Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Alcolismo E Prevenzione

Alcolismo: combatterlo con la prevenzione

Alessandra Lucivero | Editorial Manager a Pazienti.it

Ultimo aggiornamento – 10 Aprile, 2014

Alcolismo: combatterlo con la prevenzione

16.829: questo è il triste numero dei pazienti la cui vita è stata spazzata via dall'alcol. Una terribile dipendenza, quella dell'alcolismo, che pare non arrestarsi. 

I dati

I dati più preoccupanti arrivano dall'Osservatorio Nazionale Alcol dell’Istituto Superiore di Sanità che ci parla di circa 600mila persone che potrebbero essere a rischio di dipendenza. L'alcolismo, come sottolineato ieri durante l'Alcohol Prevention Day, può portare alla perdita della vita anche in età giovane, spesso a causa di gravi incidenti indotti dallo stato di ebrezza.

Il pericolo di eccedere con gli alcolici è tale quando si superano i 40 grammi di alcol per le donne e 60 per gli uomini, andando oltre i 5 bicchieri al giorno.   

Quali sono le regioni più colpite da questo grave "fenomeno"?

Valutando il tasso di mortalità legato all'assunzione di alcol, pare che le regioni italiane più colpite siano:

  1. Valle d'Aosta: 8,23 decessi ogni 10mila persone
  2. Molise: 6,58%
  3. Basilicata e Calabria: circa 6%

 

La prevenzione è l'arma migliore per combattere questo "fenomeno" che, altrimenti, è destinato a prendere il sopravvento e diventare una cattiva abitudine sottovalutata dai ragazzi. Emanuele Scafato, Direttore dell'Osservatorio Nazionale Alcol, sostiene che è possibile agire con programmi d’Identificazione Precoce ed Intervento Breve (IPIB), "privilegiando investimenti in ricerca, formazione medica e comunicazione alla popolazione”.

Alcolismo: conoscere il nemico 

Conoscere il nemico dell'alcolismo è, dunque, il primo modo per combatterlo. In primis, è importante sapere che chi beve eccessivamente ha una maggiore possibilità di riscontrare patologie vascolari, gastroenterologiche e neuropsichiatriche.

In Italia, i dati hanno accertato che circa il 20% delle neoplasie maligne sono attribuibili all'alcol. Anche la causa di cirrosi epatiche negli uomini è legata al 56% all'abuso di bevande alcoliche. 

Per questa ragione, a partire da giugno 2014, l’Istituto Superiore di Sanità, diffonderà delle linee guida europee di prevenzione, evidenziando quelli che sono gli Alcohol Use Disorders, e le possibili offerte assistenziali, erogabili dal Sistema Sanitario Nazionale, da attuare immediatamente per ridurre i casi più gravi. 

La nuova e preoccupante "cultura del bere" sin dalla giovane età deve essere trattata con tutti i mezzi di comunicazione possibili, per attuare il controllo e la difesa della salute della popolazione, spesso sin troppo ignara dei rischi legati all'alcol.  

 

Mostra commenti
Stare in buona salute? Un percorso che parte da piccoli
Stare in buona salute? Un percorso che parte da piccoli
Cranberry: tutti i benefici e le proprietà
Cranberry: tutti i benefici e le proprietà
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Cosa mangiare (e cosa no) quando si ha il mal di gola
Cosa mangiare (e cosa no) quando si ha il mal di gola
Come leggere (e quando fare) l’esame delle urine
Come leggere (e quando fare) l’esame delle urine
Uva, utile per la salute delle ossa (e non solo)
Uva, utile per la salute delle ossa (e non solo)
Pelle secca in menopausa? Qualcosa si può fare per evitarla
Pelle secca in menopausa? Qualcosa si può fare per evitarla