icon/back Indietro Esplora per argomento

Come mettere la pettorina al cane

Anna Nascimben | Editor

Ultimo aggiornamento – 17 Gennaio, 2024

Un cane in mezzo ad un giardino con la pettorina

Cosa fare se il cane non ne vuole sapere di indossare pettorine e guinzagli?

Ecco tanti consigli utili e alcuni trucchi su come mettere la pettorina al cane in modo veloce e pratico.

Come mettere una pettorina al cane

La pettorina è uno strumento indispensabile per portare fuori il proprio cane e per fare in modo che egli sia sempre al sicuro.

Soprattutto quando è ancora un cucciolo, infatti, non è raro che l'animale possa allontanarsi improvvisamente, oppure può rischiare di farsi male: ecco perché è importante far abituare il proprio animale domestico a indossare questo accessorio, in modo che anche da adulto esso poi associare la pettorina ad un momento piacevole.

Purtroppo il più delle volte i cani mostrano segni di insofferenza e, soprattutto se l'animale è già in là con gli anni, può risultare difficile farglielo indossare.

In commercio esistono principalmente due tipologie di pettorina, quella che si infila dalla testa e quella che si infila dalle zampe.

Una volta scelta l'opzione più adatta alle proprie esigenze, è necessario verificare sempre che essa si adatti bene al suo corpo e che, pur mantenendosi aderenti, non impedisca i naturali movimenti dell'animale.

Ecco allora il procedimento step by step per mettere la pettorina la cane:

Come mettere la pettorina che si infila dalla testa

  • prima di acquistare questo modello di pettorina, misurare il sottopancia e la circonferenza del collo del cane, in modo da essere sicuri di comprare la taglia di pettorina giusta. Questo modello si trova comunemente nei negozi di articoli per animali e in genere presenta delle strisce di velcro o delle linguette che abbracciano la pancia dell'animale. Esso inoltre può avere optional aggiuntivi, come ad esempio dei dettagli riflettenti o delle protezioni extra per minimizzare l'attrito del pelo;
  • per essere sicuri di comprare la pettorina della taglia giusta, è possibile anche recarsi al negozio di articoli per animali e provargli direttamente i vari modelli;
  • un modo per accertarsi che la taglia sia corretta è quello di infilare due dita tra il pelo e la pettorina: bisognerà riuscire a farlo agevolmente, soprattutto in prossimità della pancia e del collo, o l'animale potrebbe sentirsi scomodo;
  • cercare di infilare la pettorina facendo rimanere il cane seduto;
  • ogni volta che il cane si fa infilare la pettorina, ricompensarlo con dei premi, per fargli capire che si sta comportando bene;
  • fare in modo che l'animale rimanga calmo, parlandogli con dolcezza;
  • far passare il foro più ampio collocato al centro della pettorina attorno al collo dell'animale, senza le orecchie vengano schiacciate;
  • regolare le fasce pettorali e far scivolare le zampe anteriori dell'animale, in modo che l'animale venga avvolto sotto il torace e sotto la pancia;
  • assicurarsi che la pettorina non sia troppo piccola e che non dia fastidio all'animale;
  • far scattare fra loro le fibbie della fascia facendole scorrere attorno alle zampe dell'animale, per poi chiuderle su ciascun lato. Infine, regolare la pettorina per adattarla alle dimensioni;

Occorre tenere presente, poi, che questo tipo di pettorina non è adatta per tenere il cane bloccato all'interno dell'auto: in questo caso è preferibile dotarsi di un modello apposito.


Potrebbe interessarti anche:


Come si mette la pettorina che si infila dalle zampe al cane

Questo modello è consigliato soprattutto per lunghe uscite con il cane oppure in occasione di escursioni, visto che grazie alla sua forma piuttosto minimal, non costringe l'animale e risulta quindi essere ben tollerata.

Solitamente le pettorine che si infilano dalle zampe presentano una sola fibbia che si chiude sopra le spalle, inoltre nella maggior parte dei modelli il collare si collega a un anello dalla forma a D che consente una distribuzione più uniforme del peso.

