icon/back Indietro Esplora per argomento

Se soffri di problemi agli occhi, prova questi 10 cibi

Simona Soldi | Biologa

Ultimo aggiornamento – 24 Settembre, 2018

Quali sono i cibi che fanno bene agli occhi?
Indice del contenuto

È credenza comune che la perdita della vista sia un risultato inevitabile del processo di invecchiamento o di affaticamento degli occhi. Vi sono delle cose, però, che tutti possiamo fare. Avere uno stile di vita salutare, infatti, può ridurre significativamente il rischio di incorrere in problemi agli occhi.

Uno studio pubblicato nel 2001 – che ha, appunto, come argomento fondamentale la salute degli occhi e denominato AREDS (Age-Related Eye Disease Study) – ha riscontrato che alcuni nutrienti, come lo zinco, il rame, la vitamina C, la vitamina E e il beta-carotene possono di fatto ridurre il rischio di declino della vista correlato alla età, fino al 25% in meno.

Non solo. Nel 2013 la ricerca è stato aggiornata per testare altre sostanze nutritive potenzialmente benefiche per gli occhi: queste includevano gli acidi grassi omega-3, la zeaxantina, la luteina e il beta-carotene. Insomma, lo studio ha rivelato che alcune combinazioni di questi nutrienti possono generare un effetto più che positivo. Ma la conferma definitiva è arrivata nel 2018: l’alimentazione può aiutare a mantenere una buona vista, assolutamente sì.

Di seguito riportiamo i 10 cibi per occhi sani, in grado dunque di proteggere da condizioni patologiche e di declino della funzionalità.

Cibo per occhi sani

Dunque, se l’alimentazione può aiutare a mantenere gli occhi in salute, cosa non dovrebbe mancare mai sulle nostre tavole secondo gli studi portati avanti negli anni?

Pesce

Molti tipi di pesce sono una vera e propria fonte di acidi grassi omega-3. Vengono cosiderati pesci grassi quelli che conservano gli omega-3 nell’intestino o nel tessuto corporeo e includono:

  • Tonno
  • Salmone
  • Trota
  • Sgombro
  • Sardine
  • Acciughe
  • Aringhe

Alcuni studi hanno dimostrato che i pesci grassi proteggono dalla secchezza degli occhi, anche quella provocata dall’affaticamento davanti allo schermo del computer.

Frutta secca e legumi

Anche la frutta secca è molto ricca in acidi grassi omega-3. Inoltre, contiene elevati livelli di vitamina E, che proteggono gli occhi dal danneggiamento correlato all’età.

La frutta secca e i legumi che fanno bene alla vista sono:

  • Noci
  • Noci brasiliane
  • Anacardi
  • Arachidi
  • Lenticchie

Semi

Come la frutta secca e i legumi, anche molti semi sono ricchi in omega-3 e costituiscono una fonte importante di vitamina E.
I semi ricchi di grassi omega-3 includono:

  • Limoni
  • Arance
  • Pompelmi

Agrumi

Gli agrumi sono ricchi in vitamina C che, come la vitamina E, costituisce un potente antiossidante naturale che aiuta a contrastare l’invecchiamento dell’occhio. I principali agrumi ricchi di vitamina C sono:

  • Limoni
  • Arance
  • Pompelmi

Verdure a foglie verdi

Le verdure a foglie verdi sono alimenti ricchi di luteina e zeaxantina, oltre a costituire una fonte di vitamina C salutare per gli occhi stessi. Le più importanti verdure a foglie verde che fanno bene alla vista sono:

  • Spinaci
  • Cavolo
  • Cavolfiore

Carote

Le carote sono alimenti ricchi sia di vitamina A che di beta-carotene, responsabile del loro caratteristico colore arancio.

La vitamina A, in particolare, gioca un ruolo essenziale nel buon funzionamento della vista. Infatti, è un componente di una importante proteina chiamata rodopsina, che provoca l’assorbimento della luce da parte della retina.

Le ricerche sul ruolo che il beta-carotene svolgerebbe direttamente sulla vista sono ancora inconcludenti. Tuttavia, l’organismo ha bisogno di questa sostanza per sintetizzare la vitamina A.

Patate dolci

Proprio come le carote, anche le patate dolci sono ricche di beta-carotene, il precursore biochimico della vitamina A. Inoltre, sono una fonte importante di vitamina E, che agisce da antiossidante.

Manzo

La carne di manzo è ricca di zinco, un elemento in grado di ritardare la perdita della vista, così come la degenerazione maculare.  L’occhio stesso, al suo interno, contiene elevati livelli di zinco, in particolar modo nella retina e nel tessuto vascolare che la circonda.

Anche altre carni, come il petto di pollo e la lonza di maiale, contengono zinco, ma con livelli più bassi del manzo.

Uova

Le uova costituiscono una fonte eccellente di luteina e zeaxantina, che riducono il rischio di perdita della vista con il passare dell’età. Le uova sono anche ricche di vitamina C, vitamina E e zinco.

Acqua

In effetti, non dovrebbe sorprendere il fatto che il “liquido primario” per garantire la conservazione della vista sia di vitale importanza anche per la salute degli occhi.  Bere molta acqua, infatti, previene la disidratazione, riducendo così i fastidiosi sintomi degli occhi secchi.

Condividi
Simona Soldi | Biologa
Scritto da Simona Soldi | Biologa

Sono laureata in Biotecnologie Farmaceutiche, dopo la laurea mi sono occupata di ricerca in biologia molecolare e genetica presso il Dipartimento di Farmacologia Preclinica e Clinica dell’Università di Firenze e, successivamente, presso il Laboratorio di Genetica del Lievito dell’International Centre For Genetic Engineering and Biotechnology di Trieste, collaborando a progetti di testing di sostanze farmacologicamente attive su modelli di lievito e a progetti di ingegneria genetica.

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Simona Soldi | Biologa
Simona Soldi | Biologa
in Salute

40 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Contenuti correlati
Maculopatie e luce blu: i rischi
Le maculopatie si sviluppano (anche) così

L’utilizzo (spropositato) di Smartphone e Pc può portare allo sviluppo di Maculopatie. Come proteggersi, dunque, dalla Luce Blu? Leggi qui per capirne di più.

icon/chat