Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Cos E La Disprassia

Cos'è la disprassia?

Mi hanno detto che probabilmente mia figlia soffre di disprassia: di cosa si tratta di preciso e cosa posso fare per aiutarla?

La disprassia è un disturbo che riguarda la funzione motoria nell’articolazione della parola. La persona disprassica è impossibilitata ad articolare correttamente suoni e fonemi e il bambino ritarda a denominare e ad utilizzare il linguaggio spontaneo. L’espressione è quindi poco comprensibile, monotona, priva di inflessioni e di ritmo per la presenza anche di disturbi psico-motori. In questi casi il logopedista aiuta a facilitare la comunicazione e la chiarezza articolatoria del linguaggio.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Redazione Pazienti
Redazione Pazienti
Milano
Altre risposte di questo specialista
Referti radiografici post polmonite: come si leggono?
Da quanto riferisci, il quadro emerso dalla radiografia, dalla broncoscopia e dalle TAC da te eseguite, deve essere riferito ad un esteso processo bronco...
Raggi ai polmoni: come si interpretano?
Normalmente, le patologie interstiziali sono diffuse ad entrambi i polmoni e non localizzate. Visti i sintomi recenti da te accusati, il referto emerso dalla radiografia...
Tac al torace: come si legge?
La tomografia assiale computerizzata da te eseguita è sostanzialmente nella norma. Il nodulo microcalcifico rilevato è certamente di natura benigna e senza dubbio un esito...
Polisonnografia: come si interpreta?
Purtroppo, non è possibile dare un'interpretazione corretta e completa dell'esame polisonnografico da te eseguito, in quanto manca il dato più importante, sicuramente rilevato, ma...
Tac polmonare: come si legge?
Senza vedere le immagini è assai difficile esprimere opinioni precise.  Non so se tuo padre abbia avuto in passato qualche problema polmonare, ma lo sbandamento...
Vedi tutte
Risposte simili
Esercizi per la pronuncia: quali sono?
La R è l'ultimo suono di acquisizione della nostra lingua perchè richiede contemporaneamente una buona tonicità e agilità della lingua, che deve vibrare attraverso il...
Ritardi nella lallazione: cosa fare?
Bisogna stimolare il bambino facendoli noi; se il bambino non ha subito traumi inizierà ad imitare e quindi dalla lallazione passerà alle prime paroline. ...
Difficoltà a parlare post ictus: cosa fare?
Ti consiglio di far intraprendere a tuo padre una terapia logopedica, che lo aiuterà a riacquisire la capacità di parlare tranquillamente. Cordialità