Si può rimanere incinta in menopausa?

Anna Nascimben | Editor

Ultimo aggiornamento – 11 Luglio, 2023

Scopriamo se è possibile rimanere incinta in menopausa

È vero che si può rimanere incinta in menopausa? Quali sono i rischi di avere dei rapporti sessuali non protetti durante questa fase della vita? Andiamo alla scoperta di tutto quello che bisogna sapere sul legame tra menopausa e gravidanza.

Quando si è in menopausa si può rimanere incinta?

In genere si pensa che rimanere incinta in menopausa sia praticamente impossibile visto che l'ingresso in questa fase rappresenta l'esaurimento delle cellule ovocita contenute nei follicoli ovarici, le quali ogni mese possono (o meno) essere fecondate.

Al momento della nascita ogni donna possiede circa uno- due milioni di ovociti tuttavia, nel corso della vita, questa quantità si riduce sempre di più. Sebbene il periodo di maggior fertilità sia compreso tra i 15 e i 28 anni, in realtà la donna può procreare anche per molti anni a venire, anche se la probabilità di rimanere incinta si abbassa sempre di più.

Si parla di menopausa quando il ciclo mestruale non compare per almeno dodici mesi consecutivi, tuttavia, visto che non è sempre facile stabilire con certezza se effettivamente vi sia un'assenza totale di ovociti, può succedere che il rischio gravidanza in menopausa sia un'eventualità da tenere in considerazione.

Ciò si verifica in quanto il periodo che precede la fine dell'età riproduttiva non ha una durata standard per ogni donna e si presenta una platea di sintomi molto variabile. Se l'assenza di ciclo mestruale si protrae per diversi mesi o anni, non è ragionevole pensare di poter avere delle gravidanze in menopausa, tuttavia se ha ancora un'età non avanzata e se il ciclo è irregolare, il rapporto tra menopausa e fertilità si fa meno definito.

Donna parla con ginecologa

In alcuni casi, inoltre, è addirittura possibile confondere gravidanza e menopausa in quanto talvolta questi due eventi presentano sintomi simili. Nausea, stanchezza, capogiri e sonnolenza, infatti, possono subentrare tanto all'inizio di una gestazione quanto alla fine dell'età riproduttiva, pertanto in questo frangente può risultare più utile fare riferimento all'età anagrafica.

Se una donna di trenta- quarant'anni che ha rapporti sessuali non protetti sperimenta questa sintomatologia, infatti, è più probabile che si tratti di una gravidanza.

Menopausa precoce e gravidanza: quale legame

La menopausa precoce viene definita anche come Insufficienza Ovarica Prematura e si manifesta in genere quando la donna ha meno quarant'anni. Si tratta di una condizione che può avere diverse cause (genetiche ma anche come conseguenza di alcuni trattamenti medici o farmacologici) e presenta le medesime caratteristiche della menopausa fisiologica.

Una gravidanza in menopausa precoce è, tuttavia, possibile in alcuni rari casi. Ciò si può verificare in tutte quelle donne che hanno ricevuto una diagnosi di Insufficienza Ovarica Prematura dopo aver trascorso lunghi periodi della loro vita utilizzando dei contraccettivi.

È possibile, infatti, che in circa il 5%-10% dei casi si verifichino ancora delle ovulazioni, con la conseguenza che sussista effettivamente la possibilità (sebbene molto rara) di rimanere incinta in menopausa precoce.

Gravidanza in premenopausa: è possibile?

Se si riceve una diagnosi di Insufficienza Ovarica Prematura si può ovulare ancora?, in premenopausa si può rimanere incinta? La risposta è sì, si possono avere figli in menopausa quando la donna non ha ancora ultimato del tutto i suoi ovociti.

Sebbene sia estremamente raro, verso i 45-50 anni di età è ancora possibile ovulare e, di conseguenza, anche avere una gestazione. In questa fase della vita, il ciclo mestruale va incontro a profonde modificazioni ormonali (e può anche interrompersi per alcuni mesi) ma la donna non è ancora del tutto entrata in menopausa.

Una gravidanza in menopausa è possibile, quindi, proprio nel momento in cui il ciclo si fa irregolare, oppure si riduce la quantità di sangue, tanto da dare l'impressione che esso sia scomparso quando invece è ancora presente una, seppur molto rara, eventualità di rimanere incinta.

Pertanto, se si vuole essere assolutamente certe di non incorrere in una gestazione indesiderata, è opportuno continuare ad utilizzare dei metodi contraccettivi anche se è in premenopausa.

Vista la somiglianza dei sintomi che caratterizzano entrambe le fasi, può non essere semplice distinguere tra menopausa o gravidanza. In questo caso è opportuno effettuare subito un test (se si sospetta una gestazione), oppure sottoporsi a una rivelazione della quantità di estrogeno nell'organismo.

Gravidanza o menopausa?

In alcuni casi la differenza di sintomi tra l'essere incinta o in menopausa non è così netta in quanto molte manifestazioni sono sovrapponibili. Nausea, vertigini, vampate di calore, stanchezza, disturbi dell'umore sono alcuni degli elementi comuni in tutte e due le fasi, tuttavia, a differenza della gestazione, in menopausa non si avverte tensione al seno.

Inoltre è anche possibile incorrere in una pseudocesi, ovvero una gravidanza isterica, la quale può trarre in inganno a causa di alcune sensazioni molto comuni. Per questo motivo può essere utile contattare il proprio ginecologo e pianificare con lui l'esecuzione di alcuni esami volti ad accertare la presenza di una, piuttosto che di un'altra, condizione.

Anna Nascimben | Editor
Scritto da Anna Nascimben | Editor

Con una formazione in Storia dell'Arte e un successivo approfondimento nello studio del Digital Marketing, mi occupo da anni di creare contenuti web. In passato ho collaborato con diversi magazine online scrivendo soprattutto di sport, vita outdoor e alimentazione, tuttavia nel corso del tempo ho sviluppato sempre più attenzione nei confronti di temi come il benessere mentale e la crescita interiore.

a cura di Dr. Marcello Sergio
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Anna Nascimben | Editor
Anna Nascimben | Editor
in Concepimento

1030 articoli pubblicati

a cura di Dr. Marcello Sergio
Contenuti correlati
Donna parla con ginecologo su un lettino del suo studio
Perché non rimango incinta? Ecco cosa fare

Spesso, dietro alla domanda "perché non rimango incinta", si nascondono dubbi e timori di una coppia che vuole concepire: scopri le cause e i rimedi qui.

Una donna dalla ginecologa
Spirale anticoncezionale: come e perché usarla

La spirale è un metodo anticoncezionale molto diffuso, ma come si utilizza? Andiamo alla scoperta dei suoi vantaggi e delle eventuali controindicazioni.