icon/back Indietro Esplora per argomento

I migliori integratori per memoria e concentrazione

Redazione

Ultimo aggiornamento – 21 Ottobre, 2022

Integratori per Memoria e Concentrazione: Quali Sono?

Gli integratori per la memoria sono importanti soprattutto se si attraversano dei periodi di studio o lavoro particolarmente stressanti: scarsa concentrazione e “vuoti di memoria” sono solo alcuni dei sintomi di una condizione che, se sottovalutata potrebbe essere il campanello d’allarme per patologie più importanti

Quali sono i disturbi della memoria? Esistono dei rimedi per migliorare il funzionamento cognitivo? Vediamo di più.

Memoria: quali sono i disturbi?

I disturbi della memoria sono caratterizzati da sintomi che possono essere segnali di un declino e invecchiamento neurologico. 

Essi, spesso, sono collegati a una serie di fattori di rischio, soprattutto l’età anagrafica avanzata e la storia familiare, che spingono il soggetto a richiedere un consulto medico per indagare più nel dettaglio questa condizione. 

I disturbi della memoria si contraddistinguono prevalentemente per:

  • difficoltà di concentrazione e di attenzione;
  • problemi di linguaggio;
  • disorientamento;
  • ripetizioni.

Tutti questi fattori possono intaccare negativamente la quotidianità del soggetto, soprattutto se tendono a degenerare nel tempo. 

Le cause dei disturbi della memoria sono varie, tra le principali si possono riscontrare:

  • Problemi che derivano da altre patologie e che possono impattare sulle capacità cognitive
  • Traumi
  • Ansia
  • Depressione
  • Particolari trattamenti farmacologici (per esempio, assunzione di ansiolitici)
  • Demenza 
  • Morbo di Alzheimer

Cosa significa perdere la concentrazione?

La perdita o difficoltà di concentrazione si riferisce alla complessità di conservare l’attenzione su particolari stimoli.

Tra le cause che provocano difficoltà di concentrazione si possono menzionare:

Quali sono i farmaci per migliorare la memoria?

È bene sottolineare che al momento, non ci sono certezze concrete sull’efficacia di alcuni prodotti farmaceutici utili ad intervenire in modo diretto ed efficace sulla memoria

Inoltre, l’incisività del prodotto usato, può avere effetti diversi a seconda dei soggetti e delle loro condizioni specifiche.

Tuttavia, esempi di farmaci che aiutano a migliorare (cosiddetti nootropi) l’abilità cognitiva sono quelli con il principio attivo a base di:

  • piracetam;
  • aniracetam;
  • acetilcarnitina;
  • citicolina.

Questi impattano sui neurotrasmettitori e sulle capacità di attenzione e concentrazione oppure sul funzionamento della circolazione sanguigna (come l’aniracetam, nel caso dell’Alzheimer).

Quali sono le vitamine che aiutano la memoria?

Gli integratori per memoria e concentrazione contengono vitamine, quali:

  • Vitamine del gruppo B (soprattutto vitamina b12, che influenza il coretto funzionamento dell’organismo) 
  • Vitamina C (importante per il benessere generale dell’organismo)
  • Vitamina E (dalle forti proprietà antiossidanti, contro i radicali liberi)
  • Magnesio (utile per il funzionamento del metabolismo osseo, muscolare e dell’energia)
  • Ferro (utile alla concentrazione, soprattutto in caso di anemia)

Molte di queste vitamine e minerali sono contenuti anche negli alimenti, specialmente frutta e verdura.

Cosa contengono gli integratori per la memoria?

Per potenziare le proprie capacità cognitive, è possibile ricorrer all’uso di integratori, seppur, come accennato in precedenza, la loro fruttuosità dipende dai soggetti

Gli integratori per la memoria più diffusi sono a base di:

Tra questi ultimi, si possono menzionare gli integratori a base di ginkgo biloba, un vegetale che può influire sulla demenza e sulla concentrazione, incitando il sistema nervoso centrale.  

Anche il ginseng contribuisce a diminuire il senso di affaticamento fisico e mentale.

Un altro integratore naturale è la lecitina, che impatta positivamente sui livelli di colesterolo, nonché sulle funzioni cognitive e sulla stanchezza mentale.

In ogni caso, è sempre bene richiedere un consiglio al proprio medico di fiducia, poiché alcuni di questi principi attivi potrebbero avere delle controindicazioni in presenza di particolari condizioni o se si stanno assumendo anche altri farmaci. 

Cosa prendere per la memoria degli anziani?

Per intraprendere un trattamento adeguato, è opportuno indagare e riconoscere le cause delle difficoltà di memoria

Per fare ciò, una diagnosi medica approfondita è necessaria, poiché potrebbero essere collegati a più patologie, per cui la tempestività non è da sottovalutare.

Dunque, il trattamento per la memoria negli anziani, a seconda dei casi, potrebbe prevedere l’assunzione di farmaci e integratori, utili a stimolare il sistema nervoso, o di psicofarmaci. 

Si può ricorre anche al supporto della psicoterapia.

Come migliorare la memoria dopo i 50 anni

Soprattutto con l’avanzare dell’età, dopo i 50 anni, è importante seguire alcuni accorgimenti che possono influire sulle capacità cognitive.

Alcuni rimedi per migliorare la memoria comprendono:

  • Avere uno stile di vita sano 
  • Seguire una dieta equilibrata
  • Fare esercizio fisico
  • Allenare la mentre attraverso calcoli, cruciverba, lettura
  • Imparare nuove cose
  • Ascoltare la musica
  • Circondarsi dei propri affetti
Condividi
Redazione
Scritto da Redazione

La redazione di Pazienti.it crea contenuti volti a intercettare e approfondire tutte le tematiche riguardanti la salute e il benessere psificofisico umano e animale. Realizza news e articoli di attualità, interviste agli esperti, suggerimenti e spunti accuratamente redatti e raccolti all'interno di categorie specifiche, per chi vuole ricercare e prendersi cura del proprio benessere.

a cura di Dr.ssa Irené Matichecchia
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
icon/chat