Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Terapie
  4. Prolasso Rettale

Chirurgia per il prolasso rettale

Chirurgia per il prolasso rettale
Curatore scientifico
Dr. Attilio Sebastiano
Specialità del contenuto
Proctologia

Che cos’è la chirurgia per il prolasso rettale

La chirurgia per il prolasso rettale è una procedura per riparare il prolasso rettale. Il prolasso rettale si verifica quando una parte del retto (gli ultimi centimetri del colon) sporge dall'ano. La chirurgia del prolasso rettale può alleviare il disagio e ridurre l'incontinenza fecale in alcune persone con prolasso rettale.

Esistono varie tecniche per eseguire l'intervento chirurgico del prolasso rettale. Il chirurgo suggerirà l'appropriato approccio chirurgico del prolasso rettale in base alla condizione e alla salute generale. La chirurgia per il prolasso rettale viene in genere eseguita in anestesia generale e richiede di rimanere in ospedale per alcuni giorni.

Perché si ricorre all’intervento per il prolasso rettale

La chirurgia per il prolasso rettale viene eseguita nelle persone con infezione cronica da prolasso rettale. La chirurgia viene svolta per alleviare il disagio dato dal prolasso rettale e può anche ridurre l'incontinenza fecale.

Per i casi di prolasso rettale occasionali possono essere utili delle misure di self-care. Per alcune persone, minori episodi prolasso rettale si verificano di tanto in tanto quando si sforzano per avere un movimento intestinale. In queste persone, il prolasso rettale può andare via da solo. Il prolasso rettale può essere prevenuto seguendo una dieta ricca di fibre, bevendo molti liquidi, e prendendo lassativi ed emollienti delle feci.

Rischi dell’intervento per prolasso rettale

La chirurgia per il prolasso rettale comporta un rischio di complicanze gravi. Ogni tecnica per la riparazione di prolasso rettale ha i propri rischi. Ma in generale, i rischi della chirurgia del prolasso rettale includono:

  • emorragia;
  • occlusione intestinale;
  • danni a strutture vicine, come nervi e organi;
  • infezione;
  • restringimento del retto;
  • recidiva del prolasso rettale;
  • stitichezza peggiorata.

Come avviene un intervento di chirurgia per il prolasso rettale

Per preparare la chirurgia del prolasso rettale, il medico può chiedere di:

  • Bere un liquido per pulire l’intestino. Verrà chiesto al paziente di bere una soluzione che pulisca dalle feci il colon ed il retto nei giorni precedenti l'intervento chirurgico.
  • Fare la doccia con un sapone speciale. Prima dell’intervento, verrà chiesto al paziente di fare una doccia con sapone antibatterico speciale per aiutare a prevenire che i germi sulla pelle causino un’infezione dopo l'intervento chirurgico.
  • Interrompere l'assunzione di alcuni farmaci. A seconda della procedura, potrebbe essere chiesto di interrompere l'assunzione di alcuni farmaci. 
  • Prepararsi al soggiorno in ospedale. È probabile che sia necessario trascorrere qualche giorno in ospedale dopo l'intervento chirurgico del prolasso rettale. È bene pianificare in anticipo in modo che la degenza possa essere il più confortevole, portando: articoli per la cura personale, come ad esempio lo spazzolino da denti o le forniture da barba;  abiti comodi, come un accappatoio e ciabattine; qualcosa per intrattenersi, come tablet, libri e giochi.

Cosa avviene dopo la chirurgia del prolasso rettale

Un certo numero di differenti tecniche chirurgiche vengono utilizzate per riparare prolasso rettale. Quale approccio il chirurgo decide di utilizzare dipende da una serie di fattori, come la causa presunta del prolasso rettale, gli altri problemi di salute, e l'esperienza del chirurgo e le sue preferenze. 

In generale, i tipi di chirurgia prolasso rettale comprendono:

  • Riparazione del prolasso rettale attraverso l'ano.Un tipo di intervento chirurgico del prolasso rettale prevede di eseguire l'intervento chirurgico attraverso l'ano. La chirurgia del prolasso rettale attraverso l'ano è talvolta chiamata rettosigmoidectomia perineale.
  • Rettosigmoidectomia perineale. Durante questa procedura, il chirurgo rimuove una parte del retto e cuce il colon al retto rimanente. La rettosigmoidectomia perineale può essere eseguita con anestesia locale, durante la quale si resta svegli. Questo approccio alla chirurgia del prolasso rettale comporta generalmente un rischio minore di complicanze e richiede meno tempo in ospedale. Tuttavia, vi è una certa preoccupazione che questa procedura comporta un maggior rischio di recidiva del prolasso rettale.
  • Riparazione del prolasso rettale attraverso l'addome. La chirurgia del prolasso rettale può essere eseguita anche facendo un'incisione nell'addome. In questa procedura, a volte chiamata rettopessi anteriore, il chirurgo tira il retto posteriore all'interno del corpo e assicura il retto al tessuto attorno all’osso sacro, la struttura ossea sopra il coccige e sotto la colonna vertebrale. Il chirurgo mantiene il retto con suture o con una fionda a rete che supporta il retto. In alcuni casi, il chirurgo può rimuovere una porzione del colon in una procedura chiamata resezione. L'approccio chirurgico addominale per il prolasso rettale richiede l'anestesia generale, in modo da non essere coscienti durante la procedura. L'approccio addominale comporta un maggiore rischio di complicazioni, ma alcune evidenze suggeriscono che il prolasso rettale può essere meno a rischio di reiterazione utilizzando questa tecnica.
  • Chirurgia mini invasiva per il prolasso rettale. La chirurgia del prolasso rettale può essere effettuata anche utilizzando piccole incisioni nell'addome. Questa procedura è talvolta chiamato chirurgia laparoscopica del prolasso rettale. Il chirurgo inserisce strumenti chirurgici speciali e una piccola telecamera attraverso le incisioni addominali per riparare il prolasso rettale. La chirurgia laparoscopica del prolasso rettale richiede l'anestesia generale. L'approccio mini-invasivo può ridurre il rischio di complicanze e il recupero in velocità, ma non è opportuno per tutti.

Cosa avviene dopo l'intervento chirurgico di prolasso rettale

Dopo l'intervento chirurgico potrebbe essere necessario trascorrere qualche giorno in ospedale, per recuperare la funzione intestinale. Si può iniziare a bere liquidi e infine si passa agli alimenti solidi. Quanto tempo si trascorre in ospedale dipenderà da quale procedura è stata utilizzata per l'intervento chirurgico del prolasso rettale.

Risultati della chirurgia del prolasso rettale

La chirurgia del prolasso rettale può alleviare il disagio dato dal prolasso rettale. Per molte persone, la chirurgia del prolasso rettale può anche ridurre l'incontinenza fecale associata a questa condizione. Tuttavia, può essere necessario fino a un anno di tempo per valutare come la chirurgia abbia colpito la funzione intestinale.

Anche dopo l'intervento chirurgico del prolasso rettale, c'è ancora la possibilità che il prolasso rettale possa verificarsi di nuovo. È bene parlare con il proprio medico circa il rischio di recidiva e che cosa si può fare per ridurre il rischio.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Clistere
Quando si parla di clistere si intende l’introduzione di un liquido attraverso l’ano, allo scopo di stimolare l’evacuazione.
Colpoperineoplastica
La colpoperineoplastica è un intervengo chiurgico grazie al quale viene ricostruita o corretta la parte perineale e vaginale della donna....
Trattamento per le emorroidi
Il trattamento per le emorroidi è una procedura che viene effettuata legando con un elastico le emorroidi alla base e serve per tagliare ...