icon/back Indietro Esplora per argomento

Come ama un bipolare? Il comportamento bipolare in amore

Anna Nascimben | Editor

Ultimo aggiornamento – 07 Marzo, 2024

Due uomini si baciano

È possibile identificare dei pattern contraddistinguono il comportamento bipolare in amore?

Cosa occorre sapere prima di iniziare una relazione affettiva con una persona che soffre di questo disturbo? Come ama un bipolare e quali atteggiamenti tipici mette in atto? 

Scopriamolo insieme.

Come si comporta un bipolare in amore?

Il disturbo bipolare è una problematica del comportamento che può mettere a dura prova le relazioni affettive e sociali dei soggetti che ne soffrono.

Solitamente esso si manifesta con un'alternanza di stati d'animo "maniacali" e depressi. Durante la prima fase il soggetto prova una forma di esaltazione che lo fa sentire invincibile, pieno di energie, avventuroso, sicuro di sé e romantico.

Quando subentra la fase depressiva, invece, il bipolare sprofonda in uno stato di forte tristezza, diventa apatico, letargico, insicuro e angosciato.

Sebbene disturbo bipolare e amore non siano totalmente incompatibili fra loro, è evidente che il passaggio così brusco e repentino fra uno stato umorale e un altro può, se l'altro partner non è preparato, mettere veramente a dura prova la relazione.


Potrebbe interessarti anche:


Solitamente il disturbo bipolare in amore si manifesta con un primo momento di grandissima esaltazione, che corrisponde grossomodo all'innamoramento.

Durante la prima fase iniziale il comportamento della persona è caratterizzato da esternazioni plateali, gesti romantici molto teatrali e dichiarazioni d'amore incondizionato.

Successivamente, la persona che soffre di questo problema tende a raffreddare improvvisamente il suo comportamento e si allontana senza che sia avvenuto niente di specifico all'interno del rapporto. Il soggetto si chiude in sé stesso e appare distaccato e sconnesso, a tratti ostile.

Disturbo bipolare e amore: come si manifesta?

Una persona bipolare in amore mette in atto uno schema di comportamento caratterizzato dall'alternanza tra fasi di esaltazione e fasi di distacco, con la possibilità che si verifichino anche situazioni "miste".

Ecco degli esempi:

  • Episodi maniacali: Durante questo periodo il bipolare può attraversare momenti in cui mette in atto manie e ossessioni, oppure può agire in modo impulsivo e aggressivo, cercando anche il conflitto con gli altri. D'altro canto quando un bipolare si innamora è euforico, allegro, ottimista e dedica molto tempo al suo partner: è proprio in questo momento che l'altro rimane affascinato da questo modo di fare così intrigante e ricco di energia.
  • Episodi depressivi: In questa fase il disturbo bipolare nelle relazioni amorose si esprime con un partner evitante che tende ad essere ostile, freddo e distaccato. In alternativa la persona può assumere un atteggiamento vittimistico e scivolare nella depressione. Nella fase acuta la persona può avere pensieri di carattere suicida, perdita di appetito nonché un decremento sensibile della voglia di svolgere tutte quelle attività che fino a poco tempo prima venivano ritenute piacevoli e soddisfacenti.
  • Episodi misti: Si verificano quando i sintomi maniacali e quelli depressivi compaiono in concomitanza, mettendo a dura prova la stabilità del rapporto.

Bipolarismo e amore: come aiutare un partner bipolare

Vivere un amore bipolare non è impossibile, tuttavia richiede un grande sforzo e una certa consapevolezza di come si esprima il disturbo all'interno del pattern comportamentale che caratterizza il partner.

Per fare in modo che la relazione abbia successo è fondamentale che fra le due persone vi sia una comunicazione onesta e aperta, con un confronto costante sulla natura dei sintomi che caratterizzano il disturbo.

Ecco allora qualche consiglio su come comportarsi con un bipolare:

