Sei un professionista sanitario? Iscriviti
Medicina Termale Ortognatodonzia Agopuntura Allergologia Anatomia ed istologia patologica Andrologia Anestesia Angiologia Audiologia Auxologia Biochimica clinica Cardiochirurgia Cardiochirurgia pediatrica Cardiologia Check-up Chinesiologia Chiropratica Chirurgia ambulatoriale Chirurgia d'urgenza Chirurgia del piede Chirurgia dell'apparato digestivo Chirurgia dell'obesità Chirurgia della mano Chirurgia della spalla Chirurgia endoscopica Chirurgia epato biliare Chirurgia generale Chirurgia laparoscopica Chirurgia maxillo facciale Chirurgia mininvasiva Chirurgia oncologica Chirurgia orale Chirurgia pediatrica Chirurgia plastica Chirurgia refrattiva Chirurgia senologica Chirurgia toracica Chirurgia toracico-vascolare Chirurgia vascolare Consulente Olistico Consulente Professionale in Allattamento Materno Counseling Criminologia Cure termali Day hospital Day surgery Dermatologia Dermosifilopatia Diabetologia Diagnostica per immagini Dietologia Educatore Professionale Ematologia Emodialisi Emodinamica e chirurgia endoluminale Endocrinologia Endodonzia Endoscopia Epatologia Farmacia Farmacologia clinica Fisiatria Fisiokinesiterapia Fisiopatologia della riproduzione Fisioterapia Flebologia Foniatria Gastroenterologia Genetica Geriatria Ginecologia Gnatologia Grafologia Grandi ustioni Grandi ustioni pediatriche Hospice Igiene dentale Igiene e medicina preventiva Immunologia Implantologia Infermieristica Iridologia Laboratorio analisi Logopedia Lungodegenti Malattie infettive e tropicali Medicazioni Medicina complementare Medicina del dolore Medicina del lavoro Medicina dello sport Medicina di comunità Medicina estetica Medicina fisica e riabilitativa Medicina generale Medicina interna Medicina iperbarica Medicina legale Medicina metabolica Medicina molecolare Medicina nucleare Medicina psicosomatica Medicina subacquea Medicina tropicale Microbiologia e virologia Microchirurgia Musicoterapia Naturopatia Nefrologia Nefrologia (abilitaz. al trapianto) Nefrologia pediatrica Neonatologia Neuro-riabilitazione Neurochirurgia Neurochirurgia pediatrica Neurofisiopatologia Neurologia Neuropsichiatria Neuropsichiatria infantile Neuropsicologia Neuropsicomotricità Nido Nutrizione Nutrizione e dietistica Nutrizione Olistica Oculistica Odontoiatria conservativa Odontoiatria e stomatologia Odontostomatologia Omeopatia Omotossicologia Oncoematologia Oncoematologia pediatrica Oncologia Optometria Ortodonzia Ortopedia e traumatologia Ortopedia-chirurgia della colonna vertebrale Ortottica OSA - Operatore Socio Assistenziale OSS - Operatore Socio Sanitario Ossigenoterapia Osteopatia Ostetricia Otologia Otorinolaringoiatria Parodontologia Patologia Clinica Pedagogia Clinica Pediatria Pedodonzia - odontoiatria pediatrica Pensionanti Pneumologia Podologia Posturologia Proctologia Pronto Soccorso Protesi dentaria Psichiatria Psicologia Psicoterapia Radiologia Radioterapia Radioterapia oncologica Recupero e riabilitazione funzionale Recupero e riabilitazione posturale Reumatologia Riabilitazione Riabilitazione cardiologica Riabilitazione neuromotoria e ortopedica Riabilitazione ortopedica Riabilitazione psiconeurogeriatrica Rianimazione RSA - Case di Riposo Salute mentale Scienza dell'Alimentazione Senologia Sessuologia Shiatsu Stroke unit Tecniche di radiologia medica Tecnico Audioprotesista Tecnico Ortopedia Tecnico sanitario di neurofisiopatologia Terapia del dolore Terapia intensiva Terapia intensiva neonatale Tossicologia Unità coronarica Unità spinale Urologia Urologia pediatrica Vulnologia Week surgery

