Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Traumi
  4. Frattura Dell Avambraccio

Frattura dell'avambraccio

Frattura dell'avambraccio
Curatore scientifico
Lorenzo Bichi
Specialità del contenuto
Ortopedia e traumatologia

Che cos'è una frattura dell'avambraccio?

Una frattura dell'avambraccio si verifica quando vi è una frattura di una o di entrambe le ossa dell'avambraccio. Le due ossa dell'avambraccio sono il radio e l'ulna, entrambe sono importanti per il movimento del gomito e del polso e fungono da collegamento ai muscoli dell'arto superiore.

Come si verifica una frattura dell'avambraccio?

Comunemente, una frattura dell'avambraccio si verifica a seguito di una caduta violenta sulla mano o un colpo diretto all'avambraccio.

Quali sono i sintomi di una frattura dell'avambraccio?

I sintomi di una frattura dell'avambraccio sono:

  • dolore
  • gonfiore
  • deformità dell'avambraccio

Come si diagnostica una frattura dell'avambraccio?

La diagnosi di una frattura dell'avambraccio può essere eseguita con un adeguato esame fisico e studio di radiografie.

Quali sono i tipi di fratture dell'avambraccio?

Le fratture dell'avambraccio sono:

  • frattura isolata dell'albero radiale
  • frattura di entrambe le ossa

Come viene trattata?

Tutte le fratture dell'avambraccio dovrebbero venire stabilizzate perché non sono disponibili altri mezzi di gestione che forniscano un risultato paragonabile. Di seguito, sono riportate indicazioni specifiche per il trattamento operativo:

  • frattura di entrambe le ossa (cioè raggio e ulna)
  • dislocazioni di frattura, dislocazioni di fratture di Monteggia e dislocazioni di fratture di Galeazzi
  • fratture al raggio isolate
  • fratture all’ulna sfalsate
  • unione o non unione ritardata
  • fratture aperte
  • fratture associate a una sindrome compartimentale, indipendentemente dalla portata dello spostamento
  • fratture patologiche

Le fratture compatte altamente contaminate, in particolare con la perdita ossea, possono essere gestite con fissazione esterna temporanea e fissazione interna ritardata.

Il gesso deve essere applicato con il gomito in flessione di 90°. La posizione stabile di pronazione o supinazione può essere trovata mediante screening dell'immagine, ma in genere le fratture del terzo prossimale sono stabili nella supinazione, le fratture del terzo mezzo sono stabili in posizione neutrale e le fratture del terzo distale sono stabili in pronazione. Il follow-up di questi pazienti con radiografia in entrambi i piani a intervalli settimanali per le prime 4 settimane è obbligatorio per rilevare un rapido spostamento della frattura.

La frattura con la minima macinazione (solitamente l'ulna) è fissata per prima. Dopo la riduzione e la fissazione provvisoria di entrambe le ossa, la pronazione e la supinazione vengono esaminate se viene eseguita una normale fissazione definitiva. La piastra deve essere accuratamente centrata sulla frattura ridotta e deve essere della lunghezza sufficiente per consentire di fissare con viti su ciascun lato della frattura. Le piastre devono essere contornate per adattarsi all'osso, in particolare al raggio, per mantenere l'arco normale del raggio per il ripristino della funzione normale. 

La regola generale è che l'innesto osseo è raccomandato quando si sovrasta più di un terzo della circonferenza dell'osso. Se questo viene istituito, deve essere eseguito lontano dalla membrana interossea per ridurre il rischio di sinostosi.

Il chiodo periferico midollare mantiene l'arco radiale e la forma trasversale triangolare impedendo l'instabilità rotazionale.

Quando i dispositivi intramidollari vengono utilizzati in persone in una frattura di entrambe le ossa, la fissazione del raggio deve essere sufficientemente stabile per impedire il crollo dell'arco radiale; altrimenti si può verificare l'allungamento del raggio e la distrazione della frattura ulnare, con conseguente non unione in entrambe le ossa. Il punto di ingresso per la chiodatura intramidollare dell'ulna è fatta nell'ulna prossimale. 

Le indicazioni per la chiodatura intramidollare sono le seguenti:

  • fratture segmentali
  • scarna condizione cutanea
  • unioni non selezionate o placche di compressione fallite 
  • più lesioni
  • fratture di diafisi nei pazienti con osteopenia

Le fratture sono meglio fissate internamente preferibilmente prima dell'insorgenza del gonfiore. Con la presentazione ritardata della frattura, si possono sviluppare vesciche secondarie al gonfiore. 

Di massima importanza è la chiusura solo del tessuto e della pelle sottocutanea. Se la fascia profonda è suturata strettamente, l'edema e l'emorragia possono causare una maggiore pressione nei vani dell’avambraccio, che possono portare a contrattazione ischemica. Un drenaggio di aspirazione può essere usato per ridurre l'ematoma e il gonfiore risultante. Lo scarico viene rimosso in 12-24 ore.

Cosa prevede il post operatorio?

Se la rigidità della fissazione è sufficiente, viene utilizzata una limitata immobilizzazione post-operatoria. I pazienti sono incoraggiati a eseguire esercizi per la spalla e per la mano sia attivi che passivi. 

La non unione delle fratture del raggio e dell'ulna è relativamente rara. 

Le infezioni superficiali rispondono bene agli antibiotici appropriati. Il metallo può essere rimosso dopo l'unione della frattura.

È necessario un trattamento aggressivo per le infezioni tardive, quando la fissazione è stata persa e la disunione è stata sviluppata. Il metallo deve essere rimosso insieme ad ogni osso non valido.

Le sindromi compartimentali possono verificarsi nell'avambraccio sia dopo il trauma che dopo l'intervento chirurgico. Un importante segno precoce è il dolore proporzionale alla lesione e l'estensione passiva delle dita. La presenza dell'impulso radiale non è un indicatore diagnostico affidabile.

Nei pazienti coscienti, la diagnosi della sindrome compartimentale viene effettuata sulla base di risultati clinici. Le pressioni della camera possono essere misurate per confermare la diagnosi della sindrome compartimentale, a condizione che il trattamento non sia ritardato. La misurazione è particolarmente utile quando si effettua la diagnosi di sindrome compartimentale in pazienti inconsci.

Il trattamento chirurgico deve essere eseguito presto e dovrebbe includere la fasciatura dal gomito al polso. 

La rimozione degli impianti non è obbligatoria e viene raramente indicata in un paziente asintomatico a causa del rischio di complicanze, tra cui lesioni neurovascolari. Se indicato, gli impianti non devono essere rimossi per almeno 18 mesi/2 anni dopo la fissazione interna e anche allora, solo dopo un attento esame da un chirurgo esperto.

Una volta rimossa una piastra, l'avambraccio deve essere protetto da una stecca per 6 settimane. Dovrebbe quindi essere protetto da stress e torsione per 6 mesi.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Colpo della strega
Il colpo della strega è una condizione patologica invalidante, meglio definita come lombalgia acuta.
Lesione di Hill Sachs
La lesione di Hill-Sachs, o frattura di Hill-Sachs, è una compressione posterolaterale della testa omerale. Si verifica quando la spalla ...