icon/back Indietro Esplora per argomento

Punto L: dove si trova a come stimolarlo

Valentina Montagna | Editor

Ultimo aggiornamento – 01 Dicembre, 2022

Scopriamo cosa è il Punto L e come stimolarlo

Cos'è e dove si trova il Punto L? Se ne avete sentito parlare ma non avete ancora approfondito, in questo articolo cerchiamo di fare chiarezza su quello che può essere definito come il punto G maschile.

Detto anche Punto P, (da P-spot, Prostatic Spot), il Punto L è una zona erogena maschile che, se stimolata, può dare un piacere molto intenso e duraturo, che si farà percepire in tutto il corpo (come sostiene chi ne ha provato gli effetti).

Cos’è il Punto L

Abbiamo appurato che il Punto L è il Punto G degli uomini, la loro zona erogena, un'area sensibile che porta all'eccitazione sessuale quando viene stimolata e che può anche portare a raggiungere l'orgasmo.

Perché si chiama Punto L? 

La denominazione "Punto L" deriva dall'iniziale del cognome della dottoressa che l'ha scoperto: Elisabetta Leslie Leonelli, sociologa, psicoterapeuta e amorologa (come ama definirsi). Ma, come premesso, il Punto L è anche conosciuto come "Punto P" (da P-spot, Prostatic Spot).

Detto ciò, possiamo quindi riconoscere che anche la sessualità maschile è abbastanza complessa, dato che esistono altri modi per provare piacere e per raggiungere l'orgasmo: se davvero esiste il Punto L, ciò significa che il piacere maschile non è solo dato dalla stimolazione del pene. Si può avere un orgasmo anche concentrandosi sul Punto L.

Se ben stimolato, infatti, il punto G dell'uomo può dare un piacere molto intenso e più duraturo rispetto a quello che si raggiunge nel modo più convenzionale, per via delle terminazioni nervose che caratterizzano questa zona.

Punto L maschile dove si trova 

Il Punto L si trova a circa 4-5 centimetri all'interno del retto, in corrispondenza della ghiandola prostatica, una piccola ghiandola muscolare sotto la vescica, compresa tra il retto e il pene. 

La sua collocazione interna va immaginata alla base del pene, tra i testicoli e l’ano. Una zona molto sensibile questa, che può essere stimolata in vari modi, con il massaggio, con la penetrazione e con il rapporto orale.

Oltre a essere una zona erogena, la ghiandola prostatica è importante anche per un altro motivo. La piccola ghiandola, infatti, è coinvolta nella funzione riproduttiva maschile, ossia produce una sostanza, liquido pre-seminale, che protegge gli spermatozoi e fuoriesce durante l'eiaculazione

Punto G uomo come stimolarlo 

Come stimolare il punto L

Quindi, come stimolare il Punto L? 

Il cosiddetto Punto G maschile può essere stimolato in due diversi modi e ovviamente usando varie pratiche erotiche: dall'interno, attraverso la penetrazione anale, e dall'esterno massaggiando con le dita dei punti sensibili o con il sesso orale.

Esternamente, la stimolazione del Punto L avviene massaggiando la zona del perineo, tra i testicoli e l’ano, praticando lievi pressioni con le dita, facendo movimenti in avanti e indietro dallo scroto all’ano, e poi eseguendo movimenti circolari. L'alternanza dei movimenti crea maggiori opportunità di piacere.

In sostanza, il perineo è un muscolo attivo che si trova nella parte più bassa del bacino, appena sotto i muscoli del pavimento pelvico che supportano la vescica, il retto e i relativi sfinteri. 

Questo tipo di massaggio anale, così definito per la zona che coinvolge, si può fare con le dita ma anche con gadget ad hoc, come uno stimolatore o un vibratore, detto anche anal toy. Il nome tecnico, in riferimento alla zona erogena stimolata, è "massaggiatore prostatico".

Stimolazione Punto L con il massaggio prostatico

Come abbiamo visto, la stimolazione del Punto L si può praticare con il massaggio prostatico, anche noto come milking o "mungitura della prostata".

In effetti, il massaggio prostatico può causare la fuoriuscita del liquido lattiginoso dall’uretra, ovvero il liquido pre-seminale, o fluido prostatico, che precede l’orgasmo e l'eiaculazione. 

A questo punto, è giusto chiedersi se è possibile raggiungere l’orgasmo con il massaggio prostatico

La sensazione derivata dalla stimolazione del Punto L è molto piacevole, se si esegue il massaggio alternando i movimenti in avanti e indietro a quelli circolari. Tuttavia, non è detto che vi sia necessariamente un’eiaculazione ogni volta che viene stimolata questa zona erogena.

Il termine mungitura della prostata viene utilizzato anche per indicare un massaggio prostatico terapeutico. Infatti, la tecnica non è solo uno strumento di piacere perché viene usata per trattare i sintomi dei problemi alla prostata e di alcune patologie, come l’eiaculazione dolorosa associata alla prostatite, i disturbi erettili legati all'ingrossamento della prostata.

I benefici del massaggio della prostata sono diversi, tra questi gli viene riconosciuto il merito di migliorare la circolazione sanguigna e aumentare l’ossigenazione dei tessuti.

Come stimolare il Punto L con la penetrazione anale

Sembra che stimolare il Punto L maschile con la penetrazione anale produca un piacere così intenso da riverberarsi in ogni altro punto del corpo.

Trovandosi dietro alla base del pene, nella parte anteriore del retto, il Punto L è raggiungibile penetrando a una profondità di circa 4-5 cm con un dito, con un pene o con un giocattolo erotico. 

Condividi
Valentina Montagna | Editor
Scritto da Valentina Montagna | Editor

La mia formazione comprende una laurea in Lingue e Letterature Straniere, arricchita da una specializzazione in Web Project Management. La mia esperienza nel campo si estende per oltre 15 anni, nei quali ho collaborato con nutrizionisti, endocrinologi, medici estetici e dermatologi, psicologi e psicoterapeuti e per un blog di un'azienda che produce format televisivi in ambito alimentazione, cucina, lifestyle.

a cura di Dr.ssa Silvia Bertolotti
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Valentina Montagna | Editor
Valentina Montagna | Editor
in Relazioni

532 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Silvia Bertolotti
Contenuti correlati
ragazzi abbracciati davanti allo specchio
Orgasmo anale: è possibile? Ecco un approfondimento

L'orgasmo anale può verificarsi esattamente come gli altri tipi di eccitazione, ma si manifesta in maniera meno frequente. Scopriamo di cosa si tratta.

Donna stringe il lenzuolo sdraiata sul letto
Orgasmo clitorideo: quali differenze con quello vaginale?

Il piacere femminile è complesso: scopri di più sulle sensazioni dell'orgasmo clitorideo e sulle caratteristiche che lo differenziano da quello vaginale. 

icon/chat