Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Soffri di allergie? Sei meno sensibile al covid

Soffri di allergie? Sei meno sensibile al covid

Ultimo aggiornamento – 31 marzo, 2021

Virus e Allergeni Penetrano nell'Apparato Respiratorio Umano
Indice

Con la primavera alle porte, fanno periodicamente ingresso anche le allergie respiratorie stagionali. Se siete soggetti allergici, però, niente paura: la buona notizia è che siete meno sensibili a SARS-CoV-2. Ecco perché.

Covid-19 meno aggressivo nei soggetti allergici, lo studio

Anzitutto, i meccanismi allergici farebbero diminuire i recettori per il Covid sull’apparato respiratorio. Già tempo fa, uno studio pubblicato su Allergy aveva mostrato come, tra i pazienti di Covid-19 ricoverati tra marzo a aprile 2019, i soggetti allergici avessero sviluppato una forma della malattia meno grave

I soggetti allergici avevano infatti mostrato un'incidenza minore di polmonite dovuta a SARS-CoV-2 (si parla del 33,3% contro il 67,7% nei pazienti non allergici). A fare la differenza, la predisposizione a una risposta immunitaria

Le conseguenze di SARS-CoV-2 nell’organismo inducono, in alcuni casi, una iperproduzione di citochine TH1, con la conseguente auto-aggressione del sistema immunitario. A questo segue una produzione elevatissima di interleuchina-6 (IL-6) che può produrre sindrome da stress respiratorio acuto e insufficienza a vari organi, portando spesso alla morte. I pazienti allergici, però, sviluppano una risposta differente: TH2, alla quale non segue la iperproduzione di citochine connessa a sindrome respiratoria acuta.

Come la pandemia ha migliorato la condizione di alcuni allergici

Al di là di condizioni genetiche e fisiologiche, anche alcune abitudini consolidate in quest’anno di pandemia hanno contribuito a migliorare la vita degli allergici

Per esempio, lutilizzo prolungato delle mascherine ha funzionato da barriera, impedendo l’inalazione dei pollini, riducendo sensibilmente il fastidio per i soggetti con allergia al polline.

Altra buona notizia, ma probabilmente temporanea, è data dal fatto che con le misure attuate durante i vari lockdown si è registrato un abbassamento dei livelli di inquinamento, fenomeno impatta positivamente su chi soffre di allergie respiratorie. Passare più tempo in casa, però, aumenta l’esposizione a umidità, polvere e allergeni dell’ambiente domestico, scatenando allergie da interni, dovute per esempio a muffa o acari.

Di contro, dunque, si registra un aumento di allergie che si sviluppano in ambienti chiusi, come l’allergia al pelo di animali domestici.

Nonostante una somiglianza di sintomi, però, esistono delle differenze tra covid e allergie. Non abbassare la guardia, quindi, e consultare il medico soprattutto se, oltre ai sintomi allergici, si nota anche la presenza di tosse secca, difficoltà a respirare, spossatezza, febbre e perdita di olfatto e gusto, tutti sintomi che indicano una possibile presenza di SARS-CoV-2.

Mostra commenti
Covid, scoperto farmaco che intrappola il virus
Covid, scoperto farmaco che intrappola il virus
Ti fischiano le orecchie quando dormi? Fai così
Ti fischiano le orecchie quando dormi? Fai così
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Quando la “mani piedi bocca” colpisce gli adulti
Quando la “mani piedi bocca” colpisce gli adulti
Quando è necessario sottoporsi a una scintigrafia ossea
Quando è necessario sottoporsi a una scintigrafia ossea
Pentole “cancerogene”: una guida per la scelta
Pentole “cancerogene”: una guida per la scelta
Vitiligine? Tieni sotto controllo la tua tiroide
Vitiligine? Tieni sotto controllo la tua tiroide