Ippocratismo digitale: di cosa si tratta?

Mattia Zamboni | Seo Content Specialist

Ultimo aggiornamento – 13 Novembre, 2023

Dermatologo osserva le mani di una paziente

L'ippocratismo digitale è una condizione medica caratterizzata da specifiche deformità nelle dita delle mani e dei piedi, che possono assomigliare a bacchette di tamburo (sono dette anche unghie a vetrino di orologio).

Andiamo ad esaminare nel dettaglio questa condizione, concentrandoci sui sintomi, le possibili cause, le opzioni terapeutiche e le potenziali conseguenze dell'unghia ippocratica.

Cos'è l'ippocratismo digitale e quali son i sintomi?

L'ippocratismo digitale, noto anche come dita a tamburo o unghie ippocratiche, è una condizione fisica che interessa le dita delle mani e dei piedi, caratterizzata da specifiche alterazioni morfologiche.

Le dita a tamburo sono facilmente riconoscibili per le deformità che presentano; esse includono:

  • un ispessimento delle dita;
  • un aumento della larghezza e una perdita dell'angolo tra l'unghia e la pelle circostante (unghia a vetrino di orologio).

L'ippocratismo digitale può assumere varie forme e gravità da persona a persona, ma è sempre provocato da una patologia sisitemica sottostante

Tutte le cause delle dita ippocratiche

Le dita a tamburo, o unghie ippocratiche, possono essere causate da diverse condizioni sottostanti.

Alcune delle cause più comuni includono:

  • malattie cardiache: l'insufficienza cardiaca può ridurre il flusso sanguigno periferico, portando a un ispessimento delle dita e alle deformità caratteristiche;
  • malattie polmonari: condizioni come la fibrosi cistica o la bronchite cronica possono influenzare il tessuto connettivo delle dita, causando cambiamenti nell'aspetto delle stesse;
  • malattie del fegato: problemi epatici, come la cirrosi, possono alterare la circolazione sanguigna, con effetti sulle dita;
  • malattie autoimmuni: alcune malattie autoimmuni, come l'artrite reumatoide, possono contribuire all'insorgenza di dita a tamburo;
  • patologie infiammatorie: ad esempio la fibrosi polmonare ed alcune  patologie dell’apparato gastroenterico;
  • patologie tumorali: come il carcinoma dell’esofago o del polmone.

Come diagnosticare le dita a bacchetta di tamburo?

La diagnosi dell'ippocratismo digitale di solito coinvolge una serie di passaggi, tra cui:

  • esame fisico: un medico esaminerà attentamente le dita delle mani e dei piedi del paziente per valutare eventuali deformità o cambiamenti nell'aspetto;
  • storia clinica: il medico raccoglierà informazioni sulla storia medica del paziente e sulla presenza di altre condizioni di salute sottostanti, poiché l'ippocratismo digitale è spesso associato a problemi cardiaci, polmonari o epatici;
  • esami diagnostici: possono essere richiesti esami di laboratorio, tra cui analisi del sangue e test di funzionalità polmonare, per valutare le condizioni sottostanti;
  • imaging: in alcuni casi, l'uso di radiografie o altre tecniche di imaging può essere necessario per valutare eventuali cambiamenti nelle ossa o nei tessuti delle dita.

Unghie ippocratiche: quale terapia?

Il trattamento delle dita a tamburo dipende dalla causa sottostante. È fondamentale individuare e trattare la malattia di base per gestire questa condizione.

Alcune opzioni terapeutiche possono includere:

  • trattamento della malattia di base: se l'ippocratismo digitale è causato da una malattia cardiaca, polmonare o epatica, il trattamento mirato per quella condizione può migliorare o arrestare la progressione delle dita a tamburo;
  • chirurgia: in rari casi gravi o debilitanti, la chirurgia può essere un'opzione per correggere le deformità delle dita e migliorare la funzionalità;
  • terapia farmacologica: alcuni farmaci possono essere prescritti per alleviare i sintomi o gestire le condizioni sottostanti.

Unghia a vetrino di orologio: quali possono essere le conseguenze?

L'aspetto dell'unghia a vetrino di orologio, spesso associato alle dita a tamburo, è un segno visibile di problemi di salute sottostanti.

Se non trattate, queste condizioni possono portare a gravi complicazioni:

  • insufficienza cardiaca non gestita: l'insufficienza cardiaca può peggiorare e causare problemi cardiaci gravi;
  • malattie polmonari progressive: le malattie polmonari non trattate possono ridurre la capacità respiratoria e la qualità della vita;
  • malattie epatiche avanzate: le malattie del fegato non gestite possono portare a un'insufficienza epatica;
  • malattie autoimmuni non trattate: le malattie autoimmuni possono causare danni ai tessuti e alle articolazioni, compromettendo la funzionalità
  • carcinomi non prontamente diagnosticati possono essere decisamente un grave rischio.
Mattia Zamboni | Seo Content Specialist
Scritto da Mattia Zamboni | Seo Content Specialist

Ho conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione con un particolare focus sullo storytelling. Con quasi un decennio di esperienza nel campo del giornalismo, oggi mi occupo della creazione di contenuti editoriali che abbracciano diverse tematiche, tra cui salute, benessere, sessualità, mondo pet, alimentazione, psicologia, cura della persona e genitorialità.

a cura di Dr. Stefano Messori
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Contenuti correlati
Andiamo a scoprire tutti i rimedi per le orecchie a sventola
Orecchie a sventola: i rimedi per correggerle

Esistono dei rimedi per correggere le orecchie a sventola? E se sì, quali sono? Andiamo alla scoperte delle soluzioni per risolvere questo inestetismo.

Scopriamo cos'è e come si cura la Boccalora
“Boccarola”: cos’è e come si cura

Cos’è la boccarola e quando compare? Si può trattare con i rimedi naturali? Rispondiamo a tutte le curiosità sulla boccarola in questo articolo