Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Clostridium Difficile

Clostridium difficile

Clostridium difficile
Curatore scientifico
Dr. Bruno Tozzi
Specialità del contenuto
Gastroenterologia Microbiologia e virologia

Che cos'è il clostridium difficile?

Il tratto digestivo umano è sede di ben 1.000 diverse specie di microrganismi. La maggior parte di essi sono innocui, ma quando qualcosa sconvolge l’equilibrio del nostro intestino, questi possono crescere in quantità fuori controllo e provocare danni.

Uno dei peggiori criminali è il Clostridium Difficile, che rilascia tossine che attaccano il rivestimento dell’intestino causando la colite.

Colpisce più comunemente gli adulti più anziani che si trovano in ospedali o in strutture di cura a lungo termine e si verifica in genere dopo l'uso di farmaci antibiotici. Tuttavia, gli studi mostrano un aumento dei tassi di infezione da clostridium difficile tra le persone tradizionalmente non considerate ad alto rischio, come ad esempio i soggetti più giovani e sani.

Quali sono le cause del clostridium difficile?

I batteri del clostridium difficile si trovano in tutto l'ambiente: nel suolo, nell'aria, nell'acqua, nelle feci umane e animali e nei prodotti alimentari, come le carni lavorate. Un piccolo numero di persone sane porta naturalmente i batteri nel proprio intestino e non ha gli effetti nocivi dell'infezione.

L'infezione da clostridium difficile è più frequentemente associata all'assistenza sanitaria e al recente utilizzo degli antibiotici, che si verificano negli ospedali e in altri centri sanitari dove una percentuale molto più elevata di persone trasporta i batteri. Tuttavia, gli studi mostrano un aumento dei tassi di infezione da clostridium difficile associata alla comunità, che si verifica tra le popolazioni tradizionalmente non considerate ad alto rischio, come i bambini e le persone senza storia di uso di antibiotici o recente ricovero.

Spore dai batteri di clostridium difficile sono passate nelle feci e si diffondono nel cibo, nelle superfici e negli oggetti quando le persone infettate non si lavano le mani in modo accurato. Queste spore possono persistere in una stanza per settimane o mesi.

L’intestino contiene circa 100 trilioni di batteri e fino a 2.000 diversi tipi di batteri, molti dei quali aiutano a proteggere il corpo dalle infezioni. Quando si prende un antibiotico per trattare un'infezione, questi farmaci tendono a distruggere alcuni dei normali batteri utili oltre ai batteri che causano l'infezione. Senza abbastanza batteri sani per tenerlo sotto controllo, il clostridium difficile può rapidamente diffondersi. Gli antibiotici che più spesso portano a infezioni da clostridium difficile includono fluorochinoloni, cefalosporine, penicilline e clindamicina.

Una volta stabilito, il clostridium difficile può produrre tossine che attaccano il rivestimento dell'intestino. Le tossine distruggono le cellule e producono placche di cellule infiammatorie e detriti cellulari in decomposizione all'interno del colon e causano diarrea acquosa.

È emerso un ceppo aggressivo di clostridium difficile che produce tossine molto più di altri ceppi. Il nuovo ceppo può essere più resistente a determinati farmaci e si è palesato in persone che non sono state in ospedale o hanno preso antibiotici. 

Quali sono i sintomi?

Alcune persone portano nel loro intestino il batterio del clostridium difficile, ma non si ammalano mai, anche se possono diffondere l'infezione. I segni e i sintomi di solito si sviluppano entro 5-10 giorni dopo l'inizio di un ciclo di antibiotici, ma possono verificarsi anche il primo giorno o fino a due mesi dopo.

I sintomi più comuni di infezione da clostridium difficile da lieve a moderata sono:

  • Diarrea acquosa tre o più volte al giorno per due o più giorni
  • Crampi addominali
  • Infezione grave

In casi gravi, le persone tendono ad essere disidratate e potrebbero essere necessari ricoveri. Il clostridium difficile provoca l'infiammazione del colon (colite) e talvolta può formare macchie sulla pelle che possono sanguinare o produrre pus.

