Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Sindrome sgombroide: il “mal di sushi”

Sindrome sgombroide: il “mal di sushi”

Ultimo aggiornamento – 29 aprile, 2021

sindrome sgombroide o mal di sushi: cosa è e come si cura
Indice

Dr.ssa Valentina Fratoni, specialista in Nutrizione


In questi giorni, sentiamo parlare, non con poche preoccupazioni di “sindrome sgombroide“, un disturbo che si presenta dopo il consumo di alcuni tipi di pesce (sgombro, tonno, sardina, ecc.), laddove è presente una elevata quantità di istamina.

Abbiamo chiesto alla dr.ssa Valentina Fratoni, nutrizionista, di spiegarci di cosa si tratta e cosa fare per prevenire il disturbo.

Cos’è la sindrome sgombroide

Si tratta di un’intossicazione alimentare dovuta all’ingestione di prodotti ittici alterati o non opportunamente conservati, in cui i maggiori responsabili sono: tonno, sgombro, sardina, acciuga, aringa e altre specie migratorie.

È coinvolta nella sindrome sgombroide, detta anche Histamine Fish Poisoning (HPF), la sgombrotossina che si produce al momento della decomposizione delle carni dei pesci, che per loro natura presentano alte concentrazioni dell’amminoacido istidina.

L’istidina è il precursore dell’aminoacido istamina, sostanza fisiologicamente presente nel nostro corpo che viene liberata nel corso di reazioni allergiche, provocando sintomi quali prurito, eruzioni cutanee e difficoltà respiratorie.

Durante episodi di intossicazione alimentare, legati all’ingestione di prodotti ricchi di istamina, come nel caso dei prodotti ittici su citati, ecco che si può facilmente scatenare una sintomatologia analoga a quella di una reazione allergica.

Anche se il nostro intestino, coadiuvato dal fegato, è in grado di inattivare l’istamina di origine alimentare, è presente comunque una tolleranza individuale verso questo aminoacido, tale per cui alcuni individui tenderanno a manifestare le tipiche reazioni allergiche a seguito dell’ingestione di determinati alimenti ricchi di istamina.

Va precisato che una volta presente all’interno dell’alimento, l’istamina non viene più degradata, neanche attraverso la cottura o a seguito di tecniche di conservazione (congelazione, inscatolamento, affumicatura). Inoltre, il pesce “contaminato” non presenta alterazioni organolettiche che ne attestino la possibile tossicità, rendendo quindi rischiosa anche una ingestione modesta.

Sindrome sgombroide: i sintomi

I sintomi compaiono di solito a breve distanza dall’ingestione del pesce ricco di istamina (da 10-30 minuti a 2-3 ore).
Le prime manifestazioni sono:

  • eritema
  • cefalea
  • crampi addominali
  • nausea
  • diarrea
  • palpitazioni
  • vomito

Talvolta, si manifesta anche iperpiressia (febbre alta), tachicardia e ipotensione o ipertensione. I soggetti asmatici possono andare incontro a dispnea (difficoltà respiratoria) o broncospasmo.

Solitamente, la sintomatologia permane per quattro-sei ore, raramente si protrae per più di un giorno.

Cure per il “mal di sushi”

La cura impiegata per la sindrome sgombroide prevede il comune impiego di antistaminici; raramente sono necessari dei broncodilatatori.
La sindrome sgombroide, se risulta essere facilmente superabile dai soggetti sani, potrebbe rivelarsi invece pericolosa per coloro che soffrono di cardiopatie e/o insufficienza respiratoria, per i quali potrebbe essere necessario intervenire con adrenalina (farmaco salvavita).

Sicuramente, la miglior cura è prevenire il manifestarsi dell’intossicazione prestando estrema attenzione al pesce che compriamo e mangiamo, rispettando le corrette modalità di conservazione e di gestione del prodotto in base alle norme vigenti (HACCP).

Le attenzioni da prestare in ambito domestico prevedono la verifica della freschezza del prodotto acquistato, procedendo all’eliminazione di quello alterato, il rispetto del mantenimento della  catena del freddo, utilizzando le apposite borse termiche per il trasporto dal supermercato alla propria casa.

È, inoltre, importante evitare di ricongelare prodotti scongelati, rispettare le date di scadenza riportate nelle confezioni e, una volta che una confezione è stata aperta, avere l’accortezza di consumare il prodotto entro pochi giorni.

Mostra commenti
Disturbo bipolare: come orientarsi
Disturbo bipolare: come orientarsi
Pillola anticoncezionale: aumenta il rischio della depressione
Pillola anticoncezionale: aumenta il rischio della depressione
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Quest’occhio vi sembra normale?
Quest’occhio vi sembra normale?
Lattobacilli: cosa sono e quanto sono utili per la nostra salute?
Lattobacilli: cosa sono e quanto sono utili per la nostra salute?
Lenti a contatto: gli errori più pericolosi per gli occhi
Lenti a contatto: gli errori più pericolosi per gli occhi
Il ruolo del paziente: punti di vista a confronto con TEDMED
Il ruolo del paziente: punti di vista a confronto con TEDMED