Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. I sintomi delle infezioni delle vie urinarie

I sintomi delle infezioni delle vie urinarie

Ultimo aggiornamento – 14 aprile, 2020

infezione alle vie urinarie: le cause
Indice

Dr. Andrea Militello, specialista in andrologia. 


Ahimè, le infezioni alle vie urinarie sono un disturbo molto comune: importante è riconoscerne i sintomi, per trattarle in tempo ed evitare che insorgano delle complicazioni.

Abbiamo chiesto al dr. Andrea Militello, andrologo, di darci qualche consiglio per riconoscere i campanelli d’allarme di una infezione urinaria.

Quali sono i sintomi delle infezioni alla vie urinarie?

I sintomi delle infezioni alle vie urinarie sono i classici segnali che nella quotidianità indichiamo come cistite.
Ma cerchiamo di mettere un pò di ordine.

La vescica è un organo di per sé molto attivo (la sua attività spontanea viene controllata dai centri spinali e cerebrali), la cui contrazione “anarchica” viene liberata durante la minzione, che inizia perché la distensione della parte vescicale da parte dell’urina stimola i sensori presenti a livello della parete vescicale.

Condizioni in cui la parete vescicale è molto più sensibile, come ad esempio nell’infiammazione e infezione, sono quindi responsabili di uno dei sintomi principali di una infezione urinaria: l’urgenza minzionale e la pseudo incontinenza.

Altri sintomi tipici sono i bruciori uretrali e il dolore sovrapubico, talvolta accompagnati da febbre ed ematuria (sangue nelle urine).

Nell’uomo il problema può facilmente diffondersi anche alla prostata e alle vescicole seminali, dando spesso origine alle prostatiti batteriche. In tal caso, i sintomi sono quelli tipici della prostatite: dolore sovrapubico, urgenza minzionale, flusso urinario ridotto, dolore perineale, secrezioni uretrali, talvolta febbre uro-settica.

L’incontinenza potrebbe essere un campanello d’allarme, anche per gli uomini?

Esatto, come dicevo prima l’urgenza minzionale, e in alcuni casi l’incontinenza urinaria, possono essere segnali di un processo infiammatorio e infettivo a carico della vescica.

Quali esami fare per una diagnosi precisa?

Innanzitutto, la classica urinocoltura, che deve essere completata nell’uomo da una spermiocoltura per germi comuni, Chlamydia e Candida. Dovremmo puoi eseguire una ecografia vescicale (per escludere la presenza di calcoli vescicali e malattie neoplastiche, che possono simulare i disturbi tipici dell’infezione) e valutare lo svuotamento vescicale con un controllo ecografico post-minzionale, questo perché alcune volte le infezioni sono facilitate dalla presenza di residuo urinario in una vescica che per svariati motivi non riesce più a svuotarsi completamente.

Una ecografia renale per escludere la presenza di calcolosi o la presenza di raccolte ascessuali (evenienza oggi rarissima, ma non dimentichiamoci che la tubercolosi polmonare e renale sta ritornando, a causa degli inarrestabili flussi immigratori).

Mostra commenti
Spotting e piccole perdite di sangue uterino: quando preoccuparsi?
Spotting e piccole perdite di sangue uterino: quando preoccuparsi?
Bipolarismo in amore: come comportarsi?
Bipolarismo in amore: come comportarsi?
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
5 cause di dolore all’anca (nelle donne)
5 cause di dolore all’anca (nelle donne)
Ipogonadismo maschile: cause, sintomi e trattamento
Ipogonadismo maschile: cause, sintomi e trattamento
Via libera alla selezione degli embrioni sani per la fecondazione assistita
Via libera alla selezione degli embrioni sani per la fecondazione assistita
Memoria e attività fisica
Memoria e attività fisica