I farmaci per la prostata? Rallentano il Parkinson

Tania Catalano | Biologa

Ultimo aggiornamento – 28 Gennaio, 2022

Farmaci per la prostata curano il Parkinson

Secondo un team internazionale di scienziati, un farmaco usato per l’ingrossamento della prostata (ipertrofia prostatica benigna – IPB) potrebbe rappresentare un potente medicinale contro il morbo di Parkinson.

Parliamo della terazosina, un alfa-bloccante, che aiuta ad alleviare l’iperplasia prostatica benigna (IPB) rilassando i muscoli della vescica e della prostata.

Tuttavia, i ricercatori, ritengono che vi sia un’altra azione benefica: questo principio attivo potrebbe anche rallentare la progressione del Parkinson – cosa che al momento non è possibile con altri farmaci.

Obiettivo: proteggere i neuroni dalla distruzione

I risultati di alcuni studi, effettuati su migliaia di pazienti affetti da Parkinson, poi pubblicati sul Journal of Clinical Investigation, suggeriscono che il farmaco alfa-bloccante in questione possa proteggere le cellule cerebrali dalla distruzione.

Una buona notizia, insomma. Attualmente non esiste una cura per il morbo di Parkinson. I trattamenti a oggi disponibili possono solo aiutare a placare alcuni dei sintomi, ma non possono di certo rallentare o invertire la perdita di neuroni tipica della patologia. malattia.

Secondo i ricercatori dell’Università dell’Iowa e dell’Istituto per i disturbi cerebrali di Pechino, la terazosina può aiutare attivando un enzima chiamato PGK1 per prevenire la morte delle cellule cerebrali.

Gli studi sulla terazosina

La terazosina è stata testata prima sui roditori: l’effetto di rallentare o fermare la perdita di cellule nervose è stata così comprovata. Per iniziare a valutare se il farmaco avrebbe potuto avere lo stesso effetto sulle persone, i ricercatori hanno rintracciato le cartelle cliniche di milioni di pazienti statunitensi, per identificare gli uomini con ipertrofia prostatica e Parkinson.

Hanno studiato 2.880 pazienti affetti da Parkinson che assumevano terazosina o farmaci simili con target PGK1 e un gruppo di confronto di 15.409 pazienti affetti anche loro dalla patologia, ma che assumevano un trattamento diverso per l’ipertrofia prostatica che non aveva alcuna azione sull’enzima PGK1.

I pazienti che assumevano farmaci che agiscono attivando l’enzima PGK1 hanno mostrato un miglioramento della sintomatologia, oltre a una regressione della malattia. Questi risultati, ottenuti per caso, meritano secondo i ricercatori ulteriori approfondimenti.

Certo, è prematuro parlare di cura, come ha affermato il dr. Michael Welsh. Altrettanto certo, però, è che i risultati hanno un grande potenziale, se dovessero venire confermati.  “Oggi non abbiamo alcun trattamento che cambi il decorso progressivo di questa malattia neurodegenerativa – ha affermato Welsh – con l’invecchiamento della nostra popolazione il morbo di Parkinson diventerà sempre più comune. Quindi, questa è davvero un’entusiasmante area di ricerca“.

Cos’è la terazosina

La terazosina è un principio attivo appartenente alla categoria degli alfabloccanti selettivi. In Italia viene commercializzata sotto forma di compresse da 2 mg e 5 mg. Determina rilassamento dei vasi sanguigni periferici e provoca una graduale riduzione della pressione sanguigna.

Generalmente alla somministrazione di dosi terapeutiche di terazosina sono associate diminuzione del 2-5% della concentrazione totale di colesterolo nel plasma. Il meccanismo di antagonismo dei recettori alfa1-adrenergici è utile ai fini del miglioramento dell’urodinamica in pazienti affetti da ostruzione vescicale cronica, come da ipertrofia prostatica benigna.

I sintomi dell’ipertrofia prostatica benigna (IPB) sono principalmente causati dalla presenza di una prostata ingrossata e dall’incremento del tono della muscolatura liscia dell’apertura di uscita della vescica urinaria e della prostata, che è regolato dai recettori alfa1-adrenergici.

Forse, un domani, la terazosina potrebbe migliorare anche la vita dei pazienti con morbo di Parkinson. Attendiamo i risultati.

Tania Catalano | Biologa
Scritto da Tania Catalano | Biologa

Sono laureata in Scienze Biologiche e sto per conseguire la laurea Magistrale in Biologia Sanitaria e Cellulare Molecolare. Nei lavori di stage presso diversi laboratori di analisi biochimico cliniche ho approfondito la diagnostica clinica e immunologica. Mi occupo di giornalismo medico scientifico e approfondisco spesso la relazione tra nutrizione e patologie cronico-degenerative.

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Tania Catalano | Biologa
Tania Catalano | Biologa
in Salute

247 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Contenuti correlati
mascherina-per-dormire-su-sfondo-azzurro-con-stelline
L’impatto dell’insonnia sulla nostra vita: ecco cosa dicono gli esperti

Non si può vivere bene di giorno se non si dorme bene di notte. Gli esperti ci spiegano perché l’insonnia cronica impatta fortemente sulla vita delle persone che ne soffrono. 

icon/chat