icon/back Indietro Esplora per argomento

La cipolla fa dimagrire? Cosa c'è di vero

Anna Nascimben | Editor

Ultimo aggiornamento – 08 Febbraio, 2024

Delle cipolle

È vero che la cipolla fa dimagrire o questa è solo un'affermazione priva di fondamento? Perché si dovrebbe consumare questo vegetale e quali valori nutrizionali presenta? La dieta della cipolla è utile per perdere peso?

Andiamo alla scoperta di tutto quello che c'è da sapere su questo argomento.

Le cipolle fanno dimagrire: verità o falso mito?

La tradizione culinaria italiana fa largo uso della cipolla, sia cotta che inserita cruda nelle varie preparazioni. Ma quali proprietà ha questo ortaggio e quante calorie contiene?

Ne esistono di vario tipo, da quella rossa a quella bianca, passando per quella ramata, tutte accomunate dalla presenza di una buona quantità di vitamine e di sali minerali, a fronte di un esiguo numero di calorie.

Tenuto conto di queste caratteristiche, si può affermare, quindi, che le cipolle fanno dimagrire?

Quest'affermazione di per sé non ha molto senso in quanto la perdita di peso dipende dal bilancio fra la quantità di calorie introdotte e quelle spese dall'organismo per portare avanti le sue funzioni vitali.


Potrebbe interessarti anche:


Ne consegue quindi che, sebbene questo vegetale sia effettivamente considerato ipocalorico, se le calorie ingerite superano quelle bruciate, il corpo tenderà ad ingrassare in ogni caso.

La cipolla, tuttavia, si distingue per ottime qualità organolettiche (che la rendono un ingrediente particolarmente apprezzato in cucina), per la sua versatilità d'uso e per i suoi valori nutrizionali compatibili anche con l'esigenza di portare avanti un'alimentazione ipocalorica.

Cipolle per dimagrire: perché inserirle nella dieta

La cipolla fa ingrassare o dimagrire, quindi, solamente in rapporto alla quantità totale di calorie introdotte nell'arco della giornata e, come tutti gli alimenti, non fa né aumentare, né perdere peso.

Inserire la cipolla nella dieta, tuttavia, potrebbe essere utile in quanto questo vegetale è ricco di vitamine e di antiossidanti, a fronte di una ridotta densità calorica: le cipolle, infatti, contengono solo 28  calorie ogni 100 grammi.

La cipolla contiene molta acqua e presenta una discreta quantità di fruttosio, zucchero che, oltre a conferirle una certa dolcezza, le dona una blanda funzione energetica.

Le proteine e i lipidi sono irrilevanti, il colesterolo è assente, mentre il contenuto di fibra totale risulta essere piuttosto esiguo (1g /100 g).

L’aspetto più interessante  di questo ortaggio non risiede nei nutrienti energetici bensì nelle molteplici molecole ad azione fitoterapica e nutraceutica in esso contenute che svolgono notevoli effetti benefici. 

Ad esempio questo vegetale può essere  utile per abbassare la pressione sanguigna e per ridurre il livello di colesterolo e di glicemia nell'organismo, ovvero due problematiche che caratterizzano spesso gli individui in sovrappeso.

Le proprietà nutrizionali della cipolla

La cipolla per la dieta può essere considerata a tutti gli effetti come una preziosa alleata, in quanto, come molti altri ortaggi, contribuisce ad aumentare il senso di sazietà senza appesantire, né incidere troppo sul bilancio energetico giornaliero.

Essa, inoltre, si caratterizza per diverse proprietà benefiche per l'organismo, fra cui:

  • abbondante presenza di antiossidanti, come ad esempio la quercetina (specialmente nelle varietà più pigmentate come la cipolla rossa di Tropea). Questo flavonoide può contribuire ad un mantenimento ottimale dei livelli di colesterolo nel sangue e agire favorevolmente sulla salute vascolare . Le cipolle, inoltre, contengono anche il beta carotene, gli antociani,  e composti solforati come la sulfina e l’alicina, tutti potenti antiossidanti che aiutano a combattere lo stress ossidativo e ridurre l’infiammazione, svolgendo in questo modo una  spiccata azione antitumorale;
  • contribuisce al mantenimento di normali livelli di zucchero  nel sangue, pertanto è un alimento consigliato a tutti coloro che soffrono di diabete;
  • ha un'azione antibatterica utile per contrastare i malanni di stagione, come ad esempio tosse e raffreddore; alcuni composti presenti nelle cipolle possono infatti aiutare a combattere diversi ceppi di batteri, inclusi quelli associati a infezioni del tratto respiratorio e dell'apparato digerente;
  • ha una funzione diuretica, ovvero stimola l'eliminazione dei liquidi in eccesso
  • è un anticellulite naturale;
  • è depurativa e aiuta a smaltire le tossine accumulate nell'organismo;
  • favorisce la digestione e migliora il transito intestinale, infatti è utile per chi soffre di stitichezza;
  • migliora la qualità della flora battericaintestinale;
  •  ha effetti benefici per la salute cardiovascolare potendo contribuire alla riduzione della pressione sanguigna e al miglioramento della funzione vascolare;
  • è benefica per il sistema immunitario per il suo contenuto di vitamina C
  • è ricca di sali minerali (magnesio, potassio, fosforo, calcio, zinco e selenio i principali) e di vitamina, in particolare abbonda in vitamina C e B;
  • riduce la possibilità di sviluppare l'osteoporosi.

La cipolla per dimagrire può essere considerata un alimento utile in quanto, a fronte della ridotta quantità di calorie che contiene, svolge numerose e importanti funzioni per l'organismo.

Essa, inoltre, grazie alla sua azione depurativa e diuretica, è efficace per smaltire i liquidi in eccesso e per migliorare la ritenzione idrica.

Come inserire la cipolla nella dieta

Consumare strani intrugli a base di acqua e cipolla per dimagrire non serve se si ha l'obiettivo di ritrovare il peso forma.

Molto meglio puntare sulla preparazione di ricette sane, gustose ma povere di calorie, magari proprio a base di questo ortaggio così versatile e presente in cucina.

È molto semplice introdurre la cipolla nella dieta in quanto la tradizione culinaria italiana abbonda di preparazioni che hanno come ingrediente proprio questo bulbo, il quale può mantiene le sue interessanti proprietà benefiche indipendentemente dalla varietà che si utilizza.

Per essere sicuri di sfruttare appieno le sostanze nutritive presenti all'interno del vegetale, è consigliabile inserirla a crudo in qualche preparazione.

Ad esempio, si possono aggiungere delle fette sottili di cipolla all'interno di una ricca insalata (avendo cura di eliminare la parte esterna più dura), oppure si può cucinare un contorno salutare e gustoso come le cipolle marinate, quelle glassate oppure le cipolle gratinate al forno.

Per preparare le cipolle marinate basta semplicemente lavare i bulbi e immergerli in acqua fredda per 15 minuti. Dopo averli scolati si condiscono con del sale, del pepe nero, un cucchiaino di olio e un cucchiaio di aceto rosso.

In seguito si lasciano le cipolle a marinare per altri 15 minuti, infine si sgocciolano e si utilizzano così al naturale o come ingrediente aggiuntivo per le insalate o altri tipi di preparazione.

Condividi
Anna Nascimben | Editor
Scritto da Anna Nascimben | Editor

Con una formazione in Storia dell'Arte e un successivo approfondimento nello studio del Digital Marketing, mi occupo da anni di creare contenuti web. In passato ho collaborato con diversi magazine online scrivendo soprattutto di sport, vita outdoor e alimentazione, tuttavia nel corso del tempo ho sviluppato sempre più attenzione nei confronti di temi come il benessere mentale e la crescita interiore.

a cura di Dr. Maurizio Romano
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Anna Nascimben | Editor
Anna Nascimben | Editor
in Diete

796 articoli pubblicati

a cura di Dr. Maurizio Romano
Contenuti correlati
Dell'aglio
Alito di aglio: i rimedi da provare

L'alito di aglio e i rimedi di cui servirsi per eliminarlo. Scopriamo come risolvere l'alitosi che insorge dopo aver mangiato pietanze a base di aglio.

Piatto di pasta al pomodoro
Pasta scaduta: si può mangiare oppure no?

La pasta scaduta si può ancora mangiare oppure è meglio di no? Scopriamo quando la pasta è ancora commestibile e quando, invece, è meglio buttarla via.

icon/chat