Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Vertigini Ansiogene

Come trattare le vertigini ansiogene?

Buongiorno, da tempo soffro di vertigini ansiogene, così mi hanno detto. Vivo con il senso di sbandamento ormai da anni e aumentano sotto stress. Evito luoghi e persone che possono aumentare le mie vertigini. La muscolatura del collo è contratta e se giro la testa mi parte la vertigine, ho un senso di sprofondare e svenire. Tutto questo passa mettendomi al riposo sdraiata (a volte). Il collo mi si rilassa. Non ho mai fatto una consulenza neurologica. Sono ormai anni che sopravvivo, ma è molto difficile e sono stanca. Grazie mille per la sua disponibilità. A presto.

Bella domanda!
Le vie vestibolari impiegano gli stessi neuromediatori dell'ansia e dell'umore, connesse con il cervello limbico emozionale così ampiamente da rendere impossibile una sola forma di vertigine senza componente dis-emotiva (o emozionale).
Il neurologo devi lasciarlo perdere, è specialista sulle lesioni organiche del sistema nervoso, senza un solo esame di psicosomatica.
Ideale è il medico otorino diplomato in psicosomatica.
Ora occorre vedere delle soluzioni pratiche per te, ci sono delle figure mediche che ti possono prendere in cura con vantaggi.
Il rilassamento del training autogeno ed il tuo autocontrollo sono la base della terapia, si apprende in gruppi, questi casi di affezioni psicosomatiche migliorano, ma non arrivano alla guarigione completa nemmeno con omeopatiaagopuntura, due discipline mediche che consentono al medico di avere un mezzo efficace in ogni tipo di manifestazione psicosomatica. 
Un otorino anche omeopata o agopuntore è già molto più completo. Il medico di riferimento deve essere sia otorino sia specialista in foniatria (voce e linguaggio), in questo modo delle basi di psicosomatica gli vengono impartite, non deve essere un otorino ospedaliero (in questo caso è un chirurgo). 
Ti ricordo in modo positivo che la tua guarigione è possibile, occorre trovare questo otorino foniatra, anche omeopata o agopuntore integrando con il training autogeno. 
Spero di essere stato utile a te e ai tanti lettori con disturbi psicosomatici.   
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Ezio Marchegiani
Dr. Ezio Marchegiani
(1)
Torino - Via Roma, 3, Chivasso
Altre risposte di questo specialista
Vertigini: quali sono le cause del loro insorgere?
Le sindromi vertiginose hanno una molteplicità di cause talmente vasta da impegnare sia l'otorinolaringoiatra specialista in vestibologia, sia il neurologo, assieme ad almeno 7 o...
Rumore quando si beve: a cosa è dovuto?
Cercare la colpa è nella cultura occidentale, ma almeno in medicina non porta da nessuna parte. Certamente, l'apparato digerente è un canale continuo, non...
Adenotonsillectomia: si può fare l'intervento con la tosse?
Sì, verrai sottoposta a terapia antibiotica preventiva in ogni caso. Solo di recente si associano all'antibiotico antinfettivi locali come propoli e fitoterapici, nelle...
Orecchio tappato: cosa fare?
In questi casi, è necessario vedere l'orecchio con otoscopia, anche del medico di famiglia, anche dell'audioprotesista (vede presenza del tappo o meno), per...
Otite: potrebbe provocare un abbassamento della palpebra?
No, una sinusite può invece produrre questo, ma produce dolori frontali e sopra l'occhio; si associa frequentemente ad otite, occorre portare il referto...
Vedi tutte

Risposte simili

Labirintite: come si cura?
La labirintite è un'infiammazione del labirinto, cioè dei canali circolari dell'orecchio interno, causata da batteri o infezioni virali. ...
Acufeni: che cosa sono e come vengono diagnosticati?
Gli acufeni sono rumori fastidiosi, a volte anche intensi, che si possono percepire localizzati in una o in entrambe le orecchie, oppure genericamente...
Setto nasale deviato: a che cosa è dovuto?
Il setto nasale deviato può essere congenito oppure può essere causato da un trauma. In entrambi i casi è una condizione piuttosto comune e...