Sei un professionista sanitario? Iscriviti
Medicina Termale Ortognatodonzia Agopuntura Allergologia Anatomia ed istologia patologica Andrologia Anestesia Angiologia Audiologia Auxologia Biochimica clinica Cardiochirurgia Cardiochirurgia pediatrica Cardiologia Check-up Chinesiologia Chiropratica Chirurgia ambulatoriale Chirurgia d'urgenza Chirurgia del piede Chirurgia dell'apparato digestivo Chirurgia dell'obesità Chirurgia della mano Chirurgia della spalla Chirurgia endoscopica Chirurgia epato biliare Chirurgia generale Chirurgia laparoscopica Chirurgia maxillo facciale Chirurgia mininvasiva Chirurgia oncologica Chirurgia orale Chirurgia pediatrica Chirurgia plastica Chirurgia refrattiva Chirurgia senologica Chirurgia toracica Chirurgia toracico-vascolare Chirurgia vascolare Consulente Olistico Consulente Professionale in Allattamento Materno Counseling Criminologia Cure termali Day hospital Day surgery Dermatologia Dermosifilopatia Detenuti Diabetologia Diagnostica per immagini Dietologia Educatore Professionale Ematologia Emodialisi Emodinamica e chirurgia endoluminale Endocrinologia Endodonzia Endoscopia Epatologia Farmacia Farmacologia clinica Fisiatria Fisiokinesiterapia Fisiopatologia della riproduzione Fisioterapia Flebologia Foniatria Gastroenterologia Genetica Geriatria Ginecologia Gnatologia Grafologia Grandi ustioni Grandi ustioni pediatriche Hospice Igiene dentale Igiene e medicina preventiva Immunologia Implantologia Infermieristica Iridologia Laboratorio analisi Logopedia Lungodegenti Malattie infettive e tropicali Medicazioni Medicina complementare Medicina del dolore Medicina del lavoro Medicina dello sport Medicina di comunità Medicina estetica Medicina fisica e riabilitativa Medicina generale Medicina interna Medicina iperbarica Medicina legale Medicina metabolica Medicina molecolare Medicina nucleare Medicina psicosomatica Medicina subacquea Medicina tropicale Microbiologia e virologia Microchirurgia Musicoterapia Naturopatia Nefrologia Nefrologia (abilitaz. al trapianto) Nefrologia pediatrica Neonatologia Neuro-riabilitazione Neurochirurgia Neurochirurgia pediatrica Neurofisiopatologia Neurologia Neuropsichiatria Neuropsichiatria infantile Neuropsicologia Neuropsicomotricità Nido Nutrizione Nutrizione e dietistica Nutrizione Olistica Oculistica Odontoiatria conservativa Odontoiatria e stomatologia Odontostomatologia Omeopatia Omotossicologia Oncoematologia Oncoematologia pediatrica Oncologia Optometria Ortodonzia Ortopedia e traumatologia Ortopedia-chirurgia della colonna vertebrale Ortottica OSA - Operatore Socio Assistenziale OSS - Operatore Socio Sanitario Ossigenoterapia Osteopatia Ostetricia Otologia Otorinolaringoiatria Parodontologia Patologia Clinica Pedagogia Clinica Pediatria Pedodonzia - odontoiatria pediatrica Pensionanti Pneumologia Podologia Posturologia Proctologia Pronto Soccorso Protesi dentaria Psichiatria Psicologia Psicoterapia Radiologia Radioterapia Radioterapia oncologica Recupero e riabilitazione funzionale Recupero e riabilitazione posturale Reumatologia Riabilitazione Riabilitazione cardiologica Riabilitazione neuromotoria e ortopedica Riabilitazione ortopedica Riabilitazione psiconeurogeriatrica Rianimazione RSA - Case di Riposo Salute mentale Scienza dell'Alimentazione Senologia Sessuologia Shiatsu Stroke unit Tecniche di radiologia medica Tecnico Audioprotesista Tecnico Ortopedia Tecnico sanitario di neurofisiopatologia Terapia del dolore Terapia intensiva Terapia intensiva neonatale Tossicologia Unità coronarica Unità spinale Urologia Urologia pediatrica Vulnologia Week surgery

