Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Quando Fare L Estrazione Dei Denti Del Giudizio Se Non Fanno Male

E' corretto estrarre il dente del giudizio anche quando non causa dolore?

Il mio dentista mi ha consigliato di procedere con l'estrazione del dente del giudizio. Tuttavia io non avverto alcun dolore al dente in questione, per cui mi domando se sia corretto procedere comunque con l'estrazione.

Il tuo è un dubbio più che comprensibile. Effettivamente però i denti del giudizio vengono estratti anche quando non ci fanno male perché la loro posizione influenza diversi fattori, quali la difficile igiene orale e la mancanza di un adeguato spazio lungo le arcate per tutti gli elementi. Uno dei motivi principali per procedere con l'estrazione è la presenza di una carie profonda in posizione difficilmente accessibile. Anche nel caso di mantenimento dell'igiene orale insufficiente nella zona tra il dente del giudizio e il molare che lo precede è un motivo valido per estrarre il dente. Infatti in tal caso aumenta il rischio di tasca parodontale, che è uno spazio tra dente e gengiva dovuta alla distruzione dei tessuti ossei e gengivali che circondano il dente. Un contatto occlusale non facilmente correggibile mediante molaggio selettivo, che è una procedura di modellamento occlusale che elimina i punti dove alcuni denti toccano prima degli altri, rappresenta un altro caso in cui è opportuno procedere all'estrazione. Infatti il dente mal posizionato nell’arcata può “toccare” l’antagonista, cioè un dente nella stessa posizione ma nell’arcata opposta, prima degli altri e creare una disarmonia nell’"ingranaggio" della bocca. Infine anche in presenza di un dente inclinato e/o ruotato al punto da "impattare" sul secondo molare di solito si procede con l'estrazione. Oltre a non aver un'eruzione normale, spesso, appoggiandosi sul dente che lo precede rischia di cariarlo in zone profonde fino a portare all'estrazione di entrambi gli elementi dentari.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Gaetano Ledda
Dr. Gaetano Ledda
Milano - via Edmondo De Amicis, 28
Risposte simili
Sbiancamento dentale: meglio con il laser o con i gel sbiancanti?
Nella tua scelta devi tenere conto che lo sbiancamento col laser non è fatto dal laser in se, bensì avviene per mezzo dalle sostanze sbiancanti...
Faccette in ceramica: quando sono consigliate?
Le faccette in ceramica sono consigliate quando esiste ancora una buona struttura dentale di supporto ed i problemi si limitano alla zona anteriore del dente....
Invisalign: quali linee guida è opportuno osservare per un buon trattamento?
Anzitutto non devi pretendere che Invisalign sposti le radici dei denti più di una quantità minima e che agisca su denti piccoli. Sappi che non...
Altre risposte di questo specialista
Gengive gonfie: cosa fare?
Gentile Signora, molto probabilmente il problema è strettamente correlato alla presenza di tartaro sia a livello sopragengivale che sottogengivale. Quindi...
Estrazioni dentarie: si può assumere il Luvion?
Il Luvion è un farmaco risparmiatore di potassio, antagonista dell'aldosterone. Agisce favorendo l'eliminazione di sodio ed acqua, limitando l'escrezione di potassio.Trova...
Trapianto osseo: quali tipi di innesti si possono operare?
Considera che il materiale da innesto elettivo è rappresentato dall'osso autologo da sede intraorale, sia per la medesima derivazione embriogenetica che per la presenza del...
Fluoro: quali effetti ha sull'igiene dentale?
Quando si parla di fluoro in odontoiatria si intendono i sali di fluoro, i cosiddetti fluoruri, che svolgono un'azione protettiva contro la carie dentaria. I...
Arrossamento gengivale e bruciore: cosa fare?
Da quello che mi descrivi potrei dire che si tratta di una fistola gengivale derivante da un ascesso periapicale, un'infiammazione cioè che si sviluppa attorno...
Vedi tutte
Altre risposte di questo specialista
Gengive gonfie: cosa fare?
Gentile Signora, molto probabilmente il problema è strettamente correlato alla presenza di tartaro sia a livello sopragengivale che sottogengivale. Quindi...
Estrazioni dentarie: si può assumere il Luvion?
Il Luvion è un farmaco risparmiatore di potassio, antagonista dell'aldosterone. Agisce favorendo l'eliminazione di sodio ed acqua, limitando l'escrezione di potassio.Trova...
Trapianto osseo: quali tipi di innesti si possono operare?
Considera che il materiale da innesto elettivo è rappresentato dall'osso autologo da sede intraorale, sia per la medesima derivazione embriogenetica che per la presenza del...
Fluoro: quali effetti ha sull'igiene dentale?
Quando si parla di fluoro in odontoiatria si intendono i sali di fluoro, i cosiddetti fluoruri, che svolgono un'azione protettiva contro la carie dentaria. I...
Arrossamento gengivale e bruciore: cosa fare?
Da quello che mi descrivi potrei dire che si tratta di una fistola gengivale derivante da un ascesso periapicale, un'infiammazione cioè che si sviluppa attorno...
Vedi tutte