Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. L’acetone nei bambini: come curarlo al meglio

L’acetone nei bambini: come curarlo al meglio

Ultimo aggiornamento – 13 gennaio, 2021

Rimedi per Acetone nei bambini

L’acetone è un disturbo molto comune nei bambini: insorge quando il corpo inizia a bruciare i grassi per fronteggiare le necessità energetiche, in assenza di zuccheri disponibili.

Come tante mamme e papà sanno, si tratta di un disordine metabolico passeggero, che si risolve nel giro di poco tempo, seguendo una dieta povera di grassi ma ricca di carboidrati complessi e zuccheri semplici.

In ogni caso, si tratta di un problema da risolvere. Vediamo dunque quali sono i rimedi per l’acetone nei bambini e quali sono le cause alla sua origine. 

Perché i bambini soffrono di acetone

L’acetone è un disturbo altamente diffuso in età pediatrica, in particolar modo a partire dai tre anni e, spesso, segue un periodo di digiuno prolungato causato da stati febbrili o malattie infettive. Altre cause dell’acetone sono:

  • Dieta ricca di grassi
  • Sforzi prolungati
  • Forte stato di stress
  • Diabete
  • Malattie congenite del metabolismo

I sintomi dell’acetone nei bambini sono molto vari e si manifestano in uno stato di malessere generale facilmente riconoscibile perché caratterizzato da:

  • Vomito
  • Sonnolenza
  • Alito cattivo
  • Irritabilità
  • Mal di testa
  • Lingua asciutta
  • Occhi cerchiati
  • Crampi addominali

Questi sintomi sono causati da un eccesso di sostanze tossiche nel sangue, cioè i corpi chetonici, come:

  • Acetone
  • Acido acetoacetico
  • Acido 3-idrossi-butirrico

Tali composti acidi si accumulano quando il corpo, che ha ormai consumato tutto il glucosio presente all’interno dell’organismo, comincia a scindere i grassi. Questa scissione causa un aumento dei livelli di sostanze tossiche.


ACETONE NEL BAMBINO? CHIEDI A UN ESPERTO: CLICCA QUI E SCOPRI COME !


Quali sono i rimedi per l’acetone (cosa mangiare e cosa evitare)

Innanzitutto, quando si sospetta un caso di acetone è sempre bene recarsi dal pediatra per una visita: se il vomito è molto frequente, è infatti necessario evitare un grave caso di disidratazione.

Tuttavia, per sapere se si tratta di acetone è sufficiente comprare in farmacia delle strisce reattive per l’urina, proprio perché il corpo tende ad eliminare gli acidi attraverso le urine.

Quando si presenta questo disturbo metabolico, è indispensabile applicare dei sensibili cambiamenti nella dieta di tutti i giorni.

Per esempio, bisogna evitare i grassi, assimilare molti zuccheri, anche attraverso delle bevande zuccherate e non gassate, e bere molto a piccoli sorsi.

Per trattare l’acetone in modo corretto, è indispensabile somministrare i liquidi zuccherati poco per volta, per permettere il naturale assorbimento dei nutrienti senza mettere sotto sforzo l’organismo. Si consiglia di consumare bevande a temperatura ambiente ed evitare quelle più chimiche, a favore di centrifugati di frutta, diluiti con acqua e latte di avena. Tra le bevande per l’acetone consigliate vi sono:

  • Tè e tisane zuccherate
  • Succhi di frutta
  • Spremute
  • Cola sgassata e a temperatura ambiente

Come è stato descritto in precedenza, è necessario consumare alimenti e bevande con alti livelli di zuccheri, per permettere all’organismo di riequilibrare i livelli di glucosio. Di conseguenza, devono essere evitati tutti gli alimenti ricchi di grassi, la cui scissione causa la presenza delle sostanze acide.

Per esempio, è altamente sconsigliato consumare:

  • Latte e latticini
  • Burro
  • Carni rosse e molto grasse
  • Cioccolato
  • Dolci complessi, come panna e crema
  • Fritture di vario genere
  • Salumi e alimenti insaccati
  • Cibi e sughi pronti

Oltre alle bevande zuccherate, è molto consigliato il consumo di alcuni alimenti a base di carboidrati complessi, la cui digestione permette il rilascio di glucosio all’interno dell’intestino, come:

  • Pane
  • Pasta
  • Riso
  • Legumi
  • Frutta
  • Verdura
  • Pesce

Seguendo una dieta corretta e priva di grassi, è possibile che i sintomi dell’acetone regrediscano completamente in circa due giorni. Quando non si nota nessun miglioramento nel giro di pochi giorni, è necessario far visitare il bambino dal pediatra.

Acetone nel bambino? Parla con un medico da casa: prenota un videoconsulto!

Mai, dunque, sottovalutare la presenza - soprattutto se prolungata nel tempo - di acetone. E se non si ha il tempo di andare dal medico? Su Pazienti.it è possibile prenotare un videoconsulto con uno specialista, pediatra o nutrizionista (in questo caso), per capire assieme a una figura esperta quali possano essere le cause dell'acetone nel bambino

Come fare? Cliccando QUI si potrà accedere alla sezione dedicata, selezionare giorno e orario migliori e richiedere la prenotazione: una mail di conferma sarà poi inoltrata all'indirizzo mail segnato, per condividere anche il link dal quale accedere alla stanza del videoconsulto, al momento stabilito, da pc, smartphone o tablet.

Cosa aspettare ancora? Basta un click per trovare risposte autorevoli! 

Mostra commenti
I rimedi più efficaci per le labbra screpolate
I rimedi più efficaci per le labbra screpolate
Cosa potrebbe provocare il cortisone
Cosa potrebbe provocare il cortisone
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Rinite allergica: l’immunoterapia potrebbe davvero risolvere il problema?
Rinite allergica: l’immunoterapia potrebbe davvero risolvere il problema?
Alito cattivo? Tutta colpa del fegato!
Alito cattivo? Tutta colpa del fegato!
L’AIDS del ventunesimo secolo, la malattia di Chagas
L’AIDS del ventunesimo secolo, la malattia di Chagas
Linnea Passaler intervistata da Il Messaggero
Linnea Passaler intervistata da Il Messaggero