I segni e i sintomi di un’infezione grave includono:

Quali sono i fattori di rischio?

Anche se le persone, compresi i bambini, senza fattori di rischio conosciuti si sono ammalati di clostridium difficile, alcuni fattori aumentano il rischio.

I fattori di rischio associati ai farmaci includono:

  • Assumere antibiotici
  • Prendere antibiotici ad ampio spettro che mirano ad una vasta gamma di batteri
  • Utilizzare più antibiotici
  • Prendere antibiotici per un lungo periodo
  • Prendere farmaci per ridurre l'acido dello stomaco, inclusi inibitori della pompa protonica

La maggior parte dei casi di clostridium difficile si verifica o dopo aver soggiornato in strutture sanitarie, compresi gli ospedali, le case di cura e le strutture di assistenza a lungo termine, dove i germi si diffondono facilmente, o dopo l'uso di antibiotici, soprattutto per le persone particolarmente vulnerabili all'infezione. Negli ospedali e nelle case di cura, il clostridium difficile si diffonde prevalentemente con il contatto da persona a persona, ma anche attraverso i carrelli, i comodini, i servizi igienici, i lavandini, gli stetoscopi, i termometri, i  telefoni e i telecomandi.

Se si soffre di una grave malattia, come la malattia intestinale infiammatoria o il cancro del colon-retto o si ha un sistema immunitario indebolito a seguito di una condizione medica o di un trattamento (come la chemioterapia), si è più suscettibili ad un'infezione da clostridium difficile. Il rischio di infezione è maggiore se si ha subito chirurgia addominale o una procedura gastrointestinale.

L'età più anziana è anche un fattore di rischio per l'infezione da clostridium difficile.

Dopo aver avuto una precedente infezione da clostridium difficile, le possibilità di avere un’altra infezione può raggiungere il 20% e il rischio aumenta ulteriormente dopo ogni infezione.

Quali sono le sue complicazioni?

Le complicanze delle infezioni da clostridium difficile includono:

  • Disidratazione. La diarrea grave può portare ad una notevole perdita di liquidi e di elettroliti. Questo rende difficile il corretto funzionamento del corpo e può causare la caduta della pressione sanguigna a livelli pericolosamente bassi.
  • Insufficienza renale. In alcuni casi, la disidratazione può verificarsi in modo talmente rapido da rovinare rapidamente la funzione renale (insufficienza renale).
  • Megacolon tossico. In questa condizione rara, il colon non è in grado di espellere gas e feci, causando una grande distensione (megacolon). Lasciato non trattato, il colon può rompersi, causando l’entrata dei batteri dal colon nella cavità addominale. Un colon ingrandito o una sua rottura richiede la chirurgia d'emergenza e può essere fatale.
  • Un buco nell’intestino (perforazione intestinale). Ciò è raro e risulta da danni estesi al rivestimento dell’intestino grande o dopo megacolon tossico. Un intestino perforato può spargere batteri dall'intestino nella cavità addominale, portando ad un’infezione minacciosa (peritonite).
  • Morte. Anche le infezioni da clostridium difficile possono rapidamente progredire in una malattia fatale se non trattate prontamente.

Come si diagnostica?

I medici spesso sospettano di clostridium difficile in chiunque abbia diarrea e che abbia preso antibiotici negli ultimi due mesi o quando la diarrea si sviluppa pochi giorni dopo l'ospedalizzazione. In questi casi, è probabile si debbano eseguire dei test.

