icon/back Indietro Esplora per argomento

Ginkgo biloba: benefici e controindicazioni

Mattia Zamboni | Seo Content Specialist

Ultimo aggiornamento – 08 Gennaio, 2024

Delle foglie di Ginkgo biloba

Il Ginkgo biloba è una pianta rinomata per i suoi presunti benefici sulla salute, dalle proprietà antiossidanti al possibile sostegno alla memoria e alla circolazione.

Il Ginkgo, originario della Cina, è stato usato da secoli nella medicina tradizionale e attira l'interesse per le sue potenziali applicazioni nella salute mentale e fisica.

Cerchiamo di approfondire i suoi effetti e le precauzioni da considerare.

Proprietà e benefici del ginkgo biloba

Il Ginkgo biloba è una pianta antica nota per le sue molteplici proprietà benefiche.

Alcuni dei suoi principali vantaggi includono:

  • miglioramento della circolazione: questa pianta è spesso utilizzata per favorire la circolazione sanguigna, specialmente verso il cervello, le mani e le gambe. Questo può aiutare a ridurre sintomi come freddo alle estremità, vertigini e formicolio, migliorando la circolazione periferica;
  • possibile impatto sulle funzioni cognitive: alcuni studi indicano che il Ginkgo potrebbe avere effetti positivi sulla memoria, sull'attenzione e sulle funzioni cognitive, soprattutto negli anziani;
  • proprietà antiossidanti: la pianta contiene composti antiossidanti che possono contrastare lo stress ossidativo, riducendo i danni causati dai radicali liberi e potenzialmente rallentando l'invecchiamento delle cellule;
  • supporto per alcuni disturbi neurologici: il Ginkgo biloba potrebbe offrire sostegno per condizioni neurologiche come l'Alzheimer e altre forme di demenza, sebbene ulteriori ricerche siano necessarie per confermarlo completamente;
  • riduzione dell'infiammazione: gli estratti di Ginkgo biloba possono avere effetti anti-infiammatori, contribuendo a ridurre l'infiammazione nel corpo;
  • possibile miglioramento della vista: alcune evidenze indicano che il Ginkgo biloba potrebbe avere benefici sulla salute degli occhi, ma la ricerca in questo campo è ancora in corso.

Si ricorda che è sempre consigliabile consultare il proprio medico di fiducia prima di assumere integratori a base di erbe come il Ginkgo biloba – specialmente se si stanno assumendo altri farmaci – al fine di evitare possibili interazioni indesiderate o effetti collaterali.

Ginkgo biloba: a cosa serve

Il Ginkgo biloba tree ha suscitato interesse per i suoi possibili effetti benefici su diverse condizioni, inclusi gli acufeni (rumore o suoni persistenti nelle orecchie) e la memoria.

Acufeni e ginkgo

Gli acufeni possono essere causati da diversi fattori e alcuni studi suggeriscono che il Ginkgo biloba potrebbe avere un impatto positivo sulla riduzione dei sintomi associati a questo disturbo.

Questo potenziale beneficio è legato alla sua capacità di migliorare la circolazione sanguigna, specialmente nell'area dell'orecchio interno; una migliore circolazione potrebbe ridurre la gravità degli acufeni o la percezione del rumore.

Tuttavia, gli effetti del Ginkgo biloba sugli acufeni non sono stati confermati in modo definitivo e sono oggetto di studi in corso: in alcuni casi potrebbe essere utile, ma non è una soluzione garantita per tutti i casi di acufene.

Una pianta di Ginkgo Biloba

Ginkgo biloba e memoria

Il Ginkgo biloba ha dimostrato, in alcuni studi, di avere un impatto positivo sulla memoria e sulle funzioni cognitive, specialmente negli anziani.

Si ritiene che la sua capacità di migliorare la circolazione sanguigna nel cervello possa giocare un ruolo nel miglioramento della memoria e dell'attenzione.

Tuttavia, le evidenze scientifiche sulla sua efficacia nel miglioramento della memoria sono varie e talvolta contraddittorie: determinate ricerche hanno mostrato miglioramenti leggeri ma significativi nella funzione cognitiva, mentre altre non hanno rilevato benefici significativi rispetto al placebo.

Come per gli acufeni, è importante sottolineare che l'efficacia del Ginkgo può variare da persona a persona. Si consiglia sempre di consultare un professionista sanitario prima di utilizzare questa pianta per trattare acufeni o migliorare la memoria, poiché potrebbero esserci interazioni con altri farmaci o condizioni mediche preesistenti.

Ginkgo biloba: modalità d’uso

Il Ginkgo biloba è disponibile in diverse forme e dosaggi, ma le modalità d'uso possono variare in base al motivo per cui lo si sta assumendo e alla forma in cui viene consumato.

Ecco alcune modalità comuni di assunzione:

  • integratori di Ginkgo biloba: sono disponibili in compresse, capsule o estratto liquido. Le dosi possono variare da 120 mg a 240 mg al giorno, suddivise in dosaggi più piccoli assunti durante il giorno o come indicato sulla confezione o consigliato da un professionista sanitario;
  • tè o tisana di Ginkgo biloba: è possibile preparare tè o infusi utilizzando foglie secche di Ginkgo biloba. Tuttavia, la concentrazione degli ingredienti attivi può variare e l'efficacia potrebbe essere minore rispetto agli estratti standardizzati;
  • estratti liquidi: possono essere aggiunti a bevande o cibi, seguendo le dosi consigliate sull'etichetta;
  • polvere: in alcuni casi, il Ginkgo biloba è disponibile sotto forma di polvere che può essere miscelata con acqua, succhi o altri liquidi. Le dosi devono essere attentamente misurate.