Cerca

Chiudi
Specialità
Città
Medicina Termale Ortognatodonzia Agopuntura Allergologia Anatomia ed istologia patologica Andrologia Anestesia Angiologia Audiologia Auxologia Biochimica clinica Cardiochirurgia Cardiochirurgia pediatrica Cardiologia Check-up Chinesiologia Chiropratica Chirurgia ambulatoriale Chirurgia d'urgenza Chirurgia del piede Chirurgia dell'apparato digestivo Chirurgia dell'obesità Chirurgia della mano Chirurgia della spalla Chirurgia endoscopica Chirurgia epato biliare Chirurgia generale Chirurgia laparoscopica Chirurgia maxillo facciale Chirurgia mininvasiva Chirurgia oncologica Chirurgia orale Chirurgia pediatrica Chirurgia plastica Chirurgia refrattiva Chirurgia senologica Chirurgia toracica Chirurgia toracico-vascolare Chirurgia vascolare Consulente Olistico Consulente Professionale in Allattamento Materno Counseling Criminologia Cure termali Day hospital Day surgery Dermatologia Dermosifilopatia Diabetologia Diagnostica per immagini Dietologia Educatore Professionale Ematologia Emodialisi Emodinamica e chirurgia endoluminale Endocrinologia Endodonzia Endoscopia Epatologia Farmacia Farmacologia clinica Fisiatria Fisiokinesiterapia Fisiopatologia della riproduzione Fisioterapia Flebologia Foniatria Gastroenterologia Genetica Geriatria Ginecologia Gnatologia Grafologia Grandi ustioni Grandi ustioni pediatriche Hospice Igiene dentale Igiene e medicina preventiva Immunologia Implantologia Infermieristica Iridologia Laboratorio analisi Logopedia Lungodegenti Malattie infettive e tropicali Medicazioni Medicina complementare Medicina del dolore Medicina del lavoro Medicina dello sport Medicina di comunità Medicina estetica Medicina fisica e riabilitativa Medicina generale Medicina interna Medicina iperbarica Medicina legale Medicina metabolica Medicina molecolare Medicina nucleare Medicina psicosomatica Medicina subacquea Medicina tropicale Microbiologia e virologia Microchirurgia Musicoterapia Naturopatia Nefrologia Nefrologia (abilitaz. al trapianto) Nefrologia pediatrica Neonatologia Neuro-riabilitazione Neurochirurgia Neurochirurgia pediatrica Neurofisiopatologia Neurologia Neuropsichiatria Neuropsichiatria infantile Neuropsicologia Neuropsicomotricità Nido Nutrizione Nutrizione e dietistica Nutrizione Olistica Oculistica Odontoiatria conservativa Odontoiatria e stomatologia Odontostomatologia Omeopatia Omotossicologia Oncoematologia Oncoematologia pediatrica Oncologia Optometria Ortodonzia Ortopedia e traumatologia Ortopedia-chirurgia della colonna vertebrale Ortottica OSA - Operatore Socio Assistenziale OSS - Operatore Socio Sanitario Ossigenoterapia Osteopatia Ostetricia Otologia Otorinolaringoiatria Parodontologia Patologia Clinica Pedagogia Clinica Pediatria Pedodonzia - odontoiatria pediatrica Pensionanti Pneumologia Podologia Posturologia Proctologia Pronto Soccorso Protesi dentaria Psichiatria Psicologia Psicoterapia Radiologia Radioterapia Radioterapia oncologica Recupero e riabilitazione funzionale Recupero e riabilitazione posturale Reumatologia Riabilitazione Riabilitazione cardiologica Riabilitazione neuromotoria e ortopedica Riabilitazione ortopedica Riabilitazione psiconeurogeriatrica Rianimazione RSA - Case di Riposo Salute mentale Scienza dell'Alimentazione Senologia Sessuologia Shiatsu Stroke unit Tecniche di radiologia medica Tecnico Audioprotesista Tecnico Ortopedia Tecnico sanitario di neurofisiopatologia Terapia del dolore Terapia intensiva Terapia intensiva neonatale Tossicologia Unità coronarica Unità spinale Urologia Urologia pediatrica Vulnologia Week surgery
Sei un professionista sanitario? Iscriviti

Come gestire la rabbia

Come gestire la rabbia

Quante volte capita di essere davvero arrabbiati per un motivo qualsiasi? “Beh, praticamente sempre”, direte voi! Esatto!

Tra l’altro, ognuno di noi affronta la rabbia in modo diverso: c’è chi urla, chi piange, chi tiene tutto dentro, e così via. Ma tutti, di continuo, ci lasciamo prendere da questo sentimento.

Rabbia: negativa o positiva?

Ryan Martin, presidente del dipartimento di psicologia dell’Università del Wisconsin-Green Bay, ritiene che lo stile di vita moderno abbia generato un continuo stato di stress al quale siamo sottoposti.

