Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Prediabete: come riconoscerlo al volo

Prediabete: come riconoscerlo al volo

Ultimo aggiornamento – 18 novembre, 2021

I sintomi del prediabete
Indice

Una delle armi a nostra disposizione per contrastare l’ondata epidemica del diabete è l’individuazione precoce dei soggetti a rischio, prima che la malattia inizi a manifestarsi.

L’International Diabetes Federation (IDF) ha calcolato che i soggetti affetti da varie forme di diabete, obesità e sindrome metabolica siano circa 344 milioni nel mondo, cifra destinata a salire a 472 milioni entro il 2030, con una prevalenza nella popolazione di età compresa fra 20 e 79 anni. 


Includendo anche i pazienti con diabete conclamato, si stima che, per la stessa data, saranno circa un miliardo i soggetti nel mondo affetti da una forma più o meno severa di disordine metabolico che coinvolge il glucosio.

A partire da questi dati, si comprende l’urgente necessità di proporre interventi tesi a limitare la diffusione epidemica del diabete, promuovendo un’azione capillare di prevenzione e individuazione degli stadi precoci della malattia a partire dalle condizioni di prediabete

Cerchiamo di capire di cosa si tratta.

Riconoscere il prediabete: i sintomi da tenere sotto controllo

Si definisce prediabete una condizione – che ricordiamo non essere ancora patologica – caratterizzata da valori di glicemia misurata a digiuno, uguali o superiori a 126 mg/dl oppure da valori di glicemia, uguali o superiori a 200 mg/dl, questa volta misurati 2 ore dopo un apporto glucidico di 75 g. Già a partire da questi valori iniziano a manifestarsi le prime complicanze del diabete, alcune con conseguenze addirittura croniche.

Secondo l’American Diabetes Association, un altro valore da tenere sotto controllo è quello dell’emoglobina glicata (HbA1c): valori superiori al 6,5% sono da considerarsi indice di diabete, mentre valori di HbA1c compresi tra il 5,7 e 6,4% indicano una condizione di prediabete.

Insomma, il prediabete, più che un’entità patologica a se stante, è da considerarsi come uno stadio convenzionale che si colloca lungo un continuum tra normalità e patologia che fa presagire la comparsa del diabete, se non si interviene tempestivamente per contrastarlo. 

Del resto, le statistiche riportano che circa il 70% dei soggetti che manifestano una condizione prediabetica svilupperanno il diabete nel futuro.

Prevenire il prediabete: come fare

Come sappiamo, attualmente non esistono metodi efficaci per prevenire l’insorgenza del diabete di tipo 1. È però possibile prevenire il diabete di tipo 2, patologia più diffusa e ad esordio tardivo. Proprio così. La prevenzione ad oggi è il metodo più efficace per contrastare il manifestarsi di questa forma di diabete, la cui efficacia è persino superiore a quella di qualsiasi farmaco, se si considerano anche gli effetti collaterali di questo tipo di “trattamenti”.

Insomma, il modo migliore per combattere il prediabete e tenere la glicemia entro i limiti della norma è quello di mantenere uno stile di vita sano. Studi recenti hanno dimostrato che l’allenamento e un regime alimentare appropriato riducono il rischio di diabete addirittura del 58-60%.

Al fine di diminuire le probabilità di sviluppare il diabete, è importante seguire alcuni accorgimenti, quali:

  • Seguire una dieta bilanciata (che quindi comprenda meno grassi e più frutta e verdura).
  • Mantenere sotto controllo il proprio peso corporeo.
  • Allenarsi regolarmente (anche camminare con regolarità).
  • Non fumare.
  • Effettuare periodici controlli di routine, se si appartiene a categorie a rischio diabete o sindrome metabolica.

Chi è a rischio di sviluppare il prediabete

Alcune categorie di soggetti manifestano un rischio più alto, rispetto alla popolazione generale, di sviluppare il diabete di tipo 2. Tra i soggetti che dovrebbero monitorare il proprio stato di salute rientrano coloro che presentano i seguenti fattori di rischio:

  • Familiarità con il diabete o altre patologie metaboliche
  • Appartenere ad etnie ad alto rischio di diabete
  • Età superiore a 45 anni
  • Essere in sovrappeso o obesi
  • Condurre una vita sedentaria
  • Soffrire di malattie cardiovascolari, ipertensione arteriosa o dislipidemia
  • Avere una storia personale di diabete gestazionale o aver partorito neonati macrosomici con peso superiore a 4 kg
  • Soffrire della sindrome dell’ovaio policistico

La prevenzione del prediabete e delle altre condizioni a rischio è l’unica arma a nostra disposizione per contrastare il diabete. Ribadiamo l’importanza di sottoporsi a controlli regolari e di adottare uno stile di vita salutare: solo così possiamo tentare di combattere questa grave patologia.

Mostra commenti
Il sovrappeso e l’obesità sono contagiosi?
Il sovrappeso e l’obesità sono contagiosi?
Alcuni farmaci per le allergie potrebbero causare danni (soprattutto agli uomini)
Alcuni farmaci per le allergie potrebbero causare danni (soprattutto agli uomini)
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Come accorgersi se il menisco è rotto?
Come accorgersi se il menisco è rotto?
Come riconoscere e curare un nodulo alla tiroide
Come riconoscere e curare un nodulo alla tiroide
La menopausa e gli squilibri ormonali
La menopausa e gli squilibri ormonali
Il lupo mannaro esiste davvero?
Il lupo mannaro esiste davvero?