Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Disturbo Ossessivo Paranoico

Cosa fare in caso di paranoia?

Ho riscontrato in una mia parente degli atteggiamenti tipici del disturbo ossessivo paranoico. Ci sono terapie non farmacologiche? Qual è l'approccio giusto che i familiari devono avere nei confronti del problema e della persona che ne è affetta? Ogni tentativo di persuaderla dell'infondatezza dei suoi sospetti è inutile, talvolta peggiora la situazione e il suo stato d'animo. Se ne può uscire completamente? Ipotizzando un peggioramento, quali rischi ci sono?

La diagnosi da te descritta è quella di un disturbo piuttosto grave, quindi la prima cosa che ti consiglio di fare è quella di accertarti davvero di trovarti di fronte al disturbo che descrivi, anche se mi rendo conto che è una situazione difficile e c'è il rischio di andare incontro ad un conflitto con la tua parente. Uscirne completamente dipende dal tipo e dalla gravità del disturbo, ma soprattutto dalla possibilità di trattare la persona (farmacologicamente o meno). In un caso come questo capisco che dare torto alle sue convinzioni peggiora le cose, ma si può provare a fare leva sul disagio per convincerla a rivolgersi ad uno specialista; per esempio, potresti provare a dirle: "Quello che succede è brutto e ti fa stare male, perché non cerchiamo insieme un modo affinché queste cose brutte che ti circondano ti feriscano di meno? La situazione purtroppo è difficile da cambiare, possiamo vedere se c'è qualcuno che può spiegarci come conviverci così che non ti facciano più stare tanto male". Purtroppo il caso che descrivi dovrebbe essere indagato più in profondità ed è difficile in poche righe dare un aiuto migliore, quello di cui mi raccomando è di evitare il "braccio di ferro" cercando di sdrammatizzare o sminuire una convinzione che per la tua parente è certezza: è necessario dimostrare partecipazione e comprensione, magari approfittare di un momento di maggiore lucidità per portarla da uno specialista. Spero comunque di averti dato qualche idea per aiutare la persona di cui parli.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Paola Valenzano
Dr.ssa Paola Valenzano
Roma - Via Luigi Schiavonetti, 278
Altre risposte di questo specialista
Cleptomania: come si cura?
Buonasera, ogni volta che c'è volontà di risolvere, c'è rimedio al proprio disagio, anche il fatto che tu abbia riconosciuto il problema ed abbia chiesto...
Ansia: come gestirla?
Buonasera, sarebbe bene capire cosa ti susciti ansia, indagare come e quando capita. Un carattere ansioso esiste perché la persona tende ad interpretare quello...
Pressione bassa e apatia: quali le cause?
Buonasera, la prima cosa che andrebbe essere verificata è quali cambiamenti o eventi possano esere successi nell'ultimo anno, tali da causare una comportamento diverso. Se non...
Attacchi di ansia: quali le cause?
Buongiorno. Mi rendo conto che sentire qualcosa di diverso dal solito possa accendere l'attenzione, ma se questo diventa un pensiero fisso, a fronte di una...
Attacchi di panico: come curarli?
Buonasera,mi rendo conto che gli attacchi di panico e l'ansia in generale possano rendere difficile affrontare anche le situazioni più piacevoli, ma è...
Vedi tutte
Risposte simili
Farmaci antidepressivi: quali sono gli effetti collaterali?
Possono portare ad uno stato di iperattivazione, che si manifesta con aumento dell'ansia, irrequietezza, insonnia, irritabilità. Non bisogna superare le dosi che vengono...
Depressione: cosa fare?
Quando parli di cura a cosa ti riferisci in particolare? Farmaci, psicoterapia o entrambe? Prova a parlarne con il psicologo presso cui...
Schizofrenia: quali sono le conoscenze più avanzate?
Nelle neuroscienze, c'è un dibattito molto vivo, visto che ancora non si sono raggiunti risultati uniformemente validati. Il circuito della Dopamina sembra essere il...