Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Longevita

I segreti della longevità: come vivere a lungo e stare bene

Andrea Salvadori | Blogger

Ultimo aggiornamento – 14 Gennaio, 2015

I segreti della longevità: come vivere a lungo e stare bene

La vita si allunga. Sempre più persone vivono oltre i 100 anni. Ma che età possiamo raggiungere? Cosa dobbiamo fare per godere di questa longevità?

James Vaupel, direttore del Laboratorio di Sopravvivenza e Longevità presso l’Istituto Max Planck per la ricerca demografica a Rostock, in Germania, spiega che “l’aspettativa di vita è in aumento di due anni e mezzo ogni dieci anni. E 25 anni ogni secolo“. Non abbiamo diminuito solo la mortalità infantile, ma anche quella dopo gli 80 anni: ora viviamo più a lungo. Ma c’è di più: il numero di centenari dovrebbe aumentare di 10 volte tra il 2010 e il 2050.

Quali sono le ragioni di questa longevità?

Il Dr. Huseland aveva individuato i principali fattori associati a una vita lunga e sana:

  • una dieta moderata ricca di verdure e scarsa di carne e dolci zuccherati;
  • una vita attiva;
  • igiene dentale;
  • il bagno settimanale in acqua tiepida con sapone;
  • buon sonno;
  • aria pulita;
  • una componente genetica ereditata dai genitori.

Si tratta di una serie di miglioramenti nelle nostre vite che aumentano le nostre possibilità di vivere più a lungo: migliore assistenza sanitaria, condizioni di salute pubblica come acqua e aria pulite, migliore istruzione, il miglioramento del tenore di vita, case calde e asciutte, buone condizioni igieniche.

La restrizione calorica sembra essere un elemento tra i più importanti. Nel 1930, i ricercatori hanno notato che i topi alimentati con una dieta ipocalorica vivevano molto più a lungo rispetto a quelli maggiormente alimentati. Una dieta sana apporta quindi notevoli benefici, se associata a fattori genetici e ambientali.

Perché invecchiamo?

Ogni giorno subiamo un danno che non si può riparare perfettamente“, spiega Vaupel, “e questo accumulo di danni non riparati è ciò che provoca le malattie legate all’età“. Non è una caratteristica condivisa da tutti gli organismi viventi. L’hydra per esempio – un gruppo di organismi simile alle meduse – è in grado di riparare quasi tutti i danni che subisce. Negli esseri umani, al contrario, le cellule danneggiate possono dare origine a tumori.

L’hydra utilizza le sue risorse in primo luogo per la riparazione, piuttosto che la riproduzione“, dice Vaupel. “Negli esseri umani, al contrario, le risorse sono principalmente dirette verso la riproduzione, è una strategia di sopravvivenza diversa a livello di specie”. Il trucco è quello di deviare l’energia e utilizzarla per altri usi. In teoria ciò dovrebbe essere possibile, anche se nessuno ha idea di come farlo. “Se l’accrescimento costante di danni alle nostre cellule può essere arrestato – la cosiddetta senescenza trascurabile – allora forse non avremmo un limite massimo di età. Non vi sarebbe alcuna ragione per cui dovremmo morire del tutto”.

Campi di azione tecnologica

Uno dei campi di intervento potrebbe riguardare i telomeri, le regioni terminali dei cromosomi che si accorciano ogni volta che le cellule si dividono, mettendo un limite rigido al numero di volte in cui le cellule possono riprodursi. Non tutti gli animali sperimentano questo accorciamento dei telomeri (l’hydra è uno di loro).

Tuttavia, mutazioni occasionali possono permettere alle cellule di dividersi senza accorciare i loro telomeri, dando luogo a linee di cellule “immortali”, ma in una situazione incontrollata, queste cellule immortali potrebbero essere dannose per la persona, causando tumori.

Centocinquanta mila persone nel mondo muoiono ogni giorno, i due terzi dei quali muoiono per cause legate alla senescenza“, dice Gennady Stolyarov, filosofo. “Quindi, anche se siamo in grado di accelerare l’arrivo di queste tecnologie per realizzare senescenza trascurabile di un giorno, avremo risparmiato centomila vite“. Vi sarebbe una probabilità del 50% di raggiungere senescenza trascurabile nei prossimi 25 anni.

Per Vaupel “il raggiungimento della senescenza trascurabile umana in 25 anni è possibile, ma altamente improbabile“. Potrebbe essere possibile accelerare rapidamente l’aspettativa di vita attraverso innovazioni mediche, ma, ci possono essere difficoltà in futuro che attualmente sono difficili da prevedere: malattie, crisi economiche e cambiamenti climatici che potrebbero causare un nuovo aumento della mortalità.

Adottare uno stie di vita sano

Nell’attesa di scoprire il segreto dell’immortalità, ci sono modi sicuri per cercare di condurre una vita sana e lunga, combattendo le malattie: mangiare in modo sano e moderato (limitando grassi, zuccheri, carni rosse e alcol) e praticare regolare esercizio fisico. Queste continuano a essere le armi vincenti per stare bene.

Mostra commenti
UE: l’ovulo non fecondato è brevettabile
UE: l’ovulo non fecondato è brevettabile
Computer cognitivi: una nuova speranza contro il tumore della pelle
Computer cognitivi: una nuova speranza contro il tumore della pelle
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Omocisteina alta: quando il nostro cuore è a rischio
Omocisteina alta: quando il nostro cuore è a rischio
Parodontite: un campanello di allarme per l’artrite reumatoide
Parodontite: un campanello di allarme per l’artrite reumatoide
Hanno inventato un collirio per vedere al buio
Hanno inventato un collirio per vedere al buio
Rosacea in estate: come comportarsi?
Rosacea in estate: come comportarsi?