Cerca

Chiudi
Specialità
Città
Medicina Termale Ortognatodonzia Agopuntura Allergologia Anatomia ed istologia patologica Andrologia Anestesia Angiologia Audiologia Auxologia Biochimica clinica Cardiochirurgia Cardiochirurgia pediatrica Cardiologia Check-up Chinesiologia Chiropratica Chirurgia ambulatoriale Chirurgia d'urgenza Chirurgia del piede Chirurgia dell'apparato digestivo Chirurgia dell'obesità Chirurgia della mano Chirurgia della spalla Chirurgia endoscopica Chirurgia epato biliare Chirurgia generale Chirurgia laparoscopica Chirurgia maxillo facciale Chirurgia mininvasiva Chirurgia oncologica Chirurgia orale Chirurgia pediatrica Chirurgia plastica Chirurgia refrattiva Chirurgia senologica Chirurgia toracica Chirurgia toracico-vascolare Chirurgia vascolare Consulente Olistico Consulente Professionale in Allattamento Materno Counseling Criminologia Cure termali Day hospital Day surgery Dermatologia Dermosifilopatia Detenuti Diabetologia Diagnostica per immagini Dietologia Educatore Professionale Ematologia Emodialisi Emodinamica e chirurgia endoluminale Endocrinologia Endodonzia Endoscopia Epatologia Farmacia Farmacologia clinica Fisiatria Fisiokinesiterapia Fisiopatologia della riproduzione Fisioterapia Flebologia Foniatria Gastroenterologia Genetica Geriatria Ginecologia Gnatologia Grafologia Grandi ustioni Grandi ustioni pediatriche Hospice Igiene dentale Igiene e medicina preventiva Immunologia Implantologia Infermieristica Iridologia Laboratorio analisi Logopedia Lungodegenti Malattie infettive e tropicali Medicazioni Medicina complementare Medicina del dolore Medicina del lavoro Medicina dello sport Medicina di comunità Medicina estetica Medicina fisica e riabilitativa Medicina generale Medicina interna Medicina iperbarica Medicina legale Medicina metabolica Medicina molecolare Medicina nucleare Medicina psicosomatica Medicina subacquea Medicina tropicale Microbiologia e virologia Microchirurgia Musicoterapia Naturopatia Nefrologia Nefrologia (abilitaz. al trapianto) Nefrologia pediatrica Neonatologia Neuro-riabilitazione Neurochirurgia Neurochirurgia pediatrica Neurofisiopatologia Neurologia Neuropsichiatria Neuropsichiatria infantile Neuropsicologia Neuropsicomotricità Nido Nutrizione Nutrizione e dietistica Nutrizione Olistica Oculistica Odontoiatria conservativa Odontoiatria e stomatologia Odontostomatologia Omeopatia Omotossicologia Oncoematologia Oncoematologia pediatrica Oncologia Optometria Ortodonzia Ortopedia e traumatologia Ortopedia-chirurgia della colonna vertebrale Ortottica OSA - Operatore Socio Assistenziale OSS - Operatore Socio Sanitario Ossigenoterapia Osteopatia Ostetricia Otologia Otorinolaringoiatria Parodontologia Patologia Clinica Pedagogia Clinica Pediatria Pedodonzia - odontoiatria pediatrica Pensionanti Pneumologia Podologia Posturologia Proctologia Pronto Soccorso Protesi dentaria Psichiatria Psicologia Psicoterapia Radiologia Radioterapia Radioterapia oncologica Recupero e riabilitazione funzionale Recupero e riabilitazione posturale Reumatologia Riabilitazione Riabilitazione cardiologica Riabilitazione neuromotoria e ortopedica Riabilitazione ortopedica Riabilitazione psiconeurogeriatrica Rianimazione RSA - Case di Riposo Salute mentale Scienza dell'Alimentazione Senologia Sessuologia Shiatsu Stroke unit Tecniche di radiologia medica Tecnico Audioprotesista Tecnico Ortopedia Tecnico sanitario di neurofisiopatologia Terapia del dolore Terapia intensiva Terapia intensiva neonatale Tossicologia Unità coronarica Unità spinale Urologia Urologia pediatrica Vulnologia Week surgery
Sei un professionista sanitario? Iscriviti

Morbo di Alzheimer

Contenuto di:
Curatore scientifico: Dr. Roberto Gallina, Medico Chirurgo
Indice contenuto:
  1. Che cos’è il morbo di Alzheimer?
  2. Quali sono i sintomi dell’Alzheimer?
  3. Quali sono le aspettative di vita per chi è affetto da morbo di Alzheimer?
  4. Chi è colpito dal morbo di Alzheimer?
  5. Quali sono le cause del morbo di Alzheimer?
  6. Quali sono i fattori di rischio del morbo di Alzheimer?
  7. Come si cura il morbo di Alzheimer?

Che cos’è il morbo di Alzheimer?

