Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Dipendenza Cibo

Perché alcuni cibi creano dipendenza?

Marco Cicirello | Blogger

Ultimo aggiornamento – 11 Marzo, 2015

Perché alcuni cibi creano dipendenza?

Perché certi cibi – come patatine fritte, pizza e cioccolato – creano più dipendenza di altri – come salmone e riso?

La risposta potrebbe essere trovata nel processo con cui gli alimenti vengono trasformati e preparati.

I risultati di un nuovo studio pubblicato sulla rivista Plos One suggeriscono che i metodi utilizzati per fermare il fumo, l’alcolismo o le droghe, possono essere utilizzati anche la dipendenza dal cibo e l’epidemica diffusione dell’obesità.
Nonostante il fatto che i cibi più elaborati siano i più gustosi e appetibili, i ricercatori non sanno ancora con sicurezza se questi cibi possono scatenare vere e proprie dipendenze, e quali siano i più dannosi per l’uomo, dice Ashley Gearhardt, assistente professore di psicologia presso l’Università del Michigan.

I cibi non elaborati, quelli che non subiscono l’aggiunta di grassi e che non contengono carboidrati raffinati, non sono associati a casi di dipendenza alimentare.
Le persone con sintomi da dipendenza da cibo e indici di massa corporea alti sono soprattutto consumatori di cibi molto elaborati, visto che molti sono particolarmente sensibili alle proprietà gratificanti di questi cibi. Se le proprietà di alcuni cibi vengono associate al fenomeno della dipendenza alimentare, questo può avere un effetto non solo sulle linee guida nutrizionali, ma anche sulle politiche pubbliche e sulla commercializzazione di questi alimenti per i bambini.
Il primo passo è quindi quello di identificare i cibi e le proprietà dei cibi che possono innescare tale dipendenza. “Questo può anche aiutarci a cambiare il modo in cui affrontiamo e curiamo l’obesità, perché non si tratterebbe semplicemente di eliminare alcuni cibi, ma piuttosto di utilizzare un metodo come quello con cui ci si disintossica da alcool, droghe e fumo” ha detto Nicole Avena, assistente professore di farmacologia e sistemi terapeutici alla Icahn School of Mecidine di New York.

 

 

Mostra commenti
Come l’uso degli smartphone può alterare il nostro cervello
Come l’uso degli smartphone può alterare il nostro cervello
Un nuovo caso di morte per morbillo oggi a Roma
Un nuovo caso di morte per morbillo oggi a Roma
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Omocisteina alta: quando il nostro cuore è a rischio
Omocisteina alta: quando il nostro cuore è a rischio
Parodontite: un campanello di allarme per l’artrite reumatoide
Parodontite: un campanello di allarme per l’artrite reumatoide
Dentifricio sui brufoli: ma funziona davvero?
Dentifricio sui brufoli: ma funziona davvero?
Isteroscopia diagnostica: un esame utile per tutte le donne
Isteroscopia diagnostica: un esame utile per tutte le donne