in un centro chirurgico o ambulatoriale di una struttura ospedaliera. Si può tornare casa lo stesso giorno, ma a volte la procedura richiede una degenza ospedaliera. In alcuni casi, l'aumento del seno viene eseguito in:

  • anestesia locale
  • anestesia generale

Per inserire la protesi mammaria, il chirurgo farà un'incisione in uno dei tre posti:

  • Lungo la piega nella parte inferiore del seno (sottomammario)
  • Intorno al capezzolo (periareolare)
  • Sotto il braccio (ascellare)

Dopo aver effettuato una incisione, il chirurgo separerà il tessuto ghiandolare della mammella dai muscoli e il tessuto connettivo del torace per creare una tasca. Il chirurgo inseririrà l'impianto in questa tasca o al centro, dietro il capezzolo. Quando l'impianto è in posizione, il chirurgo chiuderà l'incisione con punti (suture) o nastro chirurgico.Dopo la procedura, dolore e gonfiore per alcune settimane sono effetti comuni. Si può inoltre notare la presenza di lividi, intorpidimento o una sensazione di bruciore nei capezzoli. Le cicatrici possono apparire inizialmente rosa. Può essere utile indossare un bendaggio compressivo o un reggiseno sportivo per un sostegno supplementare.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Mentoplastica
Lo scopo della mentoplastica è aumentare o ridurre la sporgenza e il volume del mento, per ottenere un profilo del volto più armonioso.
Labioplastica
La labioplastica è uno degli interventi più richiesti dalle donne in quanto permette di migliorare l'aspetto estetico delle piccole labbr...
Lifting
Il lifting (sollevamento in inglese) è una delle tecniche più utilizzate per ovviare a tali problemi, e prevede un ‘tiraggio’ chirurgico ...