È verde, ricca di magnesio e potassio: di chi stiamo parlando?

Redazione

Ultimo aggiornamento – 22 Luglio, 2022

Rucola: le proprietà

Indovinate la verdura, ecco gli indizi: di un verde intenso, dal sapore deciso e con un aroma leggermente pepato.

Di cosa stiamo parlando? Ovviamente, della rucola. Amata dai più, la rucola è tipica della cucina mediterranea, anche perché si presta bene alla cottura, ed è ricca di preziosi nutrienti per la salute.

Scopriamone insieme le proprietà, condividendo qualche ragione in più per non farla mai mancare sulle nostre tavole.

La rucola, dietetica e sana!

Quando si desidera perdere qualche chilo di troppo, la rucola è l’ideale, essendo a basso contenuto di calorie, per la precisione 8 calorie per due tazze e, dunque, non ha alcun impatto sull’apporto calorico giornaliero.

Allo stesso tempo, è ricchissima di nutrienti e di vitamine A, K e C. Tra i minerali, ricordiamo folati, calcio, ferro, potassio, magnesio e numerosi fitochimici benefici (composti chimici naturalmente presenti nelle piante).

Secondo l’ANDI (Aggregate Nutrient Density Index), la rucola è tra i primi 10 alimenti più nutrienti. Ciò significa che l’aggiunta di rucola alla dieta aiuta a dimagrire, senza alcun sacrificio.

Perché la rucola fa bene agli occhi

Un’altra ragione per mangiarla? La salute degli occhi. Questa verdura, infatti, contiene beta-carotene, un carotenoide convertito dall’organismo in vitamina A. Questa vitamina aiuta a mantenere una buona vista (anche al buio!).

Oltre al beta-carotene, troviamo pure notevoli quantità di luteina e zeaxantina, altri due carotenoidi che aiutano a proteggere dalla degenerazione maculare legata all’età, una delle principali cause di cecità tra gli anziani.

Secondo il National Institutes of Health, le persone con degenerazione maculare che hanno aumentato l’assunzione di luteina e zeaxantina, attraverso la supplementazione, hanno più probabilità di prevenire la malattia.

Rucola: come agisce sulla pressione sanguigna

La rucola contiene quantità significative dei 3 minerali specifici che aiutano a controllare la pressione sanguigna:

  1. Calcio
  2. Magnesio
  3. Potassio

Tutti e tre svolgono un ruolo chiave sui vasi sanguigni, promuovendo così livelli di pressione sanguigna sani.

Per questa ragione, grazie alla rucola si riescono a normalizzare e a controllare i livelli di pressione arteriosa, con un chiaro beneficio per la salute del cuore.

La rucola è anche una buona fonte di folato: fornisce circa il 10% del valore giornaliero raccomandato. Il folato, che è la forma naturale dell’acido folico, è più spesso citato per l’importante ruolo che svolge nello sviluppo fetale, poiché le donne in gravidanza che sono carenti in questa importante vitamina B hanno un rischio maggiore di dare alla luce bambini con difetti alla nascita.

Il folato, però, svolge anche un ruolo essenziale nel metabolismo degli amminoacidi. Una sua carenza può elevare i livelli di omocisteina, aumentando così il rischio di malattie cardiache.

Qualche ricetta originale che veda protagonista la rucola?

La rucola a tavola

Avete mai preparato il pesto di rucola? Ecco gli ingredienti per 4 persone:

  • Rucola – 100 g
  • Parmigiano reggiano – 50 g
  • Pecorino – 50 g
  • Olio extravergine d’oliva – 100 g
  • Sale fino – 5 g
  • Pinoli/mandorle – 50 g
  • Aglio – 1 spicchio

Frullate il tutto, sino a ottenere una crema fluida. Ottimo condimento per la pasta in estate, potrete conservalo in frigo anche per 2-3 giorni. Da provare, non credete?

Redazione
Scritto da Redazione

La redazione di Pazienti.it crea contenuti volti a intercettare e approfondire tutte le tematiche riguardanti la salute e il benessere psificofisico umano e animale. Realizza news e articoli di attualità, interviste agli esperti, suggerimenti e spunti accuratamente redatti e raccolti all'interno di categorie specifiche, per chi vuole ricercare e prendersi cura del proprio benessere.

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Redazione
Redazione
in Salute

1785 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Contenuti correlati
donna si mette una mano sulla schiena dolorante
Dolori ai reni e pancia gonfia

Dolore ai reni e pancia gonfia, quale relazione c’è? Sono diverse le possibili cause di un legame tra queste due condizioni. Le vediamo su Pazienti.it.