La malattia di Alzheimer è annoverata tra le dieci principali cause di morte negli Stati Uniti e, a differenza di ciò che accade per i dati relativi alla mortalità legata a patologie cardiovascolari e al cancro, sembra che il tasso di decessi legati all’Alzheimer segua un trend in continuo rialzo: secondo le stime del U.S. Centers for Disease Control and Prevention (CDC), nel corso del 2013 solo negli USA sono stati diagnosticati ben 5 milioni di nuovi casi di questa terribile patologia per la quale attualmente non esistono cure che permettano la guarigione.

Il morbo di Alzheimer è la più comune forma di demenza, un gruppo di sintomi associati a un calo delle abilità mentali, come la memoria e il ragionamento.

Il morbo di Alzheimer colpisce i nervi, le cellule del cervello e i neurotrasmettitori (sostanze chimiche che trasportano i messaggi al e dal cervello).

Sebbene il morbo di Alzheimer sia spesso associato all’aumento dell’età, l’esatta causa è sconosciuta.

Il morbo di Alzheimer è una malattia progressiva, che significa che nel tempo, sviluppandosi, peggiora. I primi sintomi includono:

  • problemi di memoria minori
  • difficoltà nel dire le parole esatte

Questi sintomi peggiorano quando il morbo di Alzheimer si sviluppa e possono portare a:

  • confusione
  • cambiamenti della personalità
  • cambiamento totale del carattere

Quali sono i sintomi dell’Alzheimer?

Molti dei sintomi del morbo di Alzheimer sono simili a quelli delle altre malattie. I casi sono diversi l’uno dall’altro, due casi non sono mai uguali, perché le persone reagiscono in modi diversi alla malattia. Tuttavia, generalmente, la malattia ha tre stadi:

  • lieve
  • moderato
  • grave

Il morbo di Alzheimer tende a progredire lentamente, ecco perché i sintomi potrebbero non notarsi immediatamente. I sintomi progrediscono piano, dai sette ai dieci anni. Tuttavia, il loro ritmo di crescita si differenzia da persona a persona.

Morbo di Alzheimer lieve

I sintomi comuni del morbo di Alzheimer lieve includono:

  • confusione
  • poca memoria
  • sbalzi d’umore
  • problemi di linguaggio

Questi sintomi sono il risultato di una perdita graduale della funzione cerebrale. La prima sezione del cervello a peggiorare è spesso la parte che controlla la memoria e le funzioni del linguaggio.

Morbo di Alzheimer moderato

Quando il morbo di Alzheimer passa allo stadio moderato, può causare anche:

  • allucinazioni: in cui si possono sentire o vedere cose che non ci sono
  • delusione: quando si è convinti di cose che non sono reali
  • comportamento ossessivo o ripetitivo
  • convinzione di aver fatto o vissuto qualcosa che in realtà non è mai accaduto
  • sonno disturbato
  • incontinenza: quando involontariamente si urina (incontinenza urinaria) o si defeca (incontinenza fecale o intestinale)

Durante lo stadio moderato, si può avere difficoltà a ricordare le cose più recenti. A questo stadio possono iniziare a manifestarsi problemi di linguaggio e nel parlare. Ciò può condurre a una sensazione di frustrazione e depressione, che comporta cambiamenti di umore.

Morbo di Alzheimer grave

Chi è affetto da morbo di Alzheimer grave può sembrare disorientato e mostrare segni di maggiore confusione. Questo è anche lo stadio al quale le persone sono molto più soggette ad avere allucinazioni. Possono pensare di sentire odori, vedere o udire cose che non ci sono o credere che qualcuno li abbia derubati o attaccati quando, invece, non è vero.

Queste manifestazioni possono essere vissute con angoscia da amici e familiari, ma anche dalla persona stessa. Le allucinazioni e le delusioni peggiorano spesso di notte e la persona con malattia di Alzheimer può iniziare a essere violenta, esigente e sospettosa con tutti quelli che la circondano.

Quando il morbo di Alzheimer diventa grave può causare una serie di altri sintomi come:

Durante lo stadio grave del morbo di Alzheimer, le persone spesso iniziano a trascurare la propria igiene. È uno stadio in cui molte persone affette dalla malattia hanno bisogno di assistenza per tutto il giorno perché riescono a fare in autonomia solo pochissime cose.

Quali sono le aspettative di vita per chi è affetto da morbo di Alzheimer?

Il morbo di Alzheimer colpisce l’abilità delle persone di badare a se stesse di conseguenza altre malattie possono svilupparsi rapidamente se non curate.

Una persona affetta dal morbo di Alzheimer può anche essere incapace di dire a qualcuno se si sente male o a disagio. Il morbo di Alzheimer può accorciare l’aspettativa di vita. In molti casi, la malattia non è la causa effettiva della morte, ma un fattore che contribuisce.

Chi è colpito dal morbo di Alzheimer?