  • Riconoscere il disturbo: Molto spesso il soggetto non è consapevole di essere affetto da un disturbo dell'umore e, di conseguenza, neppure il partner ha la percezione che vi sia un problema da affrontare con l'aiuto della terapia psicologica. Fondamentale è, invece, identificare la presenza del disturbo e attivarsi per tenerlo sotto controllo.
  • Parlare dei triggers scatenanti: Il bipolare sa amare e, con le dovute accortezze, può intrattenere relazioni sentimentali soddisfacenti. Un grande aiuto per mantenere stabile il rapporto arriva dall'individuazione dei trigger, ovvero dai fattori scatenanti che fanno passare il bipolare da uno stato umorale all'altro.
  • Aiutare il partner a seguire la terapia psicologica e, se dovessero essere stati prescritti, ad assumere regolarmente i farmaci. Com'è stato ampiamente dimostrato, un bipolare può amare, visto che è assolutamente in grado di provare affetto sincero per il partner, tuttavia in alcuni casi è fondamentale assumere i medicinali prescritti (che sono, solitamente, stabilizzatori dell'umore) e rispettare le indicazioni terapeutiche ricevute dal proprio medico.
  • Parlare con qualcuno: Avere un partner bipolare non è facile, pertanto può rendersi necessario un supporto psicologico esterno che aiuti a gestire le varie fasi umorali del partner.
  • Contribuire a diminuire i fattori di stress che possono incidere sull'umore del soggetto bipolare. Utili in questo senso sono attività come la meditazione, le passeggiate nella natura e l'attività fisica.
  • Pianificare attentamente le proprie giornate, evitando di incorrere in cambiamenti troppo bruschi o repentini, in modo da mantenere l'umore del partner il più stabile possibile.
  • Osservare uno stile di vita regolare, cercando di rispettare una dieta sana e di dormire una corretta quantità di ore a notte.

Il comportamento bipolare in amore in uomini e donne

Il bipolarismo in amore si manifesta con la tipica alternanza tra fasi di "up", in cui il soggetto è energico e pieno di vita, e quelle di "down", che possono sfociare in vere e proprie crisi depressive. Esiste una differenza nel modo in cui il bipolare vive le relazioni sentimentali a seconda del sesso di appartenenza?

In altre parole, vi è uno scarto nel comportamento tra un uomo bipolare in amore e una donna che soffre dello stesso disturbo? In linea generale il modo con cui si manifesta questa problematica dell'umore è la stessa.

Durante la fase di esaltazione, essi possono quindi contraddistinguersi per:

  • Un modo di vivere la relazione totalizzante. Il bipolare (sia maschio che femmina) si dedica anima e corpo al partner, esibendosi in dimostrazioni d'affetto plateali o in gesti romantici.
  • Una forte carica sessuale e l'aumento della libido.
  • Una grandissima energia, che si esprime nel desiderio di vivere a 360° la relazione, con un'intensità e una vitalità quasi fuori dal comune.
  • Buon'umore, allegria, ottimismo, predisposizione a intraprendere nuovi progetti.
  • Poco bisogno di dormire e uno stato di esaltazione psicologica.

Disturbo bipolare e relazioni affettive sono due aspetti che possono convivere, a patto di essere consapevoli dell'altra faccia della medaglia, ovvero della fase depressiva che insorge in seguito a quella maniacale.

In questo caso una moglie bipolare o un marito che soffre del medesimo disturbo va incontro a:

  • Brusca diminuzione del desiderio sessuale.
  • Perdita di interesse nei confronti del partner.
  • Allontanamento e distacco dalla relazione.
  • Possibili tradimenti. È proprio durante questa fase che il rapporto affettivo può venire messo in discussione da un tradimento messo in atto dal partner bipolare.
  • Tristezza, depressione, letargia, nessuna volontà di vivere la relazione o di intraprendere qualcosa insieme al partner;
  • Mancanza di entusiasmo, paura del futuro, ansia.
  • Sensazione di fallimento e atteggiamenti vittimistici.
Condividi
Anna Nascimben | Editor
Scritto da Anna Nascimben | Editor

Con una formazione in Storia dell'Arte e un successivo approfondimento nello studio del Digital Marketing, mi occupo da anni di creare contenuti web. In passato ho collaborato con diversi magazine online scrivendo soprattutto di sport, vita outdoor e alimentazione, tuttavia nel corso del tempo ho sviluppato sempre più attenzione nei confronti di temi come il benessere mentale e la crescita interiore.

a cura di Dr. Giuseppe Iannone
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Anna Nascimben | Editor
Anna Nascimben | Editor
in Mental health

915 articoli pubblicati

a cura di Dr. Giuseppe Iannone
Contenuti correlati
Sindrome dell'abbandono: cos'è e come si supera
Sindrome dell'abbandono: cos'è e come superarla

Cos'è la sindrome dell'abbandono e da cosa è determinata? Si può risolvere e con quali soluzioni? Ecco tutto quello che c'è da sapere su questo argomento.

Massaggio prostatico: di cosa si tratta?
Massaggio alla prostata: benefici per la coppia e la salute

Il massaggio alla prostata è una pratica sessuale, ma anche medica, che permette di esplorare il proprio corpo: scopri quali sono i benefici di tale atto.

icon/chat