Colesterolo alto? Si rischia l’Alzheimer precoce

Redazione

Ultimo aggiornamento – 14 Aprile, 2020

colesterolo e alzheimer: il legame

Livelli elevati di colesterolo cattivo potrebbero causare Alzheimer precoce, che rappresenta circa il 10% dei casi di malattia, manifestandosi prima dei 65 anni di età.

In tal caso, i fattori di rischio genetici non c’entrerebbero nulla. A suggerirlo, uno studio americano pubblicato sulla rivista scientifica Jama Neurology, firmato da un gruppo di scienziati del Veterans Affairs Medical Center di Atlanta e della Emory University.

Alzheimer e colesterolo alto: il legame

I ricercatori hanno sequenziato specifiche regioni del Dna di 2.125 persone, di cui 654 colpite, appunto, da Alzheimer precoce. Sono stati dunque misurati i livelli di colesterolo Ldl in 267 partecipanti.

Cosa è emerso dalle analisi? Chi presentava concentrazioni maggiori di colesterolo cattivo aveva maggiori probabilità di sviluppare Alzheimer precoce, rispetto a chi mostrava livelli di Ldl bassi. Tale correlazione restava valida anche pulendo i risultati dal possibile ruolo di una particolare variante genetica (APOE E4), noto fattore di rischio per l’Alzheimer.

La grande domanda è se esiste un nesso causale tra i livelli di colesterolo nel sangue e il rischio di morbo di Alzheimer” – ha spiegato l’autore principale della ricerca, il dr. Thomas Wingo. “I dati esistenti non erano chiari su questo punto”. Mentre “un’interpretazione dei nostri risultati attuali è che il colesterolo Ldl svolge un ruolo causale. Se così fosse – precisa l’esperto che insieme ai colleghi continuerà a lavorare per accertarlo – Potrebbe essere necessario rivedere i livelli target” di questo valore “per contribuire a ridurre il rischio di Alzheimer”.

Alzheimer sì, Alzheimer no, sul colesterolo alto conviene agire. Combatterlo sì può. A volte, basta mettere in pratica semplice azioni quotidiane, utili a proteggere il sistema cardiovascolare e, a quanto sembra, il cervello.

Dunque, una dieta sana ed equilibrata gioca un ruolo fondamentale. Il primo passo, è scegliere alimenti che contengano grassi insaturi e limitare invece l’assunzione di cibi ricchi di grassi saturi o trans. Poi fibre, pesce azzurro e condimenti equilibrati.

Un regime alimentare ad hoc, però, si svela realmente efficace se accompagnato da una buona dose di attività fisica. Nulla di impossibile: secondo l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), sono sufficienti 150 minuti di attività fisica moderata a settimana per mantenerci in allenamento, salvaguardando quindi la salute.

Ricordate, però, che esistono anche fattori di rischio non modificabili: sesso ed età in primis. Anche la genetica svolge un ruolo chiave. Esistono infatti alcune patologie, come l’ipercolesterolemia familiare, responsabili di aumentare i livelli di colesterolo sin dalla giovane età.

Alzheimer precoce: come riconoscerlo

L’Alzheimer a esordio giovanile presenta alcune caratteristiche cliniche rispetto a quello classico: scosse muscolari involontarie, conservazione della denominazione degli oggetti e deficit della produzione verbale.

Ovviamente, vi sono anche segnali comuni alle due tipologie di Alzheimer. Una su tutti, la perdita di memoria a breve termine. Come spiegato dalla dr.ssa Manfredi, “sono poi riconosciute varianti fenotipiche di pazienti con malattia di Alzheimer giovanile rispetto a quella a esordio senile: deficit delle funzioni esecutive cioè funzioni che regolano i processi di pianificazione, controllo e coordinazione del sistema cognitivo, e deficit del linguaggio. Alcuni hanno una compromissione delle capacità ottico-oftalmiche che si associano ad atrofia corticale posteriore, cioè a una diminuzione delle capacità visuo-spaziali e visuo-percettive, con difficoltà nell’individuazione e nella percezione degli oggetti”.

Questo studio rappresenta una svolta?

Redazione
Scritto da Redazione

La redazione di Pazienti.it crea contenuti volti a intercettare e approfondire tutte le tematiche riguardanti la salute e il benessere psificofisico umano e animale. Realizza news e articoli di attualità, interviste agli esperti, suggerimenti e spunti accuratamente redatti e raccolti all'interno di categorie specifiche, per chi vuole ricercare e prendersi cura del proprio benessere.

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Redazione
Redazione
in Salute

1784 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Contenuti correlati