Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Daflon Prolasso Rettale

Si può assumere Daflon 3 volte all'anno?

Buongiorno, ho 55 anni, 2 anni fa mi è stato riscontrato un prolasso rettale, per il momento tiro avanti con pomate e Daflon, non sto male per il dolore, a parte quando si infiammano le emorroidi che le ho di 3° grado, ma il disagio per me è che, facendo il verniciatore a catena, sono sempre in piedi e spesso mi ritrovo con l'ultimo tratto dell'intestino che esce (o emorroidi) e non posso fare nulla per rimettere dentro il tutto, perchè la catena non si può fermare, dovrei tirarmi via i guanti sporchi di vernice, andare in bagno a lavarmi le mani per igiene e per rimanere da solo, perchè nella linea di catena c'è altro personale. Per tutto ciò, debbo tenermi questo fastidio e anche un po' doloroso per tutto il giorno. Si può prendere Daflon 3 volte all'anno? Con questa cura, si riduce quasi del tutto il disagio e il fastidio che provoca questo prolasso sia sul lavoro che nel passeggiare? La dieta la faccio già da 4 anni per ernia iatale, reflusso gastroesofageo, gastrite cronica, mangio spesso cibi integrali e con fibre, di corpo vado abbastanza bene. Grazie mille per avermi fatto scrivere quello che pensavo di chiedere. Arrivederci.

Più che assumere il Daflon che non può correggere il prolasso, ti consiglio l'intervento chirurgico che, nel tuo stadio, è indispensabile.

In caso di emorroidi di 3° grado, il trattamento consigliato consiste nell'eseguire delle legature elastiche dei gavoccioli emorroidari, trattamento che può essere peraltro effettuato in regime ambulatoriale e senza anestesia.

Altrettanto utile, unitamente al trattamento descritto, è seguire una dieta appropriata, ovvero ricca di fibre ed un'adeguata idratazione giornaliera.

Non esiste farmaco o altro rimedio naturale che possa riportare nella sua sede il tessuto emorroidario prolassato. I farmaci sono utili per attenuare la sintomatologia legata al prolasso (sanguinamento, gonfiore, bruciore, dolore, prurito), ma non riportano nella sede naturale le emorroidi.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Attilio Sebastiano
Dr. Attilio Sebastiano
Salerno - Viale Giuseppe Verdi, 12, Salerno, SA, Italia
Risposte simili
Fistola anale infiammata: come curarla?
La cura di una fistola anale deve essere pianificata da un proctologo particolarmente esperto in materia, previa precisa definizione della diagnosi e delle caratteristiche...
Edema periscrotale: qual è la causa?
Le cause possono essere molteplici: traumi, infezioni cutanee o degli organi contenuti, parassitosi, allergie, ernie strozzate o sofferenti, varicocele...
Dolori alle gambe e colonscopia: può esserci un legame?
Non esiste una sicura relazione diretta tra le due cose; indirettamente, la colonscopia potrebbe aver sollecitato, per la posizione assunta sul lettino o per...
Altre risposte di questo specialista
Emorroidi in gravidanza: come trattarle?
Ti consiglierei di migliorare anche la defecazione con emollienti delle feci.
Embolizzazione: potrebbe essere utile in caso di emorroidi?
Se c'è un prolasso del retto, cioè il rettocele, i disturbi scompariranno solo con la sua resezione chirurgica.
Emorroidi: come trattarle?
Potrebbe trattarsi di una trombosi emorroidiaria. Devi fare una visita proctologica.
Ragadi ed emorroidi: lasciano tracce di sangue?
Potrebbe essere, ma se c'è anche l'età io farei una colonscopia.
Fecalomi: come si può prevenire la loro formazione?
Devi assumere quotidianamente emollienti delle feci.
Vedi tutte