Un cane su una spiaggia con la pettorina

Una volta visto il procedimento per il modello che si infila dalla testa, ecco come si mette la pettorina del cane a partire dalle zampe:

  • sganciare la pettorina e appoggiarla a terra, con la parte superiore della fibbia rivolta verso terra;
  • parlare in modo dolce e calmo al cane, premiandolo con qualche dolcetto;
  • fare in modo che l'animale resti in piedi sopra la pettorina;
  • fargli infilare la zampa sinistra nell'anello sinistro e la destra nell'anello destro;
  • fissare le fasce e farle scivolare intorno al collo, per poi bloccare le fibbie sopra la nuca;
  • regolare l'imbracatura in modo che si adatti bene al corpo dell'animale, usando le linguette o le clip di regolazione;
  • quando è tutto a posto, premiare il cane con una ricompensa.

Pettorina per il cane: quale scegliere?

In commercio esistono diversi tipi di pettorina per cani, da valutare in base alla dimensione del proprio animale domestico, alla sua propensione a tirare, alle attività che andranno svolte insieme e al suo carattere.

Ecco una panoramica dei principali modelli di pettorina per cani fra cui scegliere:

  • pettorina a Y. Questa opzione fornisce un buon sostegno al cane e, grazie alla sua forma avvolgente, si presta ad essere utilizzata sia per le passeggiate che per le attività sportive, visto che consente all'animale di respirare senza fatica;
  • pettorina a forma H. Si tratta del modello più diffuso, tuttavia in alcuni casi può essere leggermente più difficile da far indossare al cane. Meglio puntare su modelli di alta qualità perché alcuni materiali possono provocare delle fastidiose irritazioni all'animale;
  • a forma di T. Semplice da indossare, basta farla passare per la testa dell'animale e stringere la cinghia che passa sotto il corpo dell'animale e dietro alla sue zampe. È la scelta ideale soprattutto per cani di grossa taglia, tuttavia non è indicata per chi ama praticare attività sportiva con il proprio amico a quattro zampe;
  • pettorina di trazione. Si tratta del modello utilizzato solitamente in caso di canicross o escursioni.

Perché preferire la pettorina al guinzaglio

La pettorina presenta numerosi vantaggi, a cominciare dal fatto che non stringe il collo del cane quindi, anche se quest'ultimo dovesse tirare, non avvertirà alcun dolore.

Poi, si tratta di un accessorio difficile da sfilare, che riuscirà a mantenere in sicurezza l'animale anche qualora si verificasse uno strappo improvviso all'indietro.

Sebbene richieda più tempo per essere infilata rispetto al collare, la pettorina ha il pregio di far comunicare meglio il cane con gli altri esemplari, in quanto essa avvolge delicatamente l'animale senza costringerlo.

In questo caso, quando c’è trazione il peso viene distribuito in modo più uniforme sul corpo e la pettorina, a differenza del collare, non esercita una pressione eccessiva; ciò si rivela particolarmente importante soprattutto quando l'animale ha la tendenza a tirare molto e a fiutare, oppure in presenza di cani di piccola taglia, in quanto tendenzialmente più fragili.

La pettorina evita lesioni, ferite e fastidi di vario tipo, inoltre è perfetta in occasione delle attività sportive (come ad esempio il canicross) o di escursioni impegnative.

Il collare, infatti, può dare luogo a problemi al collo, aumento di pressione sulla tiroide e sulla trachea, problemi che la pettorina è in grado di evitare.

Condividi
Anna Nascimben | Editor
Scritto da Anna Nascimben | Editor

Con una formazione in Storia dell'Arte e un successivo approfondimento nello studio del Digital Marketing, mi occupo da anni di creare contenuti web. In passato ho collaborato con diversi magazine online scrivendo soprattutto di sport, vita outdoor e alimentazione, tuttavia nel corso del tempo ho sviluppato sempre più attenzione nei confronti di temi come il benessere mentale e la crescita interiore.

a cura di Dr. Valerio Guiggi
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Anna Nascimben | Editor
Anna Nascimben | Editor
in Cane

785 articoli pubblicati

a cura di Dr. Valerio Guiggi
Contenuti correlati
Cane viene coccolato su un prato
Calmanti per cani, come gestire ansia e stress con i migliori rimedi naturali o farmacologici

Calmanti per cani: le cause e i segnali che il cane è stressato o ansioso e come gestire questi sintomi con i migliori rimedi naturali o farmacologici.

Un cane arrabbiato mostra i denti
Cane arrabbiato, ecco i segnali per riconoscere questa emozione

Cane arrabbiato, i segnali per riconoscere questa emozione, i comportamenti da adottare per evitare il peggio, i consigli per risolvere la rabbia del cane.

icon/chat