I cani possono mangiare le castagne?

Valentina Montagna | Editor

Ultimo aggiornamento – 16 Ottobre, 2023

Cane sdraiato in un prato pieno di castagne

I cani possono mangiare le castagne? Questa è una domanda che ricorre spesso tra i proprietari apprensivi e che non sanno quale cibo possono mangiare i loro animali domestici.

Come è risaputo, alcuni alimenti sono vietati perché possono essere tossici e nocivi per la sua salute, tra i quali la cioccolata.

Entriamo nel dettaglio.

Si possono dare le castagne al cane?

Senza tanti giri di parole, sì, è possibile offrire al cane qualche castagna ogni tanto, perché questi frutti del castagno, un albero che appartiene alla famiglia delle Fagaceae, non sono tossici.

La misura è d'obbligo, tuttavia (non più di due o tre) perché la castagna può risultare pesante da tollerare per lo stomaco del cane, oltre a essere troppo calorica per essere inserita nella sua dieta alimentare.

E ricordiamo che è bene rispettare alcune linee guida per evitare di incorrere in problemi di sovrappeso e obesità.

Da osservare che anche i cani possono aumentare di peso e scontarne le conseguenze: i problemi di peso possono includere patologie legate al cuore o alle ossa come displasia all'anca.

Quante castagne si possono dare al cane?

La castagna può essere considerata un piccolo snack di ricompensa per premiare il cane quando obbedisce a un comando. 

Per evitare ogni genere di problema relativo a possibili intolleranze, è preferibile iniziare con un pezzettino di castagna. I cani che non hanno problemi di salute possono mangiarne un paio, se di taglia grande o media.

Se il cane è di piccola taglia, è bene dare una sola castagna a pezzettini per evitare che la ingoi intera o che non riesca a masticare un boccone troppo grande. 

Da precisare che se il cane soffre di problemi gastrici e intestinali, è meglio evitare di dare la castagna per non causare problemi digestivi e gonfiore addominale.

Quali sono gli effetti collaterali delle castagne per i cani

Un eccesso di castagne potrebbe provocare problemi digestivi a causa della presenza abbondante di:

  • amido (i cani non sono in grado di digerirlo);
  • zuccheri complessi;
  • fibre. 

Gli zuccheri, i grassi e le fibre presenti nelle castagne possono provocare alcuni effetti collaterali nel cane:

  • fermentare e produrre gas e gonfiore nello stomaco;
  • dolore addominale e problemi digestivi;
  • indigestione;
  • infiammazione del pancreas;
  • torsione gastrica;
  • occlusione intestinale.

La pancreatite è quando il pancreas si infiamma causando sintomi come letargia, dolore addominale, vomito, diarrea, sete aumentata e appetito diminuito, situazione grave da richiedere quasi sempre il ricovero.

Se si osservano sintomi di pancreatite dopo che il cane ha consumato una grande quantità di castagne, o altri cibi grassi, è bene contattare un veterinario. La pancreatite può diventare pericolosa se non trattata.

Come dare le castagne ai cani?

Per far mangiare la castagna al cane, si può frullare per ridurla a una pasta morbida dopo averla bollita o cotta al forno, e mescolarla al suo cibo per favorirne la masticazione e la deglutizione.

Le castagne da dare ai cani possono essere arrostite, al vapore o al forno. Tutti questi metodi di cottura possono andare bene. Evitare di dare le castagne crude perché contengono alte quantità di acido tannico tossico. 

È fondamentale, inoltre, evitare di dare al cane castagne condite, salate o ricoperte di glassa o di cioccolato. Zucchero e sodio, infatti, non sono salutari, anzi sono decisamente nocivi. 

Inoltre, da notare che è anche importante saper riconoscere la cosiddetta "castagna matta", frutto dell’ippocastano, una varietà tossica e non commestibile sia per le persone sia per i cani.

Cosa fare in caso di indigestione da castagne?

Anche in caso di ingestione eccessiva di castagne da parte del cane, bisogna osservare i sintomi e nel caso contattare subito il veterinario.

I sintomi come vomito e diarrea possono indicare un problema di indigestione o un'intossicazione.

Il veterinario valuterà il caso ed eventualmente può somministrare farmaci per via endovenosa per prevenire la disidratazione e favorire il recupero veloce dell'animale. 

Prima di cambiare il regime alimentare del cane, o di introdurre nella sua dieta cibi nuovi, è sempre preferibile confrontarsi con il veterinario. 

La presenza di alcuni nutrienti come i grassi, per esempio, potrebbe impattare negativamente sulla sua salute, se ci sono condizioni già problematiche sottostanti.

Valentina Montagna | Editor
Scritto da Valentina Montagna | Editor

La mia formazione comprende una laurea in Lingue e Letterature Straniere, arricchita da una specializzazione in Web Project Management. La mia esperienza nel campo si estende per oltre 15 anni, nei quali ho collaborato con nutrizionisti, endocrinologi, medici estetici e dermatologi, psicologi e psicoterapeuti e per un blog di un'azienda che produce format televisivi in ambito alimentazione, cucina, lifestyle.

a cura di Dr. Luca Buosi
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Valentina Montagna | Editor
Valentina Montagna | Editor
in Cane

577 articoli pubblicati

a cura di Dr. Luca Buosi
Contenuti correlati
Un cane
Diagnosi di ascesso nel cane, sintomi e trattamento

Come si presenta l'ascesso nel cane e da cosa è determinato? Scopriamo quali sono i sintomi che lo caratterizzano e quale trattamento dev'essere messo in atto.

Cane sdraiato sul divano che sembra triste
La pancreatite nel cane: sintomi, diagnosi e cure

Pancreatite nel cane acuta e cronica: ecco i sintomi da osservare, la diagnosi e i trattamenti per gestire questo patologia nei cani.