Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Videogames Cervello 2

Videogames: uno stimolo positivo per il cervello

Vincenzo Russo | Blogger

Ultimo aggiornamento – 24 Novembre, 2014

Videogames: uno stimolo positivo per il cervello

Lo sostiene il dr. Mark Griffith, docente di patologia del gioco alla Trent University di Nottingham, Inghilterra, che è una vera autorità nel suo campo, essendo anche direttore dell’unità di ricerca internazionale sul gioco patologico e compulsivo­.

In un articolo pubblicato da The Conversation, un periodico scientifico inglese on-line, il dr. Griffith va contro le comuni credenze in fatto di videogiochi, esponendo i risultati di diverse ricerche.

Perché i videogames fanno bene

Come è stato nel passato per la televisione o il rock’n’roll”, sostiene il dr. Griffith, “i mali associati all’uso dei videogames, come l’obesità o le lesioni da sforzo, la presunta maggiore aggressività e la dipendenza, sono più un frutto della distorsione dei mass-media che reali motivi di preoccupazione”.
Al contrario, secondo il Griffith, i vantaggi che offrono i videogames sono molti e oggi siamo in presenza di numerose ricerche che dimostrano che i videogiochi possono essere utilizzati a fini educativi e terapeutici, così come molti altri studi rivelano come i videogiochi siano in grado di migliorare i tempi di reazione e la capacità di coordinare la vista e i movimenti delle mani.

Ad esempio, la ricerca ha dimostrato che la capacità di visualizzazione spaziale e la manipolazione di oggetti tridimensionali migliorano con l’uso dei videogames.

Gli ultimi studi

Da aggiungere alla serie di studi che dimostrano gli effetti più positivi che negativi dei videogiochi, è un nuovo lavoro presentato dalla National Academy of Sciences, a opera di un team guidato dal prof. Vikranth Bejjanki.

Il loro lavoro, pubblicato di recente, dimostra che i videogiochi d’azione – quelli maggiormente sotto accusa da parte dei detrattori – rendono giocatori abituali più abili, aumentano la loro percezione, l’attenzione e la capacità di apprendere.
Lo studio si è basato su una serie di test effettuati su diverse batterie composte da un piccolo numero di giocatori (da 10 a 14 persone per squadra). I ricercatori hanno riferito che i giocatori con precedenti esperienze di gioco con questi videogames dimostravano migliori performance percettivo-cognitive, rispetto a giocatori con meno esperienza.

Un successivo esperimento è stato effettuato addestrando giocatori con minori capacità ed esperienza in giochi d’azione, con un corso pratico di 50 ore. Si è visto che, anche in questi soggetti, le performance cognitivo percettive erano migliorate dopo l’addestramento.

Le conclusioni dei ricercatori sono state che l’apprendimento potenziato delle tecniche di gioco può agire come un meccanismo di base attraverso il quale il videogioco d’azione influenza positivamente le prestazioni nella percezione, nell’attenzione, e la cognizione.

Il dr. Griffith suggerisce che un uso mirato dei videogames potrebbe rivelarsi molto utile non solo in campo educativo, dove verrebbe accolto senz’altro con più entusiasmo e attenzione dei sistemi tradizionali di learning, ma anche in molti altri settori, come quello della medicina riabilitativa, come pratica fisioterapica, anche tenendo presente che un altro vantaggio dei videogiochi è che non hanno controindicazioni ambientali, basate sull’età, la provenienza geografica, l’istruzione precedente.

Naturalmente anche il dr. Griffith mette in guardia contro i pericoli derivanti da un uso smodato dei videogames. Ma questo è un problema che interessa praticamente ogni tipo di attività umana, se effettuata in modo esagerato.

Mostra commenti
La meditazione e i suoi benefici sulle nostre cellule
La meditazione e i suoi benefici sulle nostre cellule
I pro e i contro delle sigarette elettroniche
I pro e i contro delle sigarette elettroniche
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Colecisti, colecistite e calcoli biliari: quali sono le differenze?
Colecisti, colecistite e calcoli biliari: quali sono le differenze?
Come combattere i crampi muscolari? Una lista dei rimedi più efficaci
Come combattere i crampi muscolari? Una lista dei rimedi più efficaci
Uva, utile per la salute delle ossa (e non solo)
Uva, utile per la salute delle ossa (e non solo)
Esami del sangue in gravidanza, cosa monitorare?
Esami del sangue in gravidanza, cosa monitorare?