Il morbo di Alzheimer è più comune nelle persone al di sopra dei 65 anni di età e colpisce più frequentemente le donne rispetto agli uomini.

Quali sono le cause del morbo di Alzheimer?

La cause alla base dello sviluppo di Alzheimer sono sconosciute anche se sembra che diversi fattori possano incrementare le probabilità di insorgenza della patologia come, ad esempio, invecchiamento, familiarità relativa alla malattia, gravi ferite al capo e patologie cardiovascolari: secondo l'agenzia federale americana, il numero di persone affette dalla malattie di Alzheimer raddoppia ogni 5 anni tra gli over 65 e sembra che sia destinato ad aumentare sempre più.

Il morbo di Alzheimer è causato dal deperimento di parti del cervello, ciò danneggia la struttura cerebrale e la sua funzionalità. Il termine medico che definisce questo deperimento è "atrofia". L’atrofia colpisce principalmente la corteccia cerebrale, cioè lo strato di materia grigia che copre il cervello. La materia grigia è responsabile dell’elaborazione dei pensieri.

Placche senili e ammassi neurofibrillari

Quando la corteccia cerebrale degenera, masse di proteine, dette placche e ammassi, iniziano a formarsi nel cervello. Le placche e gli ammassi iniziano a distruggere più cellule cerebrali e ciò fa peggiorare la malattia. Possono colpire i neurotrasmettitori (sostanze chimiche che portano i messaggi dal e al cervello).

Quali sono i fattori di rischio del morbo di Alzheimer?

È ancora sconosciuta la causa effettiva del deterioramento delle cellule cerebrali, sebbene ci siano diversi fattori che si ritiene possano interessare lo sviluppo del morbo di Alzheimer.

Età

L’età è il più evidente fra i fattori di rischio dello sviluppo del morbo di Alzheimer. La probabilità di sviluppare la malattia raddoppia ogni cinque anni dopo il raggiungimento dei 65 anni di età. Tuttavia, non sono solo le persone anziane a essere a rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer.

Storia clinica familiare

Il morbo di Alzheimer può essere ereditario, sebbene il rischio sia solo marginalmente più alto rispetto a quello di qualcuno che non ha in famiglia casi della malattia.

Nei casi in cui il morbo di Alzheimer sia ereditario, i sintomi posso iniziare a svilupparsi a un’età relativamente bassa (tra i 35 i 60 anni di età)

Sindrome di Down

Le persone affette da sindrome di Down (un disordine genetico che colpisce l’aspetto fisico, nonché l’abilità di imparare e lo sviluppo mentale) sono molto più a rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer. Ciò accade perché le persone affette da sindrome di Down hanno un cromosoma in più che contiene una proteina che si trova nel cervello e che interessa anche il morbo di Alzheimer. Dunque, le persone con la sindrome di Down hanno una media più alta di questa proteina il che può contribuire a sviluppare il morbo di Alzheimer.

Colpi di frusta e trami cranici

Le persone che hanno avuto dei gravi traumi cranici o dei gravi colpi di frusta (un incidente al collo causato da un improvviso movimento della testa in avanti, all' indietro o da uno dei due lati), è stato osservato che hanno un rischio più alto di sviluppare il morbo di Alzheimer.

Alluminio

L’alluminio è una sostanza naturale che si trova nel cibo e nelle piante. È anche aggiunto a oggetti di uso comune come padelle, imballaggi e farmaci. Il corpo riesce ad assorbire solo una minima parte di alluminio, che è generalmente filtrato via dal corpo con l’urina. Si è suggerito che l’alluminio possa essere una possibile causa del morbo di Alzheimer perché i ricercatori hanno visto che le placche e gli ammassi nel cervello contengono alluminio. Tuttavia, ulteriori ricerche non sono riuscite a dimostrare un collegamento tra l’alluminio e il morbo di Alzheimer.

Come si cura il morbo di Alzheimer?

Non c’è attualmente una cura per il morbo di Alzheimer, ma ci sono vari farmaci disponibili su prescrizione che possono aiutare a ritardare lo sviluppo della malattia. Il trattamento per il morbo di Alzheimer prevede la creazione di un piano d’assistenza. Ciò identifica il tipo di assistenza che si dovrebbe avere e focalizza il modo di fornire questo supporto.

Farmaci

I farmaci che possono essere prescritti per il morbo di Alzheimer includono:

  • donepezil
  • rivastigmina
  • gala timina
  • memantina
  • Promazina

Questi farmaci posso essere prescritti solo da uno specialista che ha esperienza nel trattare la demenza.

Assistenza

I professionisti sanitari che si prendono cura delle persone hanno lo scopo di renderle il più possibile indipendenti.