Si pensa che la rabbia indichi qualcosa di negativo; in realtà, è una prima risposta di protezione a emozioni come la paura e il dolore. Infatti, come spiega Veronica Rojas, psichiatra di Ridgewood, quando si avverte un senso di minaccia, la nostra amigdala, la parte del cosiddetto encefalo umano che gestisce le emozioni basiche, provoca un rilascio di adrenalina e ormoni dello stress. La nostra energia aumenta, le nostre espressioni e i nostri pensieri non riescono a concentrarsi su altro e, così, nel giro di pochi secondi, lo scoppio iniziale di paura o dolore diventa rabbia e il cervello analizza la minaccia.

Proprio per questo, la rabbia viene definita “emozione secondaria”, perché non si verifica da sola, ma è il modo che il nostro cervello ha di creare un meccanismo di protezione per uscire da una situazione vulnerabile.

La rabbia è un modo per dirci qualcosa riguardo la nostra vita, la nostra mente, il nostro corpo, ecc…

Se siamo sottoposti a sensazioni continue di fastidio, il nostro corpo si trova in una condizione di stress prolungato, che lo rende più incline a contrarre malattie, perché interferisce con la capacità del sistema immunitario di regolare le infiammazioni.

Più è alto il livello di stress, più un problema che, altrimenti, sembrerebbe minore, potrebbe essere ingigantito. Infatti, la rabbia è considerata un’emozione virale, più contagiosa della gioia e della tristezza.

Fa bene reprimere la rabbia?

Tenere tutto dentro non è un bene, perché, come suggerisce Matthew J. Zawadzi, il semplice fatto di pensare al motivo che ha scatenato l’ira, anche risalente a molto tempo prima, aumenta la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna.

Uno studio del Journal of Abnormal Psychology, ha dimostrato che reprimere la rabbia, può contribuire a soffrire di ansia e depressione. Infatti, la dottoressa Rojas ha detto che, spesso, i suoi pazienti affetti da tali disturbi, hanno dentro di loro, una rabbia radicata da anni.

Secondo Mary Coussons, professoressa di psicologia all’Università del Colorado, lo stesso può valere per disturbi quali la pressione alta, la sindrome dell’intestino irritabile o altre malattie croniche, ognuna delle quali viene aggravata da elevati livelli di stress. A conferma di ciò, si aggiunge anche uno studio dell’Università del Michigan che ha dimostrato che le coppie che sopprimono la rabbia, hanno un maggiore rischio di morte prematura, rispetto a quelle che la esprimono.

Ma attenzione, ciò non implica che sia giusta litigare di continuo, perché recenti ricerche dell’European Heart Journal hanno mostrato che, nelle due ore successive a una lite furiosa, il rischio di attacco di cuore è più forte.

Quindi, cosa fare?

Ricordate che la rabbia è un segnale che indica di affrontare qualcosa e il conflitto è salutare solo se si cerca di capire cosa non vada e di fare qualcosa al riguardo. Per cui, è opportuno osservare le sensazioni che il nostro corpo prova quando ci arrabbiamo, senza sopprimerle. E’ utile rilassare le spalle e respirare profondamente in modo che la mente si calmi, o anche fare una passeggiata, o, come suggerisce la dottoressa Rojas, bagnare i polsi o cantare una canzone che ha un effetto calmante.

In questo modo, si raggiunge la chiarezza necessaria a risolvere problemi, anche, ad esempio, ponendosi domande sull’accaduto, valutando gli eventi, il contesto e cercando di capire cosa abbia spinto l’altra persona a farci un’azione del genere. Poi si può giungere a un dialogo costruttivo, per evitare la sensazione di impotenza, che potrebbe causare ansia o depressione.

Qualche consiglio in più…

E’ importante evitare che la fase iniziale, la “pre-rabbia”, diventi rabbia completa.

Ecco come si può fare.

  1. evitare, su Facebook, i post di quelle persone che danno sempre notizie scadenti, che ci fanno innervosire;
  2. mangiare alimenti che contribuiscono a mantenere un buon livello di zucchero nel sangue e l’umore in equilibrio;
  3. ordinare la propria scrivania o i propri spazi, perché contribuisce a trasmettere una sensazione di calma;
  4. dedicarsi a una cosa alla volta, perché gli studi evidenziano che il multi-tasking rende meno efficienti.

Quindi, la rabbia non è per forza una cosa negativa, anzi, può essere utile ad affrontare alcune situazioni che ci fanno stare male, ma dobbiamo imparare a gestirla bene, per non lasciare che prenda il sopravvento sulle nostre emozioni.

 

comments powered by Disqus