Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Allergia alla penicillina, cosa fare e come proteggersi

Allergia alla penicillina, cosa fare e come proteggersi

Ultimo aggiornamento – 18 novembre, 2019

Allergia alla penicillina: come riconoscerla
Indice

Tempo di antibiotico? Facile a dirsi, per chi non ha problemi di allergie. Per chi soffre di allergia alla penicillina le cose si fanno un po’ più complicate.

L’allergia alla penicillina è infatti una reazione anomala del sistema immunitario nei confronti della penicillina presente nei farmaci antibiotici, generalmente prescritti per il trattamento di varie infezioni batteriche.

Segni e sintomi di allergia alla penicillina includono orticaria, eruzione cutanea e prurito. Purtroppo, le reazioni gravi includono ben altri sintomi, come l’anafilassi, una condizione pericolosa per la vita che colpisce i sistemi multipli del corpo.

È anche necessario sottolineare che da più parti è stato dimostrato che le allergie alla penicillina possono essere eccessivamente segnalate e sopravvalutate. Questo, va da sé, può comportare l’uso di trattamenti antibiotici meno appropriati e più costosi. Pertanto, è necessaria una diagnosi accurata quando si sospetta un’allergia alla penicillina per garantire le migliori opzioni di trattamento in futuro.

Riconoscere una allergia alla penicillina

I primi segnali di una allergia alla penicillina si verificano spesso entro un’ora dopo l’assunzione del farmaco. Meno comunemente, le reazioni possono verificarsi ore, giorni o settimane dopo. Sintomi di allergia alla penicillina possono includere:

  • Eruzioni cutanee
  • Orticaria
  • Pizzicore
  • Febbre
  • Gonfiore
  • Mancanza di respiro
  • Rinorrea (naso che cola)
  • Prurito

Vi è poi, come abbiamo visto, la probabilità che nei casi più gravi si manifestino episodi di anafilassi, che è bene riconoscere:

  • Difficoltà respiratorie
  • Nausea o crampi addominali
  • Vomito o diarrea
  • Capogiri o vertigini
  • Tachicardia o bradicardia
  • Calo della pressione sanguigna
  • Convulsioni
  • Perdita di conoscenza

Reazioni allergiche alla penicillina meno comuni si verificano giorni o settimane dopo l’esposizione al farmaco e possono persistere per qualche tempo dopo l’interruzione del trattamento. Queste condizioni includono:

  • Malattia da siero – Può causare febbre, dolori articolari, eruzione cutanea, gonfiore e nausea
  • Anemia indotta da farmaci – Ovvero una riduzione dei globuli rossi, che può causare affaticamento, battiti cardiaci irregolari, mancanza di respiro e altri segni e sintomi caratteristici
  • Reazione farmacologica con eosinofilia e sintomi sistemici (DRESS) – Questa condizione provoca eruzione cutanea, elevata conta dei globuli bianchi, gonfiore generale, linfonodi ingrossati e recidiva di infezione da epatite dormiente
  • Infiammazione ai reni (nefrite) – Può causare febbre, sangue nelle urine, gonfiore generale e confusione.

Potrebbero verificarsi effetti collaterali della penicillina – come accade con altri farmaci – che non sono però classificabili come una reazione allergica al farmaco. A seconda del tipo di penicillina, gli effetti indesiderati comuni possono includere lieve nausea o diarrea, mal di testa o prurito vaginale. Attenzione, però: segni o sintomi di un’infezione per la quale si sta trattando – o sintomi non correlati – possono anche essere confusi con una reazione allergica ai farmaci.

Superfluo da dirsi, ma è pressoché obbligatorio consultare il medico il più presto possibile qualora si dovessero presentare tali sintomi. È importante capire e discutere su cosa è una reazione allergica, quali sono gli effetti collaterali tipici e cosa si può tollerare nell’assunzione di un farmaco.

…e capire perché si è allergici alla penicillina

L’allergia alla penicillina si verifica quando il sistema immunitario diventa ipersensibile al farmaco, reagendo erroneamente a esso come sostanza dannosa, come se fosse un’infezione virale o batterica.

Prima che il sistema immunitario possa diventare sensibile alla penicillina, bisogna essere stati esposti al farmaco almeno una volta. Se e quando il sistema immunitario identifica erroneamente l’antibiotico come sostanza nociva, sviluppa un anticorpo per il farmaco.

La precedente esposizione alla penicillina potrebbe non è però ovvia. Alcune prove suggeriscono che tracce di esso nella fornitura di cibo possono essere sufficienti per il sistema immunitario di una persona per creare anticorpo contro di essa.

Penicillina e non solo

Le penicilline appartengono a una classe di farmaci antibatterici chiamati antibiotici beta-lattamici. Sebbene i meccanismi dei farmaci possano variare, generalmente combattono le infezioni attaccando le pareti delle cellule batteriche. Tra questi farmaci, i più diffusi sono:

Tra le penicilline più diffuse ci sono:

Oltre alle penicilline, altri beta-lattamici più comunemente associati alle reazioni allergiche sono un gruppo chiamato cefalosporine.

Insomma, se si ha avuto una reazione allergica a un tipo di penicillina, potresti essere – ma non necessariamente – allergico ad altri tipi di penicillina o ad alcune cefalosporine.

Mentre chiunque può avere una reazione allergica alla penicillina, alcuni fattori possono aumentare il rischio. Questi includono:

  • Allergia ai farmaci, di qualsiasi natura
  • Una storia familiare di allergia ai farmaci
  • Aumento dell’esposizione alla penicillina, a causa di alte dosi, uso ripetitivo o uso prolungato
  • Malattie comunemente associate a reazioni allergiche ai farmaci, come l’infezione da HIV o il virus Epstein-Barr

La soluzione? Eliminare l’uso della penicillina e trovare una alternativa

Se si soffre di allergia alla penicillina, la migliore prevenzione è quella di evitare il farmaco. I passaggi che puoi adottare per proteggerti includono:

  • Informare gli operatori sanitari, assicurandosi che l’allergia alla penicillina o altre allergie agli antibiotici sia chiaramente identificata nelle cartelle cliniche.
  • Indossare un braccialetto di allerta che identifichi eventuale allergia ai farmaci, per far sì che sia garantito un trattamento adeguato in caso di emergenza.
  • Trasportare epinefrina di emergenza: se l’allergia ha causato anafilassi o altre reazioni gravi, il medico probabilmente prescriverà una siringa auto-iniettante e un dispositivo ad ago (autoiniettore di epinefrina).

Seguite queste regole. Con la penicillina non si scherza.

Mostra commenti
Perché il vaccino contro l’influenza è essenziale per chi soffre di problemi al cuore
Perché il vaccino contro l’influenza è essenziale per chi soffre di problemi al cuore
Come leggere (e quando fare) l’esame delle urine
Come leggere (e quando fare) l’esame delle urine
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Malattie renali nei bambini: dai sintomi alla diagnosi
Malattie renali nei bambini: dai sintomi alla diagnosi
Scoperta una nuova funzione svolta dai polmoni: la produzione di sangue
Scoperta una nuova funzione svolta dai polmoni: la produzione di sangue
Disturbi respiratori: cause, diagnosi e trattamenti
Disturbi respiratori: cause, diagnosi e trattamenti
L’eiaculazione riduce il rischio di cancro alla prostata
L’eiaculazione riduce il rischio di cancro alla prostata