Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Traumi
  4. Frattura Della Clavicola

Frattura della clavicola

Frattura della clavicola
Curatore scientifico
Lorenzo Bichi
Specialità del contenuto
Ortopedia e traumatologia

Che cos'è la frattura della clavicola?

La frattura della clavicola è un trauma per cui la clavicola può frantumarsi in pezzi variabili.

Anche se le fratture della clavicola sono comuni e di solito guariscono indipendentemente dal trattamento selezionato, sono possibili complicazioni. 

Quali sono i sintomi di un frattura della clavicola?

I sintomi che vengono avvertiti quando si ha una frattura della clavicola sono i seguenti:

  • dolore nell'area situata al di sopra della frattura;
  • gonfiore localizzato nell'area della lesione;
  • aumento del dolore durante un movimento del braccio omolaterale o della testa;
  • sensazione di scrocchio quando si cerca di muovere i due monconi ossei (tale condizione non è così comune come si pensi perché si verifica solo quando tra i due monconi ossei entra aria, cosa che non sempre succede);
  • la spalla può apparire accorciata rispetto al lato opposto;
  • si può notare l'abrasione sulla clavicola;
  • la difficoltà di respirazione o di riduzione del suono del respiro sul lato interessato può indicare una lesione polmonare, come uno pneumotorace;
  • la palpazione della scapola e delle costole può rivelare un pregiudizio concomitante;
  • lo sbiancamento della pelle sul sito di frattura può indicare una frattura aperta imminente, che più spesso richiede stabilizzazione chirurgica;
  • la non utilizzazione del braccio sul lato interessato è una presentazione neonatale;
  • la disfunzione distale del nervo associata indica un lesione del plesso brachiale;
  • stasi venosa, scolorimento e gonfiore indicano una lesione venosa. 

Quali sono le cause di frattura della clavicola?

La frattura della clavicola è un trauma molto frequente negli sport di contatto e in quelli dove le cadute sono all'ordine del giorno. La maggior parte di esse si verifica infatti in seguito a contrasti, violente cadute sulla spalla o sulla mano ipertesa. Anche un violento trauma che colpisce direttamente la clavicola può causarne la rottura.

Quali sono i fattori di rischio di una frattura della clavicola?

I fattori di rischio di una frattura della clavicola sono i seguenti:

  • età avanzata
  • giovane età
  • malattie ossee congenite
  • disordini alimentari

Nei rari casi di bambini con macrosomia alla nascita, è più probabile che ci sia una frattura di femore.

Come viene diagnosticata una frattura della clavicola?

Per diagnosticare una frattura della clavicola si possono prendere in considerazione diverse metodologie:

  • Conteggio completo del sangue: se si sospetta un infortunio vascolare, verificare l'emoglobina e i valori ematocritici.
  • Gas sanguigno arterioso: se si sospetta o si identifica una lesione polmonare.
  • Radiografia toracica: se si sospetta o sia identificata una lesione polmonare.
  • Radiografia della clavicola e della spalla.
  • Scansione a tomografia computerizzata con ricostruzione tridimensionale: per aiutare a valutare le fratture sfasate.
  • Arteriografia: se si sospetta un infortunio vascolare.
  • Ecografia.

Qual è il trattamento per la frattura della clavicola?

La grande maggioranza delle fratture della clavicola guarisce con una gestione non operativa, che include l'uso di un semplice bendaggio.

Le indicazioni chirurgiche si effettuano nei seguenti casi:

  • spostamento totale della frattura
  • spostamento grave 
  • fratture con 2 cm di accorciamento
  • fratture commutate con un frammento trasversale 
  • compromesso neuro vascolare
  • fratture delle clavicole disperse con strutture mediastiniche a rischio
  • politrauma (con fratture multiple)
  • fratture aperte
  • incapacità di tollerare il trattamento chiuso
  • fratture con muscolo interposto
  • frattura concomitante alla fossa glenoidea (spalla flottante)

Quando una frattura della clavicola richiede una fissazione chirurgica, la procedura comunemente eseguita comporta una riduzione aperta della frattura, seguita dall'inserimento di un dispositivo intramidollare o da una fissazione con una piastra e le viti. 

In una frattura distale della clavicola, la fissazione stabile può essere ottenuta in molti modi, anche mediante combinazioni di una vite coraco clavicolare, strisce di tensione, un filo Kirschner e piastre. Indipendentemente dalla tecnica esatta utilizzata, si applicano i principi generali della riduzione della frattura e fissazione e stabilizzazione dell'intervallo coraco clavicolare.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Colpo della strega
Il colpo della strega è una condizione patologica invalidante, meglio definita come lombalgia acuta.
Lesione di Hill Sachs
La lesione di Hill-Sachs, o frattura di Hill-Sachs, è una compressione posterolaterale della testa omerale. Si verifica quando la spalla ...