Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Stafilococco Aureo Cure Moglie

Come si cura lo stafilococco aureo?

Ho 49 anni (sesso maschile). Ho alcuni calcoli renali (di 4-5 mm), da 3 mesi, quasi sempre dopo rapporti sessuali, ho avuto 3-4 episodi con sintomi di bruciore, prurito e fastidio alle vie urinarie, sensazione di mancato completo svuotamento vescicale. Fastidio anche nella zona anale, con necessità a volte di defecare. Superata la fase acuta (4-5 giorni), trattata una volta con Monuril, un’altra volta con Ciproxin ed altre volte con Oky, tali sintomi sono regrediti, ma non completamente scomparsi. Ho effettuato, in un primo momento, le seguenti visite e indagini: visita urologica e proctologica (con esplorazione rettale), ecografia addome completo, ecografia sovrapubica, psa, urinocoltura. È risultato tutto nella norma, salvo l’evidenziazione di numerose calcificazioni alla prostata. Mi è stata prescritta una terapia con Deprox 500 (fitoterapico). Non avendo superato il problema, mi è stato poi prescritto il Diflucan, purtroppo senza successo. Da ultimo, ho effettuato i seguenti esami: tampone uretrale per germi comuni, miceti, mycoplasma-ureaplasma, chlamydia e ripetuto l’urinocoltura. Il tampone uretrale per germi comuni ha evidenziato la presenza dello “stafilococco aureo”, mentre gli altri esami sono risultati tutti negativi. Sulla base dell’antibiogramma, il medico mi ha prescritto l’Augmentin per 6 giorni. Posso ritenere di aver trovato la soluzione al problema? È lo “stafilococco aureo” la vera causa? Anche mia moglie dovrà sottoporsi a terapia antibiotica?

Gentile utente,
lo stafilococco sul tampone uretrale potrebbe essere anche una contaminazione esterna e non essere il batterio che ti dà i tuoi sintomi. Questo lo vedrai dopo la terapia.

Al momento, aspetterei a trattare tua moglie che potrebbe benissimo non avere infezioni.

Ci sono prostatiti che non sono causate da infezioni, ma che dipendono da processi infiammatori che si innescano e che poi si auto-alimentano i modo autonomo.

Deve essere bravo il tuo urologo a trovare a giusta diagnosi e la giusta soluzione terapeutica ai tuoi sintomi. 

A presto e cordiali saluti
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Andrea Bottai
Dr. Andrea Bottai
Lodi - Largo Donatori del Sangue
Risposte simili
Infezione delle vie urinarie nel neonato: come si manifesta?
Ti descriverò alcuni sintomi, che però variano a seconda dell’età, ma diciamo che nel neonato si possono riscontrare: febbre oltre 38 gradi e mezzoarresto della...
Esame citologico delle urine: cos'è?
L'esame citologico delle urine è un test diagnostico utilizzato per studiare le cellule che rivestono la parete della vescica. Parte di queste cellule...
Prolasso della vescica: quali sono le cause?
Le cause del prolasso della vescica di tua madre possono dipendere da un fattore genetico, dal numero delle gravidanze e dei parti,...
Altre risposte di questo specialista
Intervento per prolasso vescicale: che cosa implica?
Gentile utente, dopo un intervento per prolasso vescicale e a seconda dell'intervento che ti è stato eseguito (chirurgia open, transvaginale o altro), la
Adenocarcinoma prostatico: come procedere?
Gentile utente, la diagnosi istologica di un frammento GS 3+3 permette di intraprendere una sorveglianza attiva. Per l'HIFU non c'è ancora una chiara indicazione e...
Analisi del sangue: come si leggono?
Gentile utente,se non hai sintomi urinari irritativi, urgenza minzionale, dolore perineale, non penso che tali modeste variazioni dei risultati ematici siano da imputare ad una...
Valore emazie alto nelle urine: cosa potrebbe indicare?
Gentile utente, non mi allarmerei più di tanto data l'elevata possibilità che la microematuria sia di natura idiopatica o legata a scarsa idratazione. Non...
Uretrite: dopo quanto guarisce?
Gentile utente, un mese e mezzo non sono 3-4 giorni. Dipende molto dai sintomi residui che sono rimasti. Se sono bruciori importanti che impediscono una...
Vedi tutte