Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Bagno turco o sauna? Come scegliere la soluzione migliore per se stessi

Bagno turco o sauna? Come scegliere la soluzione migliore per se stessi

Ultimo aggiornamento – 18 ottobre, 2017

Differenza tra sauna e bagno turco: rischi e benefici
Indice

Con l’avvicinarsi del freddo, e con la ripresa delle attività scolastiche o lavorative, aumenta lo stress, le difese immunitarie si indeboliscono, e si è più esposti ai malanni di stagione. La voglia di qualche trattamento benessere, in questo periodo, è dunque più che lecita e, anzi, raccomandata.

In particolare, un bagno di calore è l’ideale per eliminare tossine e impurità attraverso il sudore, ed è un toccasana per rigenerarsi; tra i più famosi trattamenti, in questo senso, vi sono sauna e bagno turco, che però vengono spesso confusi tra loro. In realtà, non si tratta proprio della stessa cosa! Scopriamo insieme quali sono le similitudini e le differenze e quale dei due scegliere in caso di dubbio.

Differenza tra sauna e bagno turco

Scegliere a quale trattamento sottoporsi, senza conoscere approfonditamente le caratteristiche di sauna e bagno turco, può essere arduo. Occorre dunque esaminare similarità e differenze tra le due applicazioni.

Entrambi questi bagni di calore hanno effetti molto simili sul corpo:

  • Purificano la pelle attraverso un abbondante produzione di sudore indotta dal calore
  • Stimolano il sistema linfatico, ringiovanendolo
  • Eliminano le tossine, l’acido urico, l’acido lattico e i grassi in surplus

E ancora:

  • Producono la rigenerazione dei tessuti, migliorando il tono della pelle e rendendolo meno soggetto agli agenti atmosferici quali il freddo, il caldo, il vento e lo smog
  • Bilanciano la pressione sanguigna mediante la vasodilatazione con conseguenti effetti benefici sulle attività cardiache.

Veniamo ora alle differenze. La prima e più lampante, riguarda la struttura. La sauna è rivestita in legno ed è arredata con panche (sempre di legno non trattato) poste su differenti livelli, su cui sedersi o stendersi con un asciugamano di cotone – è importantissimo evitare l’utilizzo di indumenti sintetici che, col calore elevato, potrebbero provocare seri danni alla pelle –.

All’interno della sauna è presente una stufa con pietre laviche, poste allo scopo di assorbire e rilasciare progressivamente calore. A seconda di dove ci si siede, vi è un livello di calore differente: sulla panca più bassa la temperatura è di 50°C, su quella di mezzo è di 75°C, mentre la temperatura di quella più alta raggiunge gli 85°C.

Sauna e bagno turco: rischi e benefici della sauna

Il bagno turco, invece, è in pietra o in marmo, con le panche disposte allo stesso livello; qui il calore è radiante, ossia diffuso mediante il vapore in tutto l’ambiente, per poi diffondersi all’interno della stanza.

Le temperature sono semplicemente stratificate: a livello dei piedi esse sono di 20/25°C, mentre nella zona del capo arrivano a 40-45°C.

Una grande differenza è la percentuale di umidità presente nei due trattamenti: nella sauna essa è quasi assente (al massimo arriva al 10-15%), mentre nel bagno turco è molto elevata, sfiorando percentuali tra il 90 e il 100%.

Quali sono dunque i benefici di sauna e bagno turco?

Se la principale differenza sta nel tasso di umidità, conseguentemente, i benefici dell’uno o dell’altro trattamento dipenderanno proprio da quest’aspetto.

Il caldo forte e secco della sauna è ideale per rilassarsi e diminuire lo stress. La sauna è particolarmente indicata per gli sportivi, poiché aiuta a contrastare l’acido l’attico, in quanto il calore penetra molto in profondità nei tessuti muscolari. Ciò ha anche un effetto di decontrazione dei muscoli, provati dall’esercizio fisico, ma è anche possibile utilizzare la sauna prima di praticare sport, in quanto il calore prepara i muscoli agli sforzi fisici.

La sauna è anche perfetta per chi desidera rafforzare il proprio sistema immunitario, poiché svolge un’azione antibatterica, che aiuta a prevenire l’insorgenza dei malanni di stagione, quali raffreddori e influenze.

Il bagno turco sfrutta invece le proprietà benefiche del vapore. Avendo temperature più basse, è quindi meglio tollerato da chi non riesce a sopportare temperature elevate: ciò consente una permanenza più lunga all’interno della cabina, con conseguente maggior sudorazione, che porta dunque a una più massiccia eliminazione delle tossine.

Sauna e bagno turco: i benefici e i rischi del bagno turco

Il vapore è l’ideale per chi soffre di ipertensione o ipotensione, ma anche per chi è colpito da problemi alle vie aeree, poiché esso le rigenera e le irrobustisce nei confronti dell’azione di agenti atmosferici (come vento, smog e sbalzi di temperatura).

Dopo aver compreso la differenza tra sauna e bagno turco, se avete ancora dei dubbi su quale sia il miglior trattamento a cui sottoporvi, il consiglio è sempre quello di rivolgervi con fiducia al vostro medico, che saprà consigliarvi anche sul numero di sedute e sulla frequenza delle stesse; soprattutto se soffrite di particolari patologie, è importante evitare decisioni fai da te e ascoltare, invece, uno specialista, per essere certi di poter curare al meglio il vostro problema.

Mostra commenti
Uno in tre: aglio, boulardii e vitamina B6, rimedi naturali per l’equilibrio di pressione e colesterolo
Uno in tre: aglio, boulardii e vitamina B6, rimedi naturali per l’equilibrio di pressione e colesterolo
La qualità della vita di un paziente in dialisi
La qualità della vita di un paziente in dialisi
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Se la suocera sta male chi deve assisterla? (nuore ѐ anche per voi)
Se la suocera sta male chi deve assisterla? (nuore ѐ anche per voi)
Quali sono le complicazioni di una deglutizione non corretta? Alcuni consigli per migliorarla
Quali sono le complicazioni di una deglutizione non corretta? Alcuni consigli per migliorarla
Tonsille criptiche: un fastidioso problema
Tonsille criptiche: un fastidioso problema
Tumore al seno: ecco i campanelli d’allarme
Tumore al seno: ecco i campanelli d’allarme