Perché il caffè ci fa correre in bagno

Angelica Sandrini | Studentessa di Biotecnologie

Ultimo aggiornamento – 14 Luglio, 2022

perché il caffè ci fa andare in bagno: non è colpa della caffeina

Solo tre persone su dieci riescono a bere il caffè senza poi essere costrette a correre in bagno. Un dato incredibile, che ci fa provare tanta invidia per quelle persone fortunate.

Ma perché il caffè fa andare in bagno? Uno studio ha lavorato in questo senso per dare una risposta al curioso quesito.

Gli effetti del caffè sull’intestino

I ricercatori dell’American Chemical Society hanno pubblicato uno studio sugli effetti del caffè sull’intestino. Infatti, tra le tante conseguenze della sua assunzione non c'è solo quella eccitante, che ci aiuta a svegliarci e a partire col piede giusto la mattina, ma agevola anche il tratto intestinale.

In un primo momento si è pensato che fosse la caffeina a stimolare l’intestino. Gli esperimenti con il caffè decaffeinato hanno però dimostrato che probabilmente è la natura acida del caffè a farci andare in bagno.

Non solo: anche il fatto che altre bibite contenenti caffeina – come la cola – non diano gli stessi stimoli del caffè dimostra che no, la responsabile non è questa sostanza.

Infatti, quando beviamo il caffè, il nostro stomaco secerne succo gastrico contenente muco, sali, acqua ed enzimi digestivi, utili a degradare le proteine, aiutandoci a digerire. 

Questo accade perché il caffè contiene acido clorogenico, che aumenta i livelli di acidi nello stomaco, portandolo a spingere il suo contenuto verso l’intestino.

Incredibile ma vero, tutto questo processo impiega solo quattro minuti per verificarsi.

Tra tutte le sostanze che compongono il caffè ancora non si sa quale sia la responsabile di questo effetto. Qualunque essa sia, comunque, sappiamo che stimola la produzione di due ormoni

  1. la gastrina, che regola la secrezione gastrica e che attiva la peristalsi, ovvero la contrazione e il rilassamento del colon;
  2. la colecistochinina, che causa il rilascio della bile, stimola l’insulina e agevola il transito e la regolarità intestinale.

Il caffè fa andare in bagno: ma non è il solo

Gli effetti lassativi del caffè possono variare in base a molti fattori, tra cui il sesso, i livelli di attività e l’abitudine a bere questa sostanza. Alcune persone, però, sono più sensibili di altre al caffè e difficilmente riusciranno a berlo tranquillamente.

Oltre gli stessi chicchi di caffè, anche gli edulcoranti, i latticini o gli additivi non caseari potrebbero influire sull’intestino e incoraggiare l’effetto lassativo. È quanto afferma il dr. Jay Kuemmerle, esperto dell’American Gastroenterological Association della Virginia Commonwealth University.

I dolcificanti artificiali, infatti, in combinazione con il caffè possono causare gonfiore, gas e diarrea

Mentre i latticini – come il latte e la panna utilizzati per fare il cappuccino o drink al caffè – contengono lattosio, che può scatenare la diarrea e altri disturbi gastrointestinali, soprattutto tra le persone che sono più sensibili o intolleranti al lattosio. 

Anche tra coloro che non hanno un’intolleranza comprovata, la capacità di digerire questo zucchero tende a diminuire con l’età.

Più di due o tre tazze di caffè possono causare diarrea in alcune persone e il passaggio al decaffeinato non cambia molto la situazione: secondo alcuni studi può aiutare a ridurre – ma non a eliminare – l’effetto lassativo, secondo altri invece la quantità di caffeina non influisce affatto.

Per il momento sembra che dovremo quindi rassegnarci: bere il caffè ci farà subito correre al gabinetto. Ed è inutile provare invidia per quei tre fortunati su dieci che, invece, questi effetti non li scorgono nemmeno da lontano.

Non ci resta che pazientare in attesa che si trovi una soluzione. Nel frattempo nessuno ci vieta di rinunciare a questo piacere.

Angelica Sandrini | Studentessa di Biotecnologie
Scritto da Angelica Sandrini | Studentessa di Biotecnologie

Sono una studentessa di Biotecnologie e, negli anni, ho sviluppato una vera e propria passione per tutto ciò che riguarda la medicina e la scienza in generale. Amo da sempre leggere e scrivere.

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Contenuti correlati
donna si mette una mano sulla schiena dolorante
Dolori ai reni e pancia gonfia

Dolore ai reni e pancia gonfia, quale relazione c’è? Sono diverse le possibili cause di un legame tra queste due condizioni. Le vediamo su Pazienti.it.

Una donna parla con il medico
Tumore allo stomaco: sintomi, diagnosi e trattamento

Il tumore allo stomaco con quali sintomi si manifesta? Vediamo se questa patologia si può riconoscere per tempo e se sì, a cosa occorre stare attenti.

icon/chat