Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Intorpidimento Coscia Sinistra

Quali esami effettuare per capire la causa di un intorpidimento alla coscia sinistra?

Buongiorno, è da qualche mese che ho un intorpidimento molto forte alla coscia sinistra, se mi ritrovo in piedi in forma statica, al lavoro, a riposo e ultimamente anche sdraiato. È da qualche giorno che inizio ad avere una strana sensazione anche alla coscia destra, sempre nella fascia muscolare esterna. Molte volte, mi capita di svegliarmi al mattino con braccia e mani come se fossero estranee al mio corpo, poi, dopo un forte formicolio, il tutto torna nella norma, ma ho sempre dato la colpa ad una posizione strana nel dormire. Da giovane facevo molto sport, poi per una decade abbondante, avevo smesso. Da 3 anni, ho ripreso anche a fare un po' di sport, mountain bike. Ho sofferto di lussazioni ad ambo le spalle, alla destra ho fatto 2 operazioni, la prima di ancoraggio, la seconda di latarjet, un intervento invasivo. Cosa mi può consigliare? Da cosa può essere dovuta questa cosa che mi sta passando? La ringrazio in anticipo per l'attenzione. Cordiali saluti.

Salve,
l'intorpidimento alla coscia, prima sinistra e poi destra, in qualsiasi postura assunta, è molto verosimilmente legato ad una patologia irritativa o compressiva delle radici spinali del rachide lombo-sacrale.

Sarebbe utile una visita da un neurologo prima e successivamente, se lo ritiene opportuno lo specialistica, iniziare l'iter diagnostico che potrebbe portare ad un ulteriore consulto specialistico neurochirurgico.

Così come anche la strana sintomatologia agli arti superiori con formicolii alle estremità può essere collegata ad una patologia neurologica irritativa o compressivo, visto che sei stato sottoposto a ripetuti interventi chirurgici ortopedici di lussazione della spalla. Stavolta, però, consiglio una visita specialistica ortopedica, magari dal chirurgo che già precedentemente ti ha avuto in cura.

Non penso in entrambi i casi che il tutto sia da collegare ad una sintomatologia di pertinenza vascolare.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Domenico Cecere
Dr. Domenico Cecere
Isernia - Via Atinense, Pozzilli, IS, Italia
Risposte simili
Caviglie e piedi gonfi: cosa può essere?
Salve, la malattia di Parkinson è una patologia degenerativa del sistema nervoso che rallenta i movimenti e la stazione eretta. Immagino che la...
Parnaparina: quali effetti collaterali ha?
Salve,non capisco il motivo della prescrizione di Parnaparin in un soggetto portatore di stent arterioso agli arti inferiori e soprattutto a quale dosaggio. Posso intuire...
Intervento alla carotide: quando è indispensabile?
Gentile utente, sarebbero necessarie maggiori informazioni: sesso, età, peso. A distanza, ti posso dire che l'intervento per stenosi carotidea, sia...
Altre risposte di questo specialista
Bruciore alla gamba: quali esami effettuare?
Salve, provo a capire quali potrebbero essere i motivi del disturbo da te riferito. Il bruciore alla gamba è un sintomo molto comune, che può...
Malattia di Behcet: quali sono i sintomi?
Salve cara signora,credo proprio, da quello che dichiari, che i segni e i sintomi non siano quelli specifici della malattia immunitaria di Behcet (
Dolore alla gamba: è colpa della vena safena?
Salve, la malattia venosa cronica difficilmente provoca infezione alla gamba, a meno che, consensualmente, non avviene anche una flogosi del tessuto cutaneo e sottocutaneo...
Attività protrombinica alta in gravidanza: cosa si rischia?
Salve,la protrombina è una glicoproteina che partecipa al processo di coagulazione del sangue. In caso di lesione di un vaso sanguigno, la protrombina (fattore...
Parestesie arti superiori e inferiori: quali esami fare?
Salve,sono uno specialista di chirurgia vascolare e, con tanti sforzi per cercare di darti un aiuto per trovare innanzitutto una diagnosi e poi un'adeguata terapia,...
Vedi tutte