Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. I cibi bruciagrassi ideali per i sedentari… esistono davvero?

I cibi bruciagrassi ideali per i sedentari… esistono davvero?

Ultimo aggiornamento – 27 ottobre, 2016

Cosa mangiare in ufficio per non prendere peso
Indice

Passare molte ore seduti, per studio o per lavoro, può essere davvero troppo per la nostra salute, specie se si tratta di otto, nove o persino dieci ore passate davanti allo schermo del computer.

Stare fermi per così tanto a lungo vi renderà molto più affamati e ben presto vi accorgerete di aver messo su qualche chilo in più.

Il fenomeno della sedentarietà è inoltre collegato a un aumento del rischio per diverse patologie, tra cui diabete, malattie cardiache e persino alcuni tumori, ed è un fattore che è in relazione con 5 milioni di decessi all’anno.

Gli snack dolci e salati che offrono le macchinette nei luoghi di lavoro, poi, non fanno altro che peggiorare la situazione.

Il fenomeno è diffuso nel nostro paese e anche in molti altri paesi occidentali, al punto che anche il giornale statunitense Time ha elencato alcuni alimenti ideali per quando si sta troppo tempo seduti o fermi.

La lista dei cibi del Time comprende 10 alimenti bruciagrassi: ananas, mandorle, frutti di bosco, semi di lino, curcuma, pesce, olio d’oliva, aglio e tè verde.

Esistono davvero dei cibi bruciagrassi?

L’elenco stilato dal Time fa sembrare possibile perdere peso, standosene comodamente seduti tutto il giorno, ma in realtà, come spiega Andrea Ghiselli, dirigente della ricerca del CREA, nonché presidente della Società italiana di Scienze dell’Alimentazione, “non esiste un cibo che faccia dimagrire ma, piuttosto, qualsiasi cibo che non consumiamo fa dimagrire, e meno cibi assumiamo, più dimagriamo. Il discorso è ovviamente valido per le calorie e non per il peso dell’alimento: infatti, a un chilo d’olio sarà preferibile un chilo di insalata, anche se sembra superfluo farlo presente. Quello che non è affatto superfluo sottolineare è che non esistono formule magiche per perdere peso, nonostante le varie promesse degli spot televisivi; l’unico rimedio è fare più attività fisica e ridurre l’apporto calorico”.

L’ananas, il frutto ‘miracoloso’ per perdere peso

In molti sostengono che l’ananas sia il frutto ideale per dimagrire, in quanto brucia i grassi.

Anche in questo caso Ghiselli tiene a precisare: “Spesso si considera una singola proprietà nutritiva di un alimento, dimenticandosi del resto. È vero, l’ananas contiene bromelina, che è però contenuta soprattutto nel gambo dell’ananas, mentre la polpa ne possiede in quantità minori. Ma nella polpa vi sono soprattutto molti zuccheri (10 grammi per 100 grammi di prodotto); quindi, se si vuole assumere della bromelina – sempre che funzioni – sarà meglio consumarla isolata e senza calorie aggiunte”.

…e i frutti di bosco?

La frutta e la verdura sono sempre delle ottime opzioni alimentari; in genere, i dietologi inseriscono tra la frutta consigliata, non solo l’ananas, ma anche i frutti di bosco. Ghiselli però avverte: “anche il resto della frutta (mele, uva, arance, prugne e nespole) va benissimo. Di certo i frutti di bosco contengono meno zuccheri dell’ananas”.

Le mandorle per perdere i chili in eccesso

Spesso, vengono indicati come salutari snack a base di noci e mandorle, facilmente trasportabili fuori casa; secondo Ghiselli sono un ottimo ‘spezzafame’ e sono ideali se consumati con uno yogurt o della frutta, ma non sono più indicati rispetto ad altri alimenti.

Olio di oliva: una buona scelta!

Anche l’olio di oliva figura nell’elenco, probabilmente per una molecola in esso contenuta, l’oleocantale, che ha proprietà antinfiammatorie. Tuttavia, in 50 grammi di prodotto, vi è una capacità antinfiammatoria pari solo al 10% di una dose normale di un analgesico per adulti; di certo quindi non vi servirà rimpinzarvi di olio, assumendo una quantità spropositata di calorie, per un effetto blando.

Sì all’avocado per dire addio ai chili di troppo

L’avocado è un altro dei cibi eletti dal Time, ed è un frutto molto grasso. Ghiselli avverte: “la sua notorietà è dovuta ai grassi insaturi di cui è ricco, ma di certo non può essere visto come un frutto miracoloso che vi farà perdere peso”.

Mode e falsi miti sugli alimenti per perdere peso

Il pesce fa senz’altro bene, secondo Ghiselli, ma spesso in questi elenchi si trovano anche alimenti “di moda”, come la curcuma e il tè verde, che senz’altro ha molte sostanze antiossidanti, ma non diversamente dal tè nero o dal caffè. Stessa cosa per gli alimenti antinfiammatori, che in realtà non esistono, poiché andrebbero consumati in quantità molto molto grandi.

Preferire l’attività fisica (quando si può)!

In sintesi: il miglior modo per dimagrire, se si conduce una vita molto sedentaria, stando seduti per molte ore in ufficio, è fare attività fisica e non mangiare troppo. Se non si ha davvero tempo per l’attività fisica, la cosa migliore è sgranchirsi le gambe almeno ogni mezz’ora. No ai pasti davanti al pc, che di solito sono sinonimo di snack ipercalorici: davanti allo schermo non ci si rende conto delle calorie assunte, e si tende a mangiare di più e peggio.

Ricordarsi poi che, a prescindere dall’età e dallo stile di vita, i migliori cibi consigliati, sono sempre frutta, verdura e legumi, senza abusare di carne e stando attenti a non assumere calorie di troppo.

Mostra commenti
Acqua e “digiuno” per curare il diabete
Acqua e “digiuno” per curare il diabete
Pesticidi e sostanze tossiche: ecco in quali alimenti si trovano
Pesticidi e sostanze tossiche: ecco in quali alimenti si trovano
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Dolori vari: quando applicare il caldo e quando il freddo?
Dolori vari: quando applicare il caldo e quando il freddo?
Insieme a “FraParentesi” per offrire supporto a chi vive con un tumore
Insieme a “FraParentesi” per offrire supporto a chi vive con un tumore
Rimedi naturali per le unghie incarnite
Rimedi naturali per le unghie incarnite
Individuati i geni che causano la spina bifida
Individuati i geni che causano la spina bifida