Musicoterapia: tutto quello che c'è da sapere

Redazione

Ultimo aggiornamento – 14 Dicembre, 2022

Musicoterapia: Cosa Sapere?

La musicoterapia ha diversi benefici nascosti e potenzialità curative studiate fin dall'antichità.

Si è tentato, con lo sviluppo della medicina moderna, di approfondire le funzionalità dell'ascolto o della produzione di melodie, avvalendosi di mezzi sempre più avanzati.

Di seguito proviamo ad entrare più nel dettaglio.

Cos'è la musicoterapia?

Come suggerisce la parola stessa, la musicoterapia è una terapia che attraverso la musica e i suoi aspetti funzionali contribuisce a migliorare il benessere psico-fisico dell’individuo.

Le caratteristiche utilizzate sono il suono, il ritmo, la melodia e l’armonia.

Il musicoterapista, un professionista qualificato e formato nella disciplina, facilita e favorisce:

  • la comunicazione;
  • la relazione;
  • l’apprendimento;
  • la motricità;
  • l’espressione emotiva.

Le modalità di approccio di questa figura possono essere di due tipi:

  1. musicoterapia attiva, ovvero suonare qualcosa: l'interazione avviene tramite la produzione diretta di suoni utilizzando voce, strumenti musicali o semplici oggetti;
  2. musicoterapica recettiva, ovvero ascoltare qualcosa: l'interazione avviene tramite l'ascolto di un brano, la sua percezione, l'immaginazione e l'elaborazione delle melodie proposte.

Perché la musicoterapia fa bene alla mente e al corpo?

Gli effetti benefici della musica sono noti fin dall'antichità. 

Ascoltare musica, cantare ma anche ballare, sono tutte attività che favoriscono il benessere e il buonumore. 

Partendo da questo assunto, la musicoterapia sfrutta il potenziale evocativo derivante dalla musica per trattare numerosi disturbi e patologie, promuovendo una sensazione di benessere generale nell’individuo.

Diversi studi hanno evidenziato come la musica aiuti a ridurre:

  • l’ansia;
  • lo stress;
  • la pressione sanguigna;
  • il rischio di incorrere in disturbi dell'apparato cardiocircolatorio.

Inoltre, aumenta le nostre difese immunitarie.

Numerose ricerche scientifiche hanno, inoltre, dimostrato come la musica sia in grado di incidere positivamente sull’attività neuronale del nostro cervello.

L’ascolto della musica attiva il sistema endocannabinoide e induce l’aumento di ossitocina, l’ormone della felicità. Entrambi aiutano a migliorare l’umore e hanno un forte effetto analgesico.

Proprio per i suoi numerosi benefici, la musicoterapia è indicata per soggetti di tutte le età, in quanto priva di controindicazioni. 

Quando si utilizza la musicoterapia?

La musicoterapia è un trattamento di tipo educativo, riabilitativo e terapeutico.

Essa viene utilizzata in diversi ambiti e contesti, in particolare nella cura e nel trattamento di diversi disturbi di natura psicologica, neurologica e cognitiva. 

Grazie ai suoi effetti benefici a livello emotivo e psicofisico, la musicoterapia viene utilizzata per alleviare e risolvere i sintomi provocati dai seguenti disturbi:

  • disturbi dell’umore;
  • stress;
  • insonnia e altri disturbi del sonno;
  • disturbi post traumatici;
  • malattie neurodegenerative, come il Parkinson e l’Alzheimer;
  • disturbi del comportamento;
  • disturbi dell’apprendimento;
  • disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (ADHD);
  • disturbi psicosomatici;
  • disturbi dello spettro autistico.

Come evidenziato da numerosi studi scientifici, la musicoterapia aiuta a promuovere, recuperare o mantenere il benessere della persona nella sua complessità, offrendo possibilità di crescita e di sviluppo individuale.

Redazione
Scritto da Redazione

La redazione di Pazienti.it crea contenuti volti a intercettare e approfondire tutte le tematiche riguardanti la salute e il benessere psificofisico umano e animale. Realizza news e articoli di attualità, interviste agli esperti, suggerimenti e spunti accuratamente redatti e raccolti all'interno di categorie specifiche, per chi vuole ricercare e prendersi cura del proprio benessere.

a cura di Dr.ssa Giusy Messina
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Redazione
Redazione
in Mental health

1782 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Giusy Messina
Contenuti correlati
Due persone a un funerale
Morte di un figlio: come superare un lutto

La morte di un figlio è un momento pieno di dolore che lascia numerosi strascichi anche negli anni a venire: scopri come cercare di superare il lutto.

Ragazza rannicchiata su un letto con i dolori mestruali
Disturbo disforico premestruale: ecco di cosa si tratta

Tristezza pre ciclo e ansia premestruale? Potrebbe trattarsi del disturbo disforico premestruale. Scopri cos'è, i sintomi e come può essere trattato.

icon/chat