Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. L’ormone dell’amore come aiuto per l’anoressia

L’ormone dell’amore come aiuto per l’anoressia

Ultimo aggiornamento – 14 Marzo, 2014

Secondo un recente studio, l’ossitocina potrebbe essere utilizzata per curare disturbi alimentari, come l’anoressia nervosa.

In base ai risultati ottenuti dall'indagine svolta da ricercatori britannici e coreani coordinati dalla prof.ssa Janet Treasure dell’Istituto King College di Londra, i pazienti trattati con ossitocina hanno meno probabilità di sviluppare una patologica “fissazione” sull’immagine del corpo e sull’idea del cibo.

Ma cosa è l'ossitocina?

L’ossitocina, nota come “l’ormone dell’amore”, viene rilasciata dall’ipofisi e svolge un ruolo fondamentale durante il parto, l’allattamento e l’orgasmo.

I ricercatori hanno condotto due diversi esperimenti. Nel primo, pubblicato sulla rivista The Psychoneuroendocrinology Journal, 31 pazienti anoressici e 33 sani sono stati sottoposti a trattamenti con ossitocina e con placebo e poi sono stati esposti alla visione di immagini lampeggianti di alimenti con vari contenuti di calorie e di persone di vario peso.

Misurando la velocità con cui i soggetti si focalizzavano sulle immagini negative, è stato evidenziato che, dopo il trattamento con l’ossitocina, i pazienti anoressici tendevano a concentrarsi meno sulle immagini di cibi grassi e corpi formosi.

Il secondo esperimento, pubblicato sulla rivista PLoS ONE, ha coinvolto gli stessi pazienti anoressici e ha però esaminato le espressioni del volto suscitate dalla visione di immagini di cibi o corpi dalle varie caratteristiche, concludendo che il trattamento con l’ossitocina riduce la tendenza a concentrarsi su espressioni di disgusto.

Gli studi finora effettuati dimostrano che l'ossitocina riduce la tendenza inconscia dei pazienti a concentrarsi sul cibo, sul peso, sulla forma del corpo e sulle emozioni negative. Attualmente, le conoscenze di natura biologica su come si sviluppino i disturbi alimentari sono ancora scarse e non ci sono trattamenti farmacologici efficaci contro l’anoressia.

Queste ricerche potrebbero quindi servire ad avere in futuro trattamenti innovativi ed efficaci, e la ricerca sul ruolo dell’ossitocina, seppure ancora in fase iniziale, è estremamente interessante per le potenzialità future.

 

Mostra commenti
Dallo yoga un aiuto concreto per la radioterapia
Dallo yoga un aiuto concreto per la radioterapia
In arrivo lo spazzolino interattivo che comunica con lo smartphone
In arrivo lo spazzolino interattivo che comunica con lo smartphone
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
AMICI Onlus lancia il videoconsulto con Pazienti.it per garantire sostegno ai pazienti con Malattie Infiammatorie Croniche dell’Intestino
AMICI Onlus lancia il videoconsulto con Pazienti.it per garantire sostegno ai pazienti con Malattie Infiammatorie Croniche dell’Intestino
Sinusite addio, con i rimedi omeopatici
Sinusite addio, con i rimedi omeopatici
Ashwagandha per combattere lo stress
Ashwagandha per combattere lo stress
Salvavita anziani: come funzionano e come scegliere quello giusto?
Salvavita anziani: come funzionano e come scegliere quello giusto?