Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Starnuti Naso Chiuso

Se un bambino di 10 anni ha ripetuti casi di starnuti, naso chiuso e tosse persistente potrebbe essere allergico?

Buonasera, mio figlio di 10 anni, durante l'anno, da quando è nato, ha più di un episodio di starnuti ininterrotti, naso chiuso, tosse persistente e stizzosa, a volte gli bruciano gli occhi o lacrimano. A 5 anni, ha fatto il primo prick test ed è risultato allergico solo agli acari. Ha fatto di nuovo il test ed è risultato allergico alle graminacee, parietaria, acari, ulivo, cane e gatto. L'ho portato da un dottore pediatrico allergologo con tutti gli esami fatti in passato, il bambino ha avuto anche 2 casi di broncospasmo, inizia tutto con starnuti, mal di gola, tosse continua. A fine aprile e metà maggio, ha avuto 2 casi ravvicinati di naso chiuso, tosse, è sempre stato curato con Aircort per aerosol e a volte Broncovaleas. Il pediatra ha prescritto 30 giorni di Montegen e 30 di Aereus più Brusonex per 10 giorni. Il bambino era guarito e stava finendo gli ultimi 4 giorni di aerosol e il pediatra mi ha detto di continuare insieme alla cura prescritta; dopo 2/3 giorni, mio figlio ha iniziato a stare malissimo con la testa. Ho sospeso il tutto, mantenendo solo l'antistaminico. La cura dell'allergologo non è troppo forte per un bambino che non ha sintomi riconducibili all'allergia? Il dottore prima ha dato la cura dicendo che mio figlio ha una sospetta sinusite mascellare e poi mi ha detto che dovrà fare una rx cranio per seni paranasali e nuovi prick test per altri allergeni, il cortisone può dare questo tipo di fastidi? Spero di avere un riscontro. Grazie.

Carissima paziente,
il caso clinico da te descritto sembra essere un chiaro caso di allergia respiratoria.

Andrebbe, a mio avviso, chiarita con attenzione la diagnosi per impostare un piano terapeutico personalizzato e, probabilmente, anche un piano immunoterapico per cercare di ridurre nel medio-lungo periodo la sensibilizzazione allergica.

Sul piano strettamente terapeutico, ti consiglio vivamente di far rivisitare il piccolo paziente da uno specialista e di impostare un piano che tenga conto delle risposte cliniche del paziente alla terapia prescritta e delle sue necessità.

Saluti
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Antonio Tiri
Dr. Antonio Tiri
Monza e Brianza - Via Luciano Manara, 31, 20900 Monza MB, Italia
Altre risposte di questo specialista
Allergia alimentare al nichel: come trattarla?
L'allergia alimentare isolata al nichel è cosa molto rara e ti consiglio in prima istanza di verificare la precisione della diagnosi effettuata. Personalmente, ritengo...
Isac test: come si interpreta?
Carissimo paziente,hai eseguito una valutazione diagnostica di precisione perchè a livello biomolecolare. È un passo avanti molto importante nella diagnostica allergologica, paragonabile all'ingresso della Tac...
Orticaria cronica con macchie rosse e prurito: come si cura?
L'orticaria cronica riconosce moltissime cause e prevede un iter diagnostico di esclusione, a volte complesso e che necessita di competenze immunologiche. Solo una diagnosi...
Aerius: qual è la giusta posologia?
Carissima paziente,l'Aerius appartiene alla categoria degli antistaminici, non è un antibiotico, è un farmaco di vecchia data, ma con un profilo clinico...
Test hla: come si interpreta?
Lo studio genetico delle componenti dell'HLA sono importantissimi, ma sono prescritti per moltissime condizioni dai trapianti d'organo alla valutazione delle malattie autoimmuni (celiachia...
Vedi tutte
Risposte simili
Macchie rosse sulla pelle: cosa potrebbero essere?
Una netta positività (12k u/l verso uno degli allergeni ricombinanti più importanti: l'HEV B 1) del lattice di gomma mi porta a consigliarti un...
Muffe dell'aspergillo: quali disturbi causano?
Le muffe della specie dell'aspergillo possono provocare differenti forme di allergie, provocando difficoltà respiratorie, spossatezza, nausea e sintomi simili a quelli...
Allergia agli antibiotici: si può assumere Betametasone?
Tuo figlio dovrebbe associare anche un antistaminico, ma, per prudenza, ti consiglio di farlo sottoporre anche a dei test dermici in ambiente ospedaliero. Così...