Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. FGF21: l’ormone che fa vivere di più, rinforza il sistema immunitario e attiva la perdita di peso

FGF21: l’ormone che fa vivere di più, rinforza il sistema immunitario e attiva la perdita di peso

Ultimo aggiornamento – 18 gennaio, 2016

Indice

I ricercatori potrebbero aver trovato un nuovo impiego per un ormone prodotto dal fegato, che viene gestito dal timo.

Conosciuto come il fattore di crescita dei fibroblasti 21, o semplicemente FGF21, l’ormone ha dimostrato di prolungare la vita dei topi, nello studio che è stato condotto presso la Yale School of Medicine. I risultati suggeriscono un aumento della quantità di FGF21 che potrebbe contribuire a rafforzare il sistema immunitario degli anziani.

Vediamo come…

Il timo è un organo linfatico del sistema immunitario che sviluppa le cellule T, agenti che combattono le infezioni nel corpo. E’ molto importante mantenere il sistema immunitario, ma invecchiando si perde più quantità di grasso e la capacità di produrre cellule T. Bassi livelli di cellule T portano a un indebolimento del sistema immunitario nei pazienti anziani – molti dei quali si espongono a un elevato rischio di infezioni, come la polmonite.

Oltre ad aiutare le cellule T a produrre, il FGF21 è conosciuto per essere un ormone endocrino che gestisce il metabolismo, la perdita di peso e i livelli di glucosio. L’ormone brucia il grasso bruno (noto anche come “grasso buono”) e contribuisce ai processi di anti-obesità nel corpo. Poiché la ricerca ha scoperto che l’FGF21 ha il potere di sopprimere l’appetito, come una forma di gestione dell’apporto calorico, è possibile che possa proteggerci dall’obesità e che possa svolgere un ruolo importante a riguardo. Altri studi hanno scoperto che l’FGF21 può contribuire a proteggere il sistema cardiovascolare.

Lo studio

Per vedere come l’FGF21 abbia influenzato il sistema immunitario e la durata della vita, i ricercatori di Yale hanno esaminato i topi che avevano alti livelli di questo ormone. Dopo aver rimosso l’ormone e, quindi, la sua funzione, hanno studiato come calava la quantità di FGF21 nei topi. Bassi livelli hanno portato a una diminuzione del grasso e della funzione del timo; d’altra parte, aumentando i livelli dell’ormone, questo ha portato a una protezione immunitaria correlata all’età e alla degenerazione e, di conseguenza, hanno potenziato il sistema immunitario.

Abbiamo scoperto che i livelli di FGF21 nelle cellule epiteliali del timo sono diverse volte più elevati che nel fegato – quindi la funzione dell’ FGF21 dentro il timo è quella di promuovere la produzione delle cellule T” , questo è quello che ha dichiarato nel comunicato stampa Vishwa Deep Dixit, un professore di medicina comparativa e immunologia a Yale, e autore dello studio.

“Elevare i livelli di FGF21 nei pazienti affetti da cancro, e negli anziani, o nelle persone che si sottopongono a trapianto di midollo osseo, può essere una strategia aggiuntiva per aumentare la produzione di cellule T, e quindi rafforzare la funzione immunitaria“.

I ricercatori hanno in programma di esaminare ulteriormente le funzioni dell’FGF21, per capire se può essere applicato per combattere l’invecchiamento. Con la sua ridotta assunzione calorica, l’anti-obesità e le caratteristiche anti-invecchiamento, è possibile che l’FGF21 possa essere uno strumento prezioso per i trattamenti futuri.

Mostra commenti
I pro e i contro del Viagra: la parola allo specialista
I pro e i contro del Viagra: la parola allo specialista
Dejà vù: la testimonianza di una vita passata?
Dejà vù: la testimonianza di una vita passata?
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Mai più senza frutta e verdura viola nel piatto
Mai più senza frutta e verdura viola nel piatto
Tiroide: sale sì, ma solo iodato
Tiroide: sale sì, ma solo iodato
Tutte le cause della stanchezza eccessiva
Tutte le cause della stanchezza eccessiva
Il Baobab: dall’Africa il frutto amico dell’intestino
Il Baobab: dall’Africa il frutto amico dell’intestino