È fondamentale seguire le istruzioni sull'etichetta del prodotto o le raccomandazioni del professionista sanitario riguardo all'assunzione di Ginkgo biloba.

Inoltre, è importante prestare attenzione alle possibili interazioni con altri farmaci, consultando sempre un medico o un farmacista prima di iniziare ad assumere qualsiasi integratore a base di erbe come il Ginkgo biloba.

Effetti collaterali e controindicazioni del Ginkgo biloba

Il Ginkgo biloba è generalmente considerato sicuro per la maggioranza delle persone quando assunto nelle dosi raccomandate.

Tuttavia, ci sono alcuni effetti collaterali da tenere in considerazione:

  • disturbi gastrointestinali: alcune persone potrebbero sperimentare condizioni come mal di stomaco, nausea o diarrea;
  • reazioni allergiche: possono manifestarsi con sintomi come eruzioni cutanee, prurito, gonfiore o difficoltà respiratorie. Chiunque sospetti di avere una reazione allergica dovrebbe interrompere immediatamente l'assunzione e consultare un medico;
  • mal di testa e vertigini: in alcuni casi, potrebbero verificarsi mal di testa o vertigini, specialmente all'inizio dell'assunzione;
  • sanguinamento: il Ginkgo biloba può avere un effetto anticoagulante, pertanto può aumentare il rischio di sanguinamento, specialmente se assunto con farmaci anticoagulanti o prima di interventi chirurgici. Le persone che assumono farmaci per la coagulazione del sangue devono prima consultare un medico.

Proprio in virtù di quest’ultimo caso, occorre sempre evitare di assumere questa sostanza prima di procedure chirurgiche; anzi, occorre informare il medico se si sta assumendo Ginkgo biloba prima di qualsiasi intervento.

Inoltre, le donne in gravidanza o in fase di allattamento dovrebbero evitare l'assunzione di Ginkgo in quanto non ci sono sufficienti evidenze sulla sua sicurezza in queste particolari condizioni.

Ginkgo biloba è interazioni farmacologiche

Il Ginkgo biloba può interagire con diversi tipi di farmaci.

Alcune delle interazioni farmacologiche più importanti includono:

Anticoagulanti e antiaggreganti piastrinici

Questa pianta può avere un effetto anticoagulante e antiaggregante piastrinico, potenziando l'effetto di farmaci come:

  • aspirina;
  • clopidogrel (plavix);
  • eparina;
  • warfarin.

Potrebbe interessarti anche:


Questo potrebbe aumentare il rischio di sanguinamento: è, dunque, fondamentale informare il medico se si sta assumendo ginkgo biloba in combinazione con questi farmaci, poiché potrebbero essere necessarie regolazioni delle dosi.

Farmaci anticonvulsivanti

Esistono alcune evidenze che suggeriscono che il ginkgo biloba potrebbe ridurre l'efficacia di alcuni farmaci anticonvulsivanti come:

  • carbamazepina (tegretol);
  • valproato (depakin).

In questi casi, potrebbe essere necessario regolare le dosi.

Farmaci antidepressivi

L'uso concomitante di ginkgo biloba e alcuni antidepressivi potrebbe aumentare il rischio di effetti collaterali come l'ipertensione.

Essi sono:

  • gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (ssri);
  • gli inibitori della monoamino ossidasi (maoi).

Farmaci anti-diabetici

Il ginkgo biloba potrebbe influenzare i livelli di zucchero nel sangue e interagire con farmaci utilizzati nel trattamento del diabete, come la metformina o le sulfoniluree.

È importante monitorare attentamente i livelli di glucosio nel sangue e consultare un medico se si sta assumendo ginkgo biloba insieme a farmaci antidiabetici.

Farmaci che influenzano la coagulazione

Alcuni farmaci che influenzano la coagulazione del sangue o la pressione arteriosa possono interagire con il ginkgo biloba. È sempre consigliabile parlare con un medico o un farmacista prima di assumere ginkgo biloba in combinazione con qualsiasi altro farmaco.

Bisogna ricordare che queste interazioni possono variare da persona a persona e dipendono dalla dose, dalla durata dell'assunzione e dalle condizioni individuali di salute.

Condividi
Mattia Zamboni | Seo Content Specialist
Scritto da Mattia Zamboni | Seo Content Specialist

Ho conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione con un particolare focus sullo storytelling. Con quasi un decennio di esperienza nel campo del giornalismo, oggi mi occupo della creazione di contenuti editoriali che abbracciano diverse tematiche, tra cui salute, benessere, sessualità, mondo pet, alimentazione, psicologia, cura della persona e genitorialità.

a cura di Dr. Maurizio Romano
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Contenuti correlati
La cicuta
10 piante velenose ed erbe tossiche da conoscere

Quali sono le piante velenose più diffuse in Italia? E come riconoscere le erbe tossiche da quelle sicure? Andiamo alla scoperta delle specie più pericolose.

Delle cipolle
Come eliminare l'alito di cipolla dalla bocca

Avere l'alito di cipolla in bocca è una situazione tanto fastidiosa quanto comune. Ma come fare per sbarazzarsi dell'alito cattivo? Ecco 10 rimedi da provare.

icon/chat