Le tossine prodotte dai batteri del clostridium difficile possono essere rilevate da un campione di feci. Esistono diversi tipi principali di test di laboratorio e comprendono:

  • Test immunologico dell'enzima (EIA): è più veloce di altri test, ma non è abbastanza sensibile per rilevare molte infezioni e ha un tasso più elevato di prove falsamente negative.
  • Reazione a catena della polimerasi. Questo test molecolare sensibile può rapidamente rilevare il clostridium difficile ed è altamente accurato.
  • GDH / EIA. Alcuni ospedali usano una glutammato deidrogenasi (GDH) in conduzione con un test di EIA. Il GDH è un dosaggio molto sensibile e può escludere la presenza di clostridium difficile nei campioni di feci.
  • Citotossicità cellulare. Un test di citotossicità cerca gli effetti della tossina del clostridium difficile sulle cellule umane coltivate in una coltura. Questo tipo di test è sensibile, ma è meno disponibile, più complicato da fare e richiede 24-48 ore per i risultati del test. Alcuni ospedali utilizzano sia il test di EIA che il saggio della citotossicità cellulare per garantire risultati accurati.

In casi rari, per aiutare a confermare una diagnosi di infezione da clostridium difficile e cercare alternative, il medico può esaminare l'interno del colon. Questo test (sigmoidoscopia flessibile o colonscopia) prevede l'inserimento di un tubo flessibile con una piccola fotocamera ad una estremità del colon per cercare aree di infiammazione e pseudomembrane.

Se il medico è preoccupato per le possibili complicanze da clostridium difficile, può ordinare una radiografia addominale o una tomografia computerizzata che fornisce immagini del colon. La scansione può rilevare la presenza di complicanze come l'ispessimento della parete del colon, l'espansione dell'intestino o, più raramente, un foro (perforazione) nella membrana del colon.

Come si cura il clostridium difficile?

In genere, per guarire da un’infezione causata dal clostridium difficilis serve un ciclo, della durata di 10/14 giorni, a base si uno dei seguenti antibiotici per via orale:

  • Metronidazolo (Flagyl)
  • Fidaxomicina (DIFICID)
  • Ovancomicina (Vancocin)

Il miglioramento avviene nell’arco di 72 ore, anche se in circa il 25% dei casi è necessario un secondo ciclo di trattamento.

La cura non è però soltanto a base di farmaci. Molto efficaci si sono di dimostrati i Probiotici, batteri buoni che colonizzano l’intestino, reperibili, senza ricetta medica, in tutti i negozi di prodotti naturali. Anche mantenersi ben idratati, bevendo molta acqua e fluidi, o ricevendoli per via endovenosa, può aiutare.

Per i casi gravi sono allo studio vari trattamenti come quello con anticorpi monoclonali ed il trapianto fecale.

In caso di sospetta infezione da Clostridium rivolgetevi ad un medico prima di assumere farmaci antidiarroici perché questi potrebbero peggiorare la situazione.

Come si può prevenire l'infezione da clostridium difficile?

La trasmissione del batterio può avvenire in modo molto semplice. Basta infatti che superfici asciutte, che sono entrate in contatto con il germe, anche molto tempo prima, siano toccate perché le spore si diffondano. Ma fortunatamente basta seguire delle semplici regole per evitare che ciò accada, come:

  • lavarsi le mani spesso con acqua e sapone;
  • usare guanti usa e getta quando si entra a contatto con persone infette da clostridium difficile;
  • usare disinfettanti a base di cloro per pulire le superfici o gli oggetti che possono essere entrati in contatto con un paziente infetto;
  • usare il sapone e un disinfettante a base di cloro per lavare le mani entrate in contatto con le feci;
  • se si va a trovare qualcuno in ospedale lavare le mani prima, durante e dopo la visita, soprattutto se si va in bagno;
  • non usare antibiotici se non sotto prescrizione medica;
  • se si è stati infettati da clostridium difficile lavarsi le mani con acqua e sapone prima di mangiare e dopo essere andati in bagno.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Diarrea
La diarrea è un disturbo dell'intestino consistente nell’aumento della frequenza giornaliera dell’evacuazione.
Ernia
Un'ernia si verifica quando gli organi interni spingono verso l'esterno, su parete muscolare e tessuti, producendo il caratteristico rigo...
Nausea
La nausea è la sensazione di vomito e può essere acuta, di breve durata o prolungata. La nausea può avere cause fisiche o psicologiche.