Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Angiosclerosi

Cos'è l'angiosclerosi?

Ad un mio caro, è stata diagnosticata l'angiosclerosi, ma sono un po' confuso. Cosa significa? Come si cura e come fare per non peggiorare?

Fai bene a essere confuso. L'angiosclerosi, tecnicamente, è il processo di invecchiamento dei vasi arteriosi. Questo significa che tutti noi, chi più chi meno, chi prima chi poi, siamo soggetti a sviluppare l'angiosclerosi.

La manifestazione più comune è quella che porta all'indurimento della parete dei vasi arteriosi, con conseguente comparsa di ipertensione dovuta proprio alla ridotta estensibilità della parete dei vasi. Per quello che è stato appena detto, risulta evidente che l'angiosclerosi, come tale, non è una patologia e soprattutto non può essere curata.

Così come invecchia la pelle col passare degli anni, allo stesso modo invecchiamo anche dentro. E, come facciamo per la pelle, allo stesso modo possiamo prenderci cura delle nostre arterie durante la nostra vita. Basta evitare quei comportamenti che accelerano il processo di invecchiamento, evitare i comportamenti nocivi, mantenere una dieta sana ed equilibrata e praticare del movimento quotidiano.

Rimane un fatto, però, se si ha una forte componente ereditaria all'invecchiamento precoce, per esempio, o alla comparsa di calcificazioni all'interno dei vasi, è più probabile che questo accada nonostante i comportamenti virtuosi descritti poco fa. Un'accortezza: angiosclerosi e aterosclerosi non sono la stessa cosa.

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Gabriele Bertoni
Dr. Gabriele Bertoni
Milano - Milano, Italia
Altre risposte di questo specialista
Rimozione di una placca alla carotide: come si esegue?
L'intervento di disobliterazione carotidea (Trombo-Endo-Aterectomia, o più comunemente TEA) si esegue da ormai più di 50 anni. L'intervento consiste nell'asportazione della placca...
Sindrome Compartimentale: può provocare neuroma e trombo venoso?
Buongiorno. La circostanza clinica descritta è alquanto complessa, e non vorrei in nessun modo criticare l'operato dei colleghi che hanno avuto in cura tuo...
Fastidio dopo intervento di angioplastica: è normale?
Buongiorno,credo che la tua domanda sia un po' troppo generica. Per risponderti, avrei bisogno di sapere che tipo di angioplastica hai fatto (in che...
Rottura dei capillari: chi la cura?
Tieni conto che la rottura dei capillari può essere il primo segno di qualcosa che non va a livello venoso superficiale. La...
Protesi in dacron: qual è la durata in caso di aneurisma addominale?
Non preoccuparti, la durata delle protesi in Dacron è estremamente lunga, tanto che le si considera praticamente eterne. Più correttamente, le protesi...
Vedi tutte
Risposte simili
Operazione Safena – Ematomi post intervento safena: è normale?
Si! E' normale che ci siano degli ematomi nell'immediato post-operatorio di stripping della vena safena interna. Un'adeguata compressione e creme eparinoidi accelerano il riassorbimento di...
Sindrome di Churg-Strauss: cosa fare?
Per sindrome di Churg-Strauss, si intende un tipo di vasculite sistemica dei piccoli vasi. I sintomi e i segni clinici presentano sinusopatia, asma...
Cure termali: si possono fare in caso di trombosi venosa?
Il caldo può essere responsabile di gonfiore. Se poi la trombosi è dovuta ad una coagulopatia congenita, cioè ad una eccessiva tendenza alla coagulazione di...