Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Parestesie Gambe Dolori Schiena

Cosa fare per parestesie alle gambe e dolori alla schiena?

Sono stato operato 2 volte alla colonna nel tratto lombo sacrale l4 s1 con stabilizzazione dello stesso tratto. Continuo ad avere parestesie alle gambe e dolori alla schiena; non è stato possibile eseguire l'epiduroscopia e mi è stato inserito un neurostimolatore midollare sotto cutaneo senza miglioramento alcuno. Cosa mi consigliate di poter fare ancora?

Hai subito per 2 volte la stabilizzazione del tratto lombosacrale. Ti è stato inserito un neurostimolatore senza alcun miglioramento e non è stato possibile praticare l’epiduroscopia. Continui ad avere parestesie alle gambe e dolori alla schiena. Sei proprio un bel grattacapo.

A naso, devi essere una persona obesa. Se è così, bisogna buttare via la zavorra, più simpatico dire baule o bauletto, che ti porti addosso. Spesso, le cose semplici sono più efficaci.

In generale, il dolore può essere subito o gestito. Se il dolore è subito, si è portati a pensare che non passerà mai, a fare una vita sedentaria ed usare ed abusare di farmaci, a non fare nessuna attività fisica.

Se gestito, ci si convince che il dolore diminuirà o addirittura passerà; ci si persuade a fare un'attività fisica anche se leggera e non ci si deprime neanche nei momenti peggiori. Una cosa è certa: la gestione del dolore comporta soffrire meno sia nel breve che nel lungo periodo.

Utilizza il dolore come un complice in merito alle cose che puoi o non puoi fare. Ricordati che il movimento aiuta e la posizione ferma peggiora la situazione. Inoltre, se obesa/o, butta via la zavorra.

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Aniello Cusati
Dr. Aniello Cusati
Bergamo - Via Vinola
Altre risposte di questo specialista
Prevenzione ictus ischemico: che cure seguire?
Studi di provata evidenza scientifica dimostrano che la tollerabilità del Clopidogrel è sovrapponibile a quello dell’acido acetilsalicilico (ASA). Anzi, gli...
Cefalea a grappolo: come si cura?
Non esiste alcuna cura per la cefalea a grappolo. La terapia serve a diminuire la gravità del dolore e la durata dei grappoli di...
Cidp: cosa è?
Sinteticamente: CDIP = polineuropatia [poli=molti] demielinizzante infiammatoria cronica. Sono colpiti i neuroni della sensibilità e della motilità [sensitivo-motoria]. La malattia è cronica e progressiva. Si...
Torpore alla testa e cedimento: di cosa si potrebbe trattare
Privato? Non esiste. Il Servizio Sanitario Nazionale deve prendersi cura di te. Il tuo medico di famiglia ha tutte le armi per evitare le tagliole...
Mal di testa durante l'allattamento: cosa fare?
Innanzitutto, congratulazioni per il bebè. Emicrania durante l’allattamento? Prima del concepimento ne soffrivi già? Prima...
Vedi tutte
Risposte simili
Idrocefalo nel bambino: che cosa significa?
L'idrocefalo è determinato da un accumulo patologico di liquido cefalorachidiano o liquor nelle cavità cerebrali denominate ventricoli. Ciascun individuo produce normalmente tale...
Sclerosi multipla: cos'è la CCSVI?
La CCSVI di cui mi parli è l’acronimo di Insufficienza Venosa Cronica Cerebro-Spinale.La CCSVI è una patologia vascolare caratterizzata da stenosi venose di varia...
Diagnosi di sclerosi multipla: come si esegue?
In genere, se i disturbi neurologici sono di una certa importanza, si va dal medico curante o in alcuni casi, se l’esordio è stato acuto,...