Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Iperlassita Cure

Come si cura l'iperlassità?

Due mesi fa, ho subito, nel corso di una stessa serata, ripetute cadute sul coccige. Dal giorno dopo, ho avuto dolore al coccige e difficoltà a camminare normalmente, ma comunque per una settimana ho continuato a uscire e a svolgere le attività che potevo (ovviamente, non potevo correre o saltare). Dopo qualche giorno, è arrivato anche il mal di schiena nella zona lombare e il dolore al coccige mi ha portato ad usare la ciambella. A distanza di 10 giorni dalle cadute, ho fatto una radiografia lombo-sacro-coccigea che ha evidenziato una scoliosi e nient'altro. Sono stata a riposo per un mese, trascorrendo molto tempo a letto, ma il dolore (alla zona lombare e al coccige) era ancora presente, per cui ho fatto una visita da un ortopedico che mi ha diagnosticato un'iperlassità e detto che non dovevo più stare a riposo, anzi, iniziare a muovermi perchè per la mia condizione era peggio. Mi ha inoltre prescritto 20 sedute di magnetoterapia al rachide sacro-coccigeo che sto eseguendo a casa e dopo ginnastica posturale. Ho seguito le sue indicazioni, da 2 settimane ho iniziato a stare più tempo in piedi, a uscire, ma non sto comunque bene, non riesco a stare ferma in piedi senza provare un po' di dolore o comunque devo cambiare posizione, sto meglio se cammino, ma comunque non posso effettuare movimenti molto ampi con la schiena, non posso correre o saltare e inoltre il dolore al coccige c'è sempre, infatti mi siedo con la ciambella e non riesco a starci per molto tempo senza dover poi cambiare posizione. Il dolore in questi 2 mesi è cambiato, è diminuito in certe situazioni, ma si è acutizzato in altre, inoltre avverto da qualche settimana dolori ad entrambe le anche quando sto sdraiata di fianco. So che il dolore al coccige potrebbe durare molto, ma ciò che mi preoccupa di più è il dolore alla schiena, c'è qualche altro esame che potrei fare per stare più tranquilla?

La coccigodinia si cura, ma a volte è fastidiosa: terapia sintomatica, tecarterapia, onde d'urto, infiltrazioni locali, ciambella per quando ti siedi, ghiaccio localmente.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Roberto Magri
Dr. Roberto Magri
Napoli
Altre risposte di questo specialista
Frattura dei polsi: come si cura?
Non devi avere eccessive preoccupazioni. Oggi, in genere, le fratture di polso (epifisi distale di radio) composte o scomposte che siano si tende ad operarle...
Protesi alle ossa: quando metterla?
La protesi di collo piede non dà risultati sempre buoni. A volte, è preferibile un'artrodesi ovvero procrastinare quanto più possibile l'intervento con tecniche alternative.
Periostite: quali sono i sintomi?
Dolore locale e irradiato spontaneo, sottosforzo alla digitopressione. Rigonfiamento locale. Impotenza funzionale. Minore rendimento sportivo.
Perdita di sensibilità al piede dopo intervento: cosa fare?
Interessamento del nervo sciatico per causa iatrogena o compressiva post-chirurgica (difficile). Terapia riabilitativa, stimolante eventualmente revisione chirurgica.
Cisti di baker: come si cura?
Per il trattamento della cisti di Baker, è indicata l'artrocentesi e un'infiltrazione idonea. Può riassorbirsi, ma non è la regola. Il...
Vedi tutte
Risposte simili
Ernia del disco: che cos'è?
Il disco intervertebrale, che è interposto tra 2 vertebre, è costituito da una parte periferica denominata anulus fibroso e una parte centrale, gelatinosa,...
Mal di schiena: quali sono le terapie più adatte?
Bisognerebbe prima di tutto capire da cosa sia dovuto (problemi posturali, muscolari, discopatie, spondiloartrosi).Per ridurre il dolore e prevenire lo stress sulla colonna...
Scoliosi e jogging: sono compatibili?
La scoliosi è una condizione irreversibile della colonna vertebrale. Se la scoliosi non è grave e non provoca dolore forte alla schiena, allora...