Tavor®: effetti, posologia e controindicazioni

Anna Nascimben | Editor

Ultimo aggiornamento – 18 Giugno, 2024

Cliente in farmacia durante l'acquisto di farmaci

A cosa serve il medicinale chiamato Tavor® e in quali occasioni viene prescritto? Come e perché si utilizza? È vero che il presenta anche delle controindicazioni

Ecco tutto quello che c'è da sapere.

Tavor®: cos'è e a cosa serve

Tavor® è il nome commerciale di un farmaco il cui principio attivo è costituito dal Lorazepam. Quest'ultimo appartiene alla categoria delle benzodiazepine, le quali hanno un potente effetto sul Sistema Nervoso Centrale, andando a ridurre l'ansia, migliorando l'umore e facilitando l'addormentamento.

Il Tavor® è quindi una medicina che viene prescritta soprattutto in caso di insonnia grave in virtù del suo effetto ipnotico e rilassante. Questo farmaco, inoltre, ha la capacità di ridurre le risposte emotive e di esercitare un'azione tranquillante. 

Solitamente, il Tavor® viene prescritto nel trattamento di breve durata di due condizioni: i disturbi legati all'ansia (talmente intensi da provocare un peggioramento nella qualità di vita del paziente) e l'insonnia.

undefined

Utilizzare il Tavor® per dormire non va tuttavia fatto con leggerezza: l'assunzione di questo medicinale, infatti, va fatta rispettando attentamente le indicazioni del proprio medico e nel periodo più breve possibile. 

In genere, si consiglia di non superare le quattro settimane di trattamento nel caso si soffra di insonnia, e le otto-dodici settimane se il problema principale è l'ansia.

Quali sono gli effetti del Tavor®?

Il Tavor® è un farmaco utilizzato nel trattamento dell'ansia e dell'insonnia. Il principio attivo in esso contenuto, ovvero il Lorazepam, ha la capacità di stimolare il sistema GABA (ovvero il sistema dell’acido γ-amminobutirrico), il quale costituisce il principale neurotrasmettitore inibitorio dell'essere umano.

L'effetto del Tavor® comprende quindi:

  • miglioramento del tono dell'umore; 
  • rilassamento; 
  • riduzione dei sintomi legati all'ansia; 
  • induzione di uno stato ipnotico, non a caso il Tavor® è usato come un sonnifero per chi soffre di insonnia
  • azione tranquillante, in grado di diminuire l'intensità di alcune emozioni.

Posologia del Tavor®

La posologia di un farmaco come il Tavor® e le sue modalità di assunzione devono essere prescritte dal proprio medico di riferimento. 

In commercio esistono sette referenze di Tavor®, le quali includono:

  • Tavor® 1mg 20 compresse; 
  • Tavor® 2.5 mg 20 compresse; 
  • Tavor® 1mg 30 compresse; 
  • Tavor® 2.5 mg 30 compresse; 
  • Tavor® 1 mg compresse orosolubili; 
  • Tavor® 2.5 mg compresse orosolubili; 
  • Tavor® gocce. 

Le compresse orosolubili di Tavor® differiscono da quelle normali perché non vanno inghiottite ma sciolte in bocca; pertanto, hanno il vantaggio di fare effetto più velocemente.

Per quanto riguarda il dosaggio del Tavor®, esso varia in relazione al tipo di disturbo. Qualora il problema fosse l'eccesso d'ansia, si consiglia di non superare le 8-12 settimane di trattamento (compreso il tempo necessario per diminuire gradualmente la quantità di medicinale).

In questo caso il medico tenderà a prescrivere l'assunzione di due o tre compresse orosolubili da 1 mg al giorno, oppure, in caso di ansia particolarmente grave, di tre o quattro compresse orosolubili da 2,5 mg al giorno.


Potrebbe interessarti anche:


Per i pazienti affetti da insonnia, invece, il trattamento deve durare fino a un massimo di quattro settimane e la dose raccomandata varia da una o due compresse orosolubili da 1 mg, al momento di andare a dormire, fino a un massimo di una o due compresse orosolubili da 2,5 mg.

In caso si dovesse assumere Tavor® in vista di un intervento chirurgico, la dose raccomandata è pari a 2 mg- 4 mg la sera prima dell’intervento (per operazioni maggiori) e di 2 mg- 4 mg una o due ore prima dell’intervento in caso di interventi chirurgici minori.

L'eliminazione del farmaco avviene per la maggior parte attraverso l'urina ed è molto importante non superare la quantità consigliata dal proprio medico, o il rischio è che si verifichino dei pericolosi effetti collaterali. 

Se vi fosse la necessità di aumentare la dose, sarà il medico a consigliare come e in quali modalità farlo, cominciando solitamente dalla sera.

Il Tavor® fa effetto circa trenta minuti dopo l’assunzione e la dose massima giornaliera consentita è pari a:

  • quattro compresse da 2,5 mg nell’arco della giornata in caso di grave ansia; 
  • due compresse da 2,5 mg al momento di andare a dormire se si soffre di insonnia.

Tavor® e sindrome da astinenza

Come anche le altre benzodiazepine, anche il Lorazepam può dare luogo a una forma di dipendenza, pertanto è assolutamente necessario assumere i medicinali che lo contengono (come, appunto, il Tavor®) nelle modalità prescritte dal medico.

È inoltre fondamentale non interrompere la sua assunzione in modo improvviso, ma gestire gradualmente la sua diminuzione o il rischio è che si verifichino alcuni sintomi tipici delle crisi di astinenza

Fra questi i più comuni sono:

  • sintomi di rimbalzo, come ansia, irrequietezza e angoscia; 
  • sintomi fisici, come ad esempio vertigini, dolori muscolari, capogiri, mal di testa, nausea, formicolio, etc; 
  • sensazione di estraniamento da sé stessi o dalla realtà; 
  • ipersensibilità alla luce
  • allucinazioni
  • episodi di delirio
  • attacchi epilettici o convulsioni
  • confusione mentale; 
  • alterazioni dell'umore
  • depressione
  • ipersudorazione
  • perdita di appetito; 
  • attacchi di panico; 
  • tremori e agitazione estrema;
  • palpitazioni; 
  • aumento della temperatura corporea.

Tavor®: effetti collaterali e controindicazioni

Tavor® è un medicinale che può dare luogo a degli effetti collaterali. Questi possono essere di lieve entità (irritabilità, aggressività, tristezza, incubi, sonnolenza diurna, capogiri, perdita di coordinazione motoria, disturbi del sonno, insonnia, etc.) o molto gravi.

In quest'ultima categoria rientrano sintomi quali:

  • shock anafilattico
  • difficoltà a ricordare ciò che è accaduto in seguito all’assunzione del medicinale (la cosiddetta amnesia anterograda); 
  • dipendenza fisica; 
  • dipendenza psichica; 
  • sintomi da astinenza; 
  • pensieri di suicidio, o tentativi di suicidio; 
  • diminuzione del numero dei globuli bianchi nel sangue.

Le principali controindicazioni legate all'assunzione di Tavor® includono:

  • l'essere allergici al Lorazepam
  • il soffrire di miastenia
  • avere avuto episodi di insufficienza respiratoria, epatica o renale
  • il soffrire di apnee notturne
  • essere soggetti a glaucoma ad angolo stretto
  • essere in gravidanza
  • soffrire di dipendenza da alcol o da droghe.

Il trattamento con Tavor® aumenta notevolmente la sensibilità all’alcol e alla droga e ne potenzia gli effetti; pertanto, è fondamentale evitarne l'assunzione in concomitanza. 

L'alcol, inoltre, intensifica la sonnolenza e altera lo stato di coscienza, inducendo nel soggetto gravi compromissioni nell'utilizzo di mezzi trasporto.

undefined

Tavor® può interferire con l'azione di altri medicinali o altre sostanze, come ad esempio gli oppioidi o i barbiturici, causando sonnolenza, ma anche depressione respiratoria e altri gravi sintomi fisici. 

Prima di iniziare una terapia con questo farmaco, quindi, è sempre fondamentale informare il medico degli altri eventuali medicinali che si stanno assumendo. 

Per quanto riguarda gli effetti collaterali che si verificano in caso di sovradosaggio da Tavor®, essi possono essere molto gravi e includere:

  • confusione mentale; 
  • letargia
  • depressione respiratoria; 
  • coma; 
  • decesso.

Qualora un paziente avesse assunto una dose eccessiva di benzodiazepine deve essere provocato il vomito entro breve tempo o dev'essere immediatamente trasportato al pronto soccorso per intraprendere una lavanda gastrica

In ogni caso, è fortemente sconsigliato assumere una dose doppia di medicinale in caso di dimenticanza della dose precedente.

Anna Nascimben | Editor
Scritto da Anna Nascimben | Editor

Con una formazione in Storia dell'Arte e un successivo approfondimento nello studio del Digital Marketing, mi occupo da anni di creare contenuti web. In passato ho collaborato con diversi magazine online scrivendo soprattutto di sport, vita outdoor e alimentazione, tuttavia nel corso del tempo ho sviluppato sempre più attenzione nei confronti di temi come il benessere mentale e la crescita interiore.

a cura di Dr. Christian Raddato
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Anna Nascimben | Editor
Anna Nascimben | Editor
in Salute

1026 articoli pubblicati

a cura di Dr. Christian Raddato
Contenuti correlati
Una ragazza che dormire nuda
Quali sono i benefici del dormire nudi?

Perché dormire nudi e quali sono i benefici associati al riposo notturno senza alcun indumento? Ecco tutto quello che c'è da sapere su questo argomento.

ragazzi escursionisti si applicano il repellente per zanzare
Come non farsi pungere dalle zanzare

Con l'arrivo della bella stagione, un nemico silenzioso torna a turbare i sonni e le serate all'aperto: la zanzara. Ma come con farsi pungere? Scopri qui!