Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Come riconoscere la cheratosi attinica? Ci sono segnali importanti

Come riconoscere la cheratosi attinica? Ci sono segnali importanti

Ultimo aggiornamento – 24 giugno, 2020

Cheratosi attinica: cure

La cheratosi attinica (detta anche cheratosi solare) consiste in un disturbo della pelle molto comune, soprattutto dopo i quarant’anni d'età. La sua tarda insorgenza è dovuta all’accumulo negli anni di raggi solari che aumenta, ovviamente, in modo preponderante con l’avanzare degli anni. 

In ambito medico, la cheratosi attinica viene considerata come una lesione di tipo precanceroso, sebbene vi siano molti autori che considerato questo disturbo già come un carcinoma spinocellulare in situ. Nel 26% dei casi la cheratosi attinica regredisce spontaneamente. Purtroppo, però, in più della metà dei pazienti può evolvere in carcinomi cutanei a cellule squamose e, pertanto, la rimozione si rende necessaria.

La cheratosi attinica si presenta sulla pelle come una minuscola papula oppure come una sorta di macchia erimatosa ricoperta da croste secche e ruvide al tatto. Sebbene si sviluppi molto lentamente, la macchia può arrivare fino a cinque-sei centimetri, occupando una vasta area di pelle. 

Il più delle volte, la cheratosi attinica che, ricordiamo, è anche conosciuta come cheratosi solare, essendo strettamente connessa all’esposizione dei raggi solari, si manifesta nelle zone cutanee più esposte al sole, come viso, mani e cuoio capelluto nei calvi. Raramente insorge anche sulle labbra, prendendo il nome di cheilite attinica. 

Cos’è la cheratosi attinica o cheratosi solare

La cheratosi attinica, spesso abbreviata come CA, insorge generalmente in più aree del corpo. Si tratta un disturbo della pelle che provoca lesioni cutanee di tipo squamoso e crostoso. Come è stato specificato precedentemente, insorge nelle zone più colpite dal sole, come viso e cuoio capelluto, ma anche sulle orecchie, sugli avambracci ed infine su spalle e collo. 

Il suo sviluppo è davvero molto lento. In alcuni casi, regredisce in modo spontaneo per poi ricomparire in un secondo momento. 

La lesione causata dalla cheratosi attinica presenta una colorazione rossastra, marroncina o rosea e talvolta può causare anche prurito e tensione cutanea. In alcuni casi, la cute danneggiata tende ad infiammarsi, circondandosi con una linea sottile rossastra.  

Infine, chi soffre di cheratosi attinica può essere soggetto anche ad altri tipi di tumori della pelle, essendo stato esposto a lungo sotto il sole durante l’arco della sua vita. 

Come curare la cheratosi solare (cheratosi attinica)

Innanzitutto, è bene specificare che non tutte le cheratosi attiniche evolvono in stati cancerosi, e che prima di ogni trattamento è decisamente consigliato il prelievo di un campione tramite bisturi. 

Le cure per le cheratosi solare sono:

  • Terapia topica, attraverso l’applicazione di creme, in combinazione anche con altri trattamenti, in monoterapia.
  • Crioterapia, trattamento più comune per curare la cheratosi, specie in presenza di più cheratosi attiniche. Il procedimento consiste nell’applicare sulle lesioni l’azoto liquido con un batuffolo di corone che provocherà il congelamento dell’area cutanea e la successiva formazione di una crosta.
  • Peeling chimico, che utilizza l’acido tricloroacetico direttamente sulla pelle per esfoliare gli strati più esterni e superficiali, permettendo la rigenerazione cutanea nel giro di una settima.
  • Terapia laser, proiettato direttamente sulla zona della cheratosi attinica per rimuovere il tessuto lesionato, con il pregio di non causare sanguinamento. Questa operazione è perfetta per trattare le zone più delicate del corpo come cuoio capelluto e viso.
  • Terapia fotodinamica, altra terapia che permette di trattare zone molto delicate del viso, senza lesionare la pelle. Questo metodo prevede una prima fase di applicazione di un agente fotosensibilizzante sulle aree colpite, e una seconda fase di esposizione a luce di elevata sensibilità. In questo modo è possibile eliminare selettivamente le varie cheratosi con pochissimi effetti collaterali. 
  • Combinazione di più terapie, spesso impiegate per garantire dei migliori risultati e per ridurre l’insorgenza di effetti collaterali.

Prevenire la cheratosi solare

Essendo la cheratosi un disturbo indotto dall’elevata esposizione ai raggi solari, è un dato scontato che per prevenire tale malattia sia necessario proteggere bene la pelle dal sole. In particolar modo, è necessario prestare attenzione a:

  • Non esporsi nelle ore più calde al sole, specialmente d’estate
  • Evitare ustioni solari
  • Evitare abbronzature artificiali
  • Coprire le zone più esposte al sole con vestiti leggeri, cappelli e occhiali da sole
  • Utilizzare sempre creme con filtri solari adatti al proprio fototipo e, comunque, mai inferiore ad un fattore di protezione 15. Se invece è necessario essere esposti al sole per molte ore durante l’arco della giornata, si consiglia l’utilizzo di una crema con fattore protettivo non inferiore a 30.

Inoltre, gli esperti consigliano di effettuare spesso dei controlli dermatologici per prevenire l’insorgenza o la complicazione di alcuni disturbi della pelle. In particolar modo, è necessario portare all’attenzione dello specialista l’eventuale e improvvisa insorgenza di “macchie” e zone rossastre, specialmente se sono pruriginose o dure e squamose al tatto. 

Mostra commenti
Allergia ai cani? Ecco i sintomi che (forse) non hai considerato
Allergia ai cani? Ecco i sintomi che (forse) non hai considerato
Non utilizzate i guanti, nemmeno al supermercato: cosa dice l'OMS
Non utilizzate i guanti, nemmeno al supermercato: cosa dice l'OMS
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Chi cerca trova… gli insetti in casa!
Chi cerca trova… gli insetti in casa!
10 curiosità che dovete sapere sul corpo umano
10 curiosità che dovete sapere sul corpo umano
Quando una gravidanza si dice a rischio
Quando una gravidanza si dice a rischio
Semi di Canapa: tutti i benefici e gli usi
Semi di Canapa: tutti i benefici e gli usi