Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Stitichezza e fastidio alla vagina: come riconoscere un prolasso vaginale

Stitichezza e fastidio alla vagina: come riconoscere un prolasso vaginale

Ultimo aggiornamento – 20 luglio, 2017

quali sono i sintomi del prolasso vaginale

Il prolasso vaginale è un fastidioso disturbo ginecologico che colpisce molte donne: questo accade quando gli organi pelvici “scendono verso il basso” attraverso la vagina, a causa dell’indebolimento del tappeto pelvico e del muscolo elevatore dell’ano, che fungono da supporto dell’uretra-vescica, dell’utero e del retto.

Come riconoscere e come curare un prolasso vaginale? Vediamolo insieme!

I primi sintomi del prolasso vaginale

I sintomi con i quali si manifesta il prolasso vaginale variano in base a quella che è la sua gravità, anche se la sensazione più comune, da chi ne è colpito, è quella di un “qualcosa che scende” e di una “vagina fuori posto”.

Questa sensazione è dovuta al fatto che la vagina va a esercitare una pressione sulle zone circostanti. La sensazione di “qualcosa che cade” non è il solo sintomo del prolasso vaginale. Altri sintomi possono essere:

  • Dolore durante i rapporti sessuali
  • Pressione nella zona della vagina e del bacino
  • Presenza di una massa, in corrispondenza dell’apertura della vagina
  • Infezioni frequenti alle vie urinarie
  • Diminuzione dei sintomi quando ci si trova in posizione abbassata
  • Difficoltà a svuotare completamente l’intestino

E ancora:

  • Difficoltà a svuotare la vescica
  • Costipazione
  • Incontinenza da stress urinario
  • Sensazione dolorosa che aumenta se si sta seduti a lungo
  • Allargamento dell’apertura vaginale

Come curare questa patologia?

Una volta che il ginecologo avrà diagnosticato un prolasso vaginale, giunge il momento di passare all’azione e cercare il metodo migliore per risolvere il problema.

Il trattamento varia in base a vari fattori, come la gravità dei sintomi e del prolasso, l’età e lo stato di salute generale. Se i sintomi sono leggeri potrebbe anche non essere necessario nessun tipo di trattamento, specialmente se questi non ti provocano dolore o disagio.

Se il prolasso vaginale è lieve, il consiglio è quello di praticare esercizi per il pavimento pelvico. Anche la perdita di peso può essere un aiuto, soprattutto se l’indice di massa corporea è sopra la norma. Anche un’alimentazione ricca di fibre, frutta fresca e verdure, pane integrale e cereali, potrebbe essere utile per andare a contrastare la stitichezza. Infine è sconsigliato anche stare in piedi per molte ore al giorno, magari sollevando pesi. Stai tossendo? Fumi? È ora di smettere, ogni colpo di tosse potrebbe aggravare il tuo prolasso vaginale!

Come abbiamo visto, se il prolasso è lieve è consigliato praticare esercizi per il tappeto pelvico, formato da tutti i muscoli che avvolgono la zona compresa tra il retto e la vagina.

Come praticare nel modo corretto la ginnasta pelvica? Intanto, siediti e mantieni le ginocchia leggermente distanziate tra loro. Lavora adesso sui muscoli della vagina, facendo forza per 8 volte di fila, almeno 3 volte al giorno. Fai attenzione a non andare a stringere i muscoli dello stomaco, dei glutei o delle cosce. I risultati, ovviamente, non saranno immediati… ma è un primo passo avanti!

Ginnastica pelvica per il prolasso vaginale: ecco come fare

Se il prolasso vaginale, invece, si presenta in una forma grave, è necessario ricorrere a delle cure più specifiche. Tra queste, indichiamo:

  • Terapia ormonale sostitutiva – Per dare sollievo ad alcuni sintomi del prolasso vaginale si può fare ricorso alla terapia ormonale sostitutiva, che va a eliminare la sensazione di secchezza vaginale e il dolore durante il sesso. L’ormone si può applicare, tramite crema, nella vagina oppure usando una compressa, sempre da inserire nella vagina, un patch o un impianto da inserire sotto pelle. Di solito questa soluzione si applica per donne che sono in menopausa.
  • Anello vaginale – Un’altra soluzione usata per trattare il prolasso vaginale è quella di usare un dispositivo, da inserire all’interno della vagina stessa, che andrà a mantenere in posizione le sue pareti. La sua struttura è morbida, in gel o silicone e sono disponibili in varie forme e dimensioni. L’anello vaginale viene utilizzato quando il prolasso è grave e non si vuole fare ricorso a un intervento chirurgico. Di solito questi supporti vanno sostituiti ogni 4/6 mesi. Trattandosi però di un corpo estraneo, alle volte può provocare effetti collaterali, come sanguinamento e lesioni, ma anche difficoltà intestinali.
  • Chirurgia – Nei casi più gravi, per trattare un prolasso vaginale, si fa ricorso alla chirurgia. Si stima che una donna su 10, in età avanzata, si sottoporrà a questo tipo di intervento. È un intervento che si fa in anestesia generale e comporta incisioni nella vagina. Non è consigliato se si vogliono avere ancora figli, perché una gravidanza potrebbe portare al presentarsi, nuovamente, del prolasso.
  • Maglia vaginale – Questa tecnica prevede l’inserimento di maglie sintetiche o biologiche nella parete vaginale, per andare a supportarne la parete interna, e gli organi circostanti. Il sistema non è adatto a tutte. Infatti, sono molte le donne che evidenziano problemi dopo l’inserimento di queste maglie.
  • Isterectomia vaginale- È l’isterectomia vaginale il metodo più radicale per risolvere un prolasso vaginale. Consiste nella rimozione dell’utero ed è quindi consigliabile soltanto a donne che non vogliono più avere figli.

Qual è la soluzione perfetta per te? Chiedi al tuo ginecologo, saprà indicarti la strada da percorrere.

Mostra commenti
Epilazione definitiva: meglio il laser o la luce pulsata?
Epilazione definitiva: meglio il laser o la luce pulsata?
La foto di Pawel Poljanski dopo il Tour de France: cos’è successo alle sue gambe?
La foto di Pawel Poljanski dopo il Tour de France: cos’è successo alle sue gambe?
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Foodnova: 
il network dedicato alle nuove esigenze alimentari
Foodnova: 
il network dedicato alle nuove esigenze alimentari
Aids: tutti i sintomi della malattia
Aids: tutti i sintomi della malattia
Sette modi in cui uno smartphone può salvare vite umane
Sette modi in cui uno smartphone può salvare vite umane
“Braccialetti rossi”: una fiction che racconta il coraggio di combattere dei giovani colpiti da malattie
“Braccialetti rossi”: una fiction che racconta il coraggio di combattere dei giovani